E adesso? Dove parcheggio?

Antonella Freri –

Quanti sono i parcheggi davanti alla stazione?

Da una stima approssimativa del censimento i posti auto sono più di 600, ma i cittadini di Pra’ che la mattina verso le 10 scendono per andare al mercato o a fare la spesa si trovano nuovamente a fare i conti con il problema principale che si presentava anni fa: “dove parcheggiare?”

È il dilemma di ogni cittadino praese: la macchina dove la metto? Perché la mobilità sostenibile, come piace tanto dire oggi, è bella e green, ma c’è anche chi all’auto proprio non può rinunciare. E sempre lì, dunque, si torna: la macchina dove la metto? Il problema del parcheggio alla stazione di Pra’ è e sempre sarà una nota dolente. Non ce n’è mai abbastanza, e quei 600 posti auto sono quasi interamente occupati da pendolari provenienti dalle zone limitrofe che posteggiano l’auto davanti la stazione per prendere il treno, la loro autovettura resta parcheggiata per tutta la durata dell’orario di lavoro e il cittadino praese resta penalizzato dall’ impossibilità di posteggiare negli spazi, che dovrebbero essere riservati a coloro che prendono l’automobile per fare acquisti.

Capita sovente, soprattutto il mercoledì giorno di mercato, che dopo aver girato invano in lungo e in largo trovare un parcheggio diventa “mission impossible” e non resta altro da fare che rassegnarsi e tornare indietro delusi, danneggiando soprattutto i commercianti.

I parcheggiatori “foresti” non si fermano a comprare o a bere un aperitivo in un bar, scendono dal treno, prendono l’auto e se ne tornano nel loro paese.

Nasce la necessità di fare alcuni ragionamenti sul futuro dei parcheggi:

  • Per le strisce, blu destinare alcuni posto auto solamente ai residenti

  • Predisporre alcuni parcheggi a pagamento

Questo forse risolverebbe in parte il problema, vorrei ricordare che solo a Pra’ i parcheggi sono liberi e se questo voleva essere un’ulteriore ricompensa per il disagio subito, chi ne ha favorito sono solo i passeggeri dei treni locali.

16 Comments

  1. BOhhh…. strisce blu significa pagare qualcosa, orribile proposta da fare come utenza!!! Se il problema sono i “foresti” ma non solo loro, che mollano l’auto tutto il dì, si può sopperire con l’ausilio del disco orario.

    • Buona proposta il disco orario….magari a più fasce 15′, 30′, 1h; e basta alla sosta selvaggia…specialmente quella sulla Rotatoria all’altezza di Via Cordanieri

  2. concordo, il parcheggio deve essere regolamentato così si evita la sosta selvaggia dei pendolari di altre delegazioni.
    La regolamentazione anche con apposite “righe blu” deve essere studiata molto bene perchè non è facile determinare il concetto di residente se non viene rilasciato un pass specifico e comunque ci deve essere una entità che controlli, non come ora che neanche la polizia municipale vigila.
    Per la parte onerosa questa deve essere a carico dei non residenti ed il ricavato deve essere convogliato e gestito nell’ambito della manutenzione ordinaria e straordinaria del parcheggio e comunque se l’area interessata viene occupata per eventi di qualsiasi natura bisogna che le varie organizzazioni di tali manifestazioni paghino il dovuto alla delegazione e non al Comune. Ritengo sia indispensabile evitare la sosta agli “autoscontri” come già successo dove abbiamo assistito al tira e molla di un permesso che nessuno avrebbe concesso.
    L’area di posteggio è praina e tale deve essere, diffendiamo ciò a parziale ma molto parziale risarcimento del mal tolto.

  3. Giusto..una regolamentazione bisogna trovarla anche per limitare le auto fuori parcheggio che ormai si moltiplicano nel piazzale. Forse bisognerebbe pensare anche a dei pulmini che nelle ore di punta colleghino ogni 15 minuti la stazione ed i quartieri limitrofi. Ed ancora non è in funzione la fermata navebus. A proposito, che fine ha fatto il progetto di portarlo a pra nel nzovo approdo ?

  4. Ottime ossevazioni.
    Personalmente penso che la sia necessario introdurre il sistema di pagamento per i pendolari con abbonamenti calmierati. A patti che gli introiti vengano gestiti per il decoro urbano, la pulizia del verde e manutenzione delle aree di sosta di PRA ‘.
    Perché non chiamarle “strisce verdi?”
    Parallelamente sarebbero necessari spazi ZSL per i residenti.
    Ad ogni modo concordo che sarebbe necessario far sviluppare la mobilita su bici, sia con opportune piste ciclabili, aree parcheggio bici videosorvegliate e soprattutto il BIKE SHARING con mezzi a pedalata assistita.
    Viviamo in una zona pianeggiante sulla costa. Da voltri a pegli sono circa 5km di Pianura. Questi nuovi mezzi sono straordinari e potrebbero garantire un’ottima soluzione eco sostenibile.

  5. la bike sharing sta forse diventando una realtà in corso l’attuazione come . Vedremo il seguito io ho dato la disponibilità di un mio personale intervento presso chi di dovere attendo risposte

  6. Infatti hai ragione Yuri. Sono tutti bei discorsi che lasciano il tempo che trovano.
    Ma ve l’immaginate le bici nelle rastrelliere sul piazzale della stazione di Prà. Il bike sharing? E chi vigila?
    Sparirebbe tutto in meno di 24 h.
    Che facciano dei bei parcheggi con priorità gratuita per i pendolari praesi e gli altri paghino un ticket.
    Unica soluzione.

  7. Se si dovesse regolamentare la sosta si potrebbe introdurre la già sperimentata zsr zona sosta residenti dove con un bollino adesivo ottenibile presso gli uffici comunali quindi sia certificato che l’ utente abbi il diritto di parcheggiare come già in uso in altre zone della nostra città .

  8. Credo che valga effettivamente la pena di pensare ad una diversa
    regolamentazione dei parcheggi presenti nel piazzale della stazione
    e sulla Fascia di Rispetto con pedaggi diversificati per favorire sia
    i residenti che gli utenti del treno (in particolare i detentori di abbonamenti annuali e mensili) e di impiegare gli introiti dei pedaggi per la manutenzione ed il miglioramento della Fascia. Oltre ad un certo numero di parcheggi liberi (magari con disco orario), si potrebbero introdurre tariffe molto agevolate per i residenti, previa rilascio di apposito bollino o tagliando come avviene ad esempio nel Comune di Cogoleto, un pò meno convenienti ma comunque agevolate per i pendolari del treno con gli abbonamenti a cui si accennava sopra, ed invece tariffe un pò più in linea con quanto in uso in altre parti della città (sia orarie che per metà giornata) per tutti gli altri utenti. Sono anche d’accordo nel pensare, stabilire ed attuare idee, strumenti e provvedimenti per favorire sempre più l’uso della bicicletta.

  9. Viaggiate troppo con la fantasia senza conoscere la legge. L’area adibita a posteggio è pubblica, pertanto non si possono o mettere righe blu per i residenti e neanche far pagare chi viene da fuori. La stazione, il treno sono servizi pubblici… Ma state scherzando vero? Meglio non dire idiozie se non si conoscono le leggi statali e i regolamenti comunali. Il discorso è chiuso prima ancora di aprirlo. Quanto alle bici, ha ragione al mille per cento chi dice che sarebbe tutte rubate nel giro di 24 ore. Stiamo perdendo il senso della realtà, qui si sogna ad occhi aperti. Non esiste una stazione FS in Italia che abbia davanti un parcheggio a pagamenti per i non residenti.
    Follie.

  10. Mi permetto di far notare alla signora Enrica ed alla sua granitica ed invidiabilie sicumera che non stiamo parlando di 6 o 7 parcheggi al servizio della stazione ferroviaria ma di centinaia di parcheggi presenti sul grande piazzale davanti alla stazione ed in tutta la Fascia di Rispetto. E poi non mi pare che ad esempio nei dintorni delle stazioni Brignole e Piazza Principe ci sia tutto questo fiorire di parcheggi liberi. Ricordo anche che per anni accanto alla stazione di Pegli ci sono stati invece parcheggi a pagamento, ora inutilizzati e chiusi da qualche anno. Il fatto che Pra’ offra un indubbio servizio alla cittadinanza di tutto il Ponente genovese mettendo a disposizione centinaia di parcheggi di interscambio deve però potersi tradurre anche in un vantaggio per il territorio che questo servizio mette a disposizione: introdurre un sistema di regolamentazione con tariffe diversificate rappresenta secondo me un modo per realizzare questa cosa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*