Dune tra porto e Fascia di Rispetto: la seconda fase del progetto

Luciano Bozzo

Martedi 30 luglio nel corso della 2°Commissione del Municipio VII Ponente è stata presentato il secondo lotto del progetto per l’innalzamento della attuale duna di separazione tra porto e Fascia di Rispetto di Pra’. A presentare il progetto dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale Giuseppe Canepa, direttore del settore Ambiente dell’ente portuale, tra l’altro di origini praesi e residente nel nostro Municipio; con lui l’architetto Maria Antonietta Tatti e l’ingegnere Sara Arri. La seconda fase del progetto, per la quale la Fondazione PRimA’vera ed il Municipio molto hanno contribuito , interessa la parte centrale della sponda sud del Canale di Calma, ove stazionano i cumuli di terra sotto sequestro demaniale da 6 anni, da parte della magistratura genovese; il materiale, in parte proveniente dalle acciaierie di Cornigliano, è stato collocato lì anni fa senza le dovute autorizzazioni ma non è ritenuto nocivo.  La crisi economica iniziata nel 2009 ha reso assai più problematico trovare cave e aziende in grado di riutilizzare questo materiale, per cui il progetto definitivo prevede di smontare i cumuli presenti, analizzarli a pezzi, rimontarli, coprirli con un tessuto e modellare sopra di essi le nuove mezze collinette , sopraelevandoli con terreno fertile sul quale piantumare un gran numero di alberi frondosi. Le nuove dune raggiungeranno così l’altezza alternativamente di 6 e 10 metri e quelle più alte scenderanno a gradoni verso il Canale di Calma. La combinazione dune /alberi dovrebbe schermare l’inquinamento acustico ed atmosferico prodotto dal porto, porre una barriera verde e naturale verso l’abitato , migliorando l’aspetto ambientale e paesaggistico. Essenziale quindi manutenere al meglio gli alberi nel tempo. La parte centrale del sistema di dune sarà anche fruibile dalla cittadinanza con un percorso pedonale al di sopra di esso e varie piazzole attrezzate per la sosta e lo svago. Per realizzare tutto cià l’Autorità di Sistema mette a disposizione 10 milioni di euro. Il progetto definitivo, appena terminato affronterà la fase della Conferenza dei Servizi, ovvero del confronto con Regione, Comune, Città Metropolitana, ARPAL etc. A seguire il progetto andrà in gara, probabilmente ad ottobre. Tenendo conto delle tempistiche previste, e salvo grossi imprevisti i lavori dovrebbero iniziare nei primi mesi del 2021. Intanto continua il lungo percorso della prima fase del progetto delle dune per le parti laterali di ponente e di levante che ,a differenza della parte centrale, non saranno però pedonabili e risulteranno anche meno alte. I lavori sono stati assegnati all’impresa “La Giustiniana”che si ritiene possa iniziare nel settembre di quest’anno, dopo aver ottenuto le certificazioni richieste. Anche in questo caso la lavorazione appare meticolosa e complessa; tutto il materiale terroso che compone l’attuale duna nella parte di levante (30 mila metri cubi complessivi) va infatti smontato a pezzi di 250 metri cubi per volta, analizzato e rimontato secondo una precisa procedura; potrà poi essere sopraelevato e completato con la piantumazione di alberi.

La Commissione Municipale del 30 luglio.

Il progetto ed i lavori di innalzamento di tutte le dune di separazione si accompagnano anche ad un percorso di verifica e misurazione dei livelli di inquinamento acustico ed ambientale con una serie di fonometri e centraline di rilevazione che verranno posizionate in vari punti opportunamente scelti sia in basso che in collina secondo il progetto RUMBLE già a partire dal prossimo settembre; si avrà così la possibilità di misurare quanto la nuove dune riusciranno a mitigare i rumori generati dalle attività portuali e percepiti da chi vive nel vicino centro abitato dei sestieri praesi nonchè della zona di ponente di Pegli. Per la mitigazione molto ci si aspetta dall’elettrificazione delle banchine; anche su questo fronte vi sono importanti novità. Giuseppe Canepa ha rivelato che, dopo la fase di verifica del progetto esecutivo, l’impresa designata ha iniziato i lavori a maggio, che si protrarranno per circa 14 mesi per concludersi quindi tra un anno. Si programma poi un incontro con gli armatori per spronarli al futuro utilizzo delle banchine elettriche; al riguardo Canepa ha fatto sapere che laddove sono già elettrificate le banchine ovvero nella zona del ramo industriale del porto di Genova, la percentuale di navi che ne fanno uso è già oggi del 50%. Anche i benefici ottenuti con l’elettrificazione saranno misurati e controllati. Si sta valutando l’ipotesi di ridurre anche il fastidio dovuto ai cicalini delle gru senza però pregiudicare la sicurezza dei lavoratori, ricorrendo alle frequenze del “rumore bianco”.
Dalla Commissione municipale (e anche da alcuni cittadini presenti) è arrivata poi la richiesta di portare i lavori previsti fino all’estremità di levante del Canale di calma, spostando in altro sito le antenne telefoniche oggi presenti e completando la passeggiata con una bella piazzola attrezzata; altra richiesta quella di banchinare il lato di levante della piattaforma portuale (il sesto modulo) estendendo magari anche a questa parte la zona pedonale e fruibile dalla gente. La Commissione ha anche sottolineato l’esigenza, condivisa dallo stesso Canepa, che l’Autorità di Sistema Portuale riprenda da subito a dedicare tempo e risorse per progettare le indispensabili opere di mitigazione e di miglioramento della vivibilità anche per il sestiere di Palmaro e la zona di ponente finora esclusa dai benefici della Fascia di Rispetto confrontandosi e collaborando a tal fine con tutti gli enti pubblici e privati interessati (tra cui R.F.I e Società autostrade); da qui la richiesta di riavviare anche quel tavolo di discussione e confronto con il Municipio e magari anche con le associazioni ed i comitati locali che aveva avuto un primo incontro a Pra’ giusto un anno fa, finora senza un seguito. Dai cittadini presenti infine sono arrivate anche le richieste di copertura per l’impatto ambientale del District Park e del parco ferroviario all’interno del porto e di farsi carico della regolare pulizia e manutenzione delle foci del rio Branega e del rio San Pietro oltrechè del verde non solo sulle dune ma anche nella Fascia di Rispetto.

2 Comments

  1. Il resoconto di Luciano e’ molto dettagliato e ci fa davvero ben sperare. A.d S. Questa volta sembra essersi messa d impegno per realizzare l inizio della mitigatione. Vi sonp stati impegnati cospicui fondi. Il prossimo anno gia vedtemo una parte dei cambiamenti ed anche per quamto riguarda il futuro, autorita portuale lascia nel lettore l impressione do voler comsolidare una prassi di periodici incontri con il municipio ed i cittadini.

  2. Ero tra i cittadini presenti alla Commissione e ho avanzato anche io la richiesta di estendere le “dune” a tutto il lato di levante del sesto modulo. Speriamo che in Conferenza dei Servizi e nei vari passaggi istituzionali si tenga conto delle richieste del Municipio e dei cittadini. Molto importante anche la richiesta fatta di coinvolgere direttamente Autorità Portuale e terminalisti nella manutenzione del verde e nel periodico indispensabile dragaggio dei torrenti ormai imprigionati dalla piattaforma portuale e non più esposti all’azione del mare. Peccato che proprio Autorità Portuale, prolungando la concessione a NuovoBorgoTerminal, nonostante la petizione popolare, ci impedisca di fare una vera duna nella prima parte della passeggiata. Speriamo in futuro di riuscire nel nostro intento.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*