E’ calata la maschera !

Ora basta, torniamo agli antichi Comuni

Velocifero –

L’improvvida e maldestra “gaffe” del Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, (Vado Ligure – Savona – Pra’ – Genova) Paolo Emilio Signorini, che ha definito il Ponente Genovese, ed in particolare Pra’, visto che parlava di porti, “zona meno pregiata” della città di Genova, ha fatto finalmente, metaforicamente, calare la maschera dalle facce di chi, per decenni, ha amministrato il porto ma, anche e colpevolmente, pure la città di Genova. Purtroppo non è cambiato niente da quando, in quell’infausto 5 Gennaio 1926, la “nomenklatura” genovese convinse un tal Benito Mussolini ad accorpare, forzosamente e senza alcuna consultazione popolare, i comuni limitrofi alla Città di Genova, in quel disegno di “Dominante” e di città egemone nel Mediterraneo miseramente fallito prima sotto le bombe alleate e poi per colpa della miopia e dell’assoluta mancanza di visione, di grandi idee e, anche, di etica e giustizia, delle classi politiche cittadine che si sono avvicendate negli ultimi decenni. Sappiamo tutti come è andata a finire: Sampierdarena “containerizzata” e trasformata in un “quasi-ghetto”; Cornigliano devastata ed intossicata da uno stabilimento siderurgico; Sestri devastata per l’aeroporto; Multedo massacrata dal Porto Petroli, Pra’ sfregiata da porto e dalle colate di cemento sulle colline; Pegli e Voltri per fortuna parzialmente risparmiate ma strette in una morsa minacciosa e ben lontane dai bei tempi antecedenti all’annessione. Dall’altra parte, invece, a Levante, tutto è rimasto quasi intatto. Certo anche là si lamentano, giustamente, per la mediocrità dei servizi comunali. Basta però guardare le cartoline di Pra’ e di Nervi negli anni ’60 ed antecedenti ed osservare gli stessi scorci al giorno d’oggi per capire quanto barbaro, ingiusto e crudele sia stato il trattamento riservato al Ponente. Quanto sarebbe stato e sarebbe bello riscoprire e sfruttare le grandi potenzialità di Genova come “città policentrica”, dove in pratica non esiste “la periferia” secondo il concetto classico delle grandi città, ma un insieme, un susseguirsi, di paesi e di piccoli borghi, con un grande patrimonio artistico e potenziale turistico distribuito su tutto il territorio, in un “tutti per uno, uno per tutti”, dove non ci sono un centro ed una periferia, ma un unico tessuto cittadino sinergico, con pari dignità. Accomunati in un’unica, condivisa, grande, visione.

 Purtroppo, la triste essenza delle parole pronunciate, forse per “lapsus freudiano” dal Signorini non lasciano spazi a dubbi: il Ponente Genovese, e più nello specifico, in tema di porti, Pra’ e Multedo, sono ancora oggi considerate colonie dove “la casta genovese” vuole continuare imperterrita a trasferire ed accumulare tutte le schifezze, i disagi e gli orrori ambientali che non si vuole disturbino “le zone più pregiate” del centro e del Levante. La stessa realizzazione del Bacino Portuale di Pra’, nel disegno di trasferire i “mucchi di container” dal centro al ponente è stata parte dell’infame disegno, che ha devastato il litorale praese facendo scomparire una delle più belle spiagge della Liguria, con 34 stabilimenti balneari, pescatori e maestri d’ascia. Ed ora si continua tranquillamente, come se niente fosse, prospettando di muovere a Pra’ anche i traghetti, “di minor pregio”, naturalmente, come quelli diretti in Nord Africa, dirottando così su Pra’ altre migliaia di TIR ed autoveicoli, mentre bisognerebbe almeno prima trasferire interamente su rotaia i container che vanno e vengono già adesso per e da il Porto di Pra’. Nel frattempo, discorsi e chiacchiere a parte, ancora neanche l’ombra di dune alberate, elettrificazione delle banchine e prolunganento della Fascia di Rispetto davanti al Sestiere di Pra’-Palmaro. A questo punto, se non si dovesse intravvedere, rapida e fattuale, un’ inversione di rotta nell’approccio della Città verso le sue quasi-periferie costituite da ex-comuni accorpati, e quindi dotate di storia, identità, ed innumerevoli “zone pregiate”, l’unica scelta per i martoriati cittadini delle Delegazioni Ponentine sarebbe quella di valutare seriamente l’idea di ritornare ad essere comuni autonomi. D’altra parte, ora che si è tutti accomunati nella “Città Metropolitana”, non si capisce per quale motivo, dalle parti di Ponente, Arenzano, con circa 11.000 abitanti, Cogoleto con circa 9.000, Masone, Campoligure e Mele, che ne contano meno di 3000 ciascuno, debbano continuare ad essere, e giustamente, dotati di una propria identità, con status di Comune, con tanto di Sindaco ed assessori e servizi comunali dedicati, capacità decisionale eccetera eccetera, e Pra’ che ne conta 25.000, ma anche Pegli da 28.000 e Voltri da 15.000 debbano continuare ad essere “colonie” genovesi private delle stesse identità, rappresentanze specifiche e poteri decisionali e di auto-determinazione per essere accomunate nel “baraccone municipale” di Ponente con zero poteri, alla mercè delle decisioni di questo o quello comodamente accomodati in Centro o nel Levante Genovese, a decidere in modo improvvido e penalizzante sulle sorti di quasi 70.000 cittadini a cui è lasciato solo il “lusso” del mugugno, ma senza compensazione economica, come era almeno concesso persino ai marinai delle galere genovesi. Anche le entità più ragionevoli e dialoganti del territorio come la FondAzione PRimA’vera, che ha da anni lanciato il concetto di “Porto di Pra’, Porto Amico” e promosso il dialogo propositivo con le Istituzioni stanno valutando l’opportunità di dissotterrare “l’ascia di guerra” ed avviare una nuova fase “bellicosa” sul territorio. I tamburi stanno ricominciando a rullare a Pra’, e già si mormora di ritornare al sano, rassicurante, giusto, equo, democratico, Comune di Pra’. E poi sì che se ne potrebbero vedere delle belle quando, nel rapporto Porto – Città, per quanto riguarda il bacino portuale di Pra’, i signori di Autorità Portuale ed i terminalisti dovrebbero avere a che fare, istituzionalmente, non più con il noncurante, lontano e persino complice Comune di Genova, ma bensì con il Comune di Pra’, democraticamente, e con i giusti poteri, a rappresentare i cittadini che, il porto, se lo trovano davanti alle finestre di casa. Meditate gente, meditate.

5 Comments

  1. Il concetto è in linea con quello espresso da molti lettori per l’articolo sulla gaffe del presidente Signorini. Sono d’accordo, Pra’ deve essere libera e avere il potere e la forza per influire sul porto. Così com’è ora dispersa nel municipio poteva solo continuare come al solito con tutta la rumenta e le schifezze dirottate su Prà.

  2. da art 133 costituzione “(..) la Regione, sentite le popolazioni interessate, può con sue leggi istituire nel proprio territorio nuovi Comuni e modificare le loro circoscrizioni e denominazioni”
    serve raccolta firme per proporre referendum,non si capisce bene quante, ho letto 5000 ma mi sembrano poche. Non so se concretizzare questa iniziativa sia la soluzione ma sicuramente potrebbe far tremare qualche tavolo.. la cosa più giusta sarebbe quantomeno la destinazione di una parte dell’indotto portuale alla cittadinanza per opere di compensazione come le famose dune di separazione o il progetto per estendere la passeggiata a Palmaro, ma soprattutto qualcosa che duri nel tempo:ad esempio un accordo per destinare annualmente una parte degli introiti a favore della delegazione (per rifacimento strade, manutenzione verde e perché no anche per contribuire all’organizzazione delle feste patronali sempre a rischio per mancanza fondi) insomma, detta in parole povere, non si capisce perché questo porto così prezioso per Genova non debba contribuire al miglioramento della zona in cui si trova e sulla quale fino ad oggi ha solo lucrato e speculato. Un pò di potere lo abbiamo, utilizziamolo per migliorare il posto nel quale cresceranno i nostri figli. Il momento per fare qualcosa è ADESSO.
    Laura

  3. Concordo pienamente con Laura, i” Signori del Porto”, con le buone o le cattive, dovranno accettare di destinare una quota parte degli introiti cospicui che essso produce, al risanamento del territorio, opere di compensazione, benessere dei cittadini.
    Naturalmente, a tempo indeterminato, e con costanza.
    Altrimenti, la Secessione prefigurata da Velocifero sara’ inevitabile!

  4. È già da tempo che anche io medito sulla possibilità di tornare a l’antico e cioè ai Comuni che esistevano in autonomia prima del forzoso accorpamento e dopo l’istituzione della Città Metropolitana mi è subito parsa la miglior scelta possibile.
    L’odiosa gàffe del Presidente Signorini ha reso il mio pensiero ancora più concreto… e urgente.
    Intanto stiamo tutti molto attenti e facciamo sentire forte e chiaro il nostro totale dissenso verso questa bella pensata!

  5. Non sarà facile la “secessione”. Oggi dobbiamo pensare a difender al meglio il fortino “PRA’ ” creando unione con tutte le forze sane del territorio per avere una forte e solida rappresentanza per contrastare qualsiasi prepotenza delle istituzioni.

Rispondi a Niclo Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*