DOSSIER – Porto di Pra’, inquinamento atmosferico ed acustico: il problema, le soluzioni

Velocifero-

Gli osservatori più attenti lo avranno sicuramente notato: da qualche settimana, sui giornali, sui media, si parla sempre di più, e sempre più in dettaglio, del Porto di Pra’ e delle misure per attenuarne l’impatto ambientale, che si può suddividere in visivo/paesaggistico, atmosferico ed acustico. Tutto ciò non è frutto del caso ma, anzi, una conseguenza diretta delle azioni intraprese da circa due anni dalla FondAzione PrimA’vera che, prima, ha ottenuto che il porto assumesse finalmente il suo nome corretto, “Porto di Pra’ “, per contestualizzarlo e collegarlo al territorio ed ai cittadini di riferimento, che sono Pra’ ed i Praesi; poi, con le due conferenze “Disegniamo insieme Pra’ Futura : porto e città si tendono la mano”, ha fatto scoccare la scintilla per accendere un percorso nuovo, di collaborazione tra cittadini ed istituzioni per porre rimedio, finalmente, ai grandi errori del passato e che hanno consegnato al nostro territorio un porto invasivo, inquinante, opprimente. In linea con lo “Stile FondAzione”, si è passati dalla seppur lecita, giustificata, sacrosanta, protesta che ha caratterizzato i decenni scorsi, ad una fase nuova, di proposta e di indirizzo di istituzioni ed autorità. Tra le varie cose, la FondAzione si è posta l’obiettivo di verificare, finalmente, se e quali emissioni atmosferiche ed acustiche siano effettivamente irregolari e fuori dai limiti di legge. E’ infatti noto come tutte le rilevazioni effettuate in passato dall’Arpal abbiano portato di fatto ad escludere, ad esempio, che le emissioni acustiche fossero fuori legge. Ma, visto che i cittadini di Pra’ e dell’estremo lempo di ponente di Pegli, continuano a lamentarsi e ad essere di parere esattamemente opposto, la FondAzione ha deciso di vederci chiaro. Forte della “Fortuna che aiuta gli audaci”, ha così potuto avvalersi dell’aiuto e della consulenza di due autorevoli specialisti del settore, gli architetti Roberto Gaddoni e Gianfranco Peruzzi, che hanno messo a disposizione in modo completamente gratuito la loro esperienza e le loro 2 Il fonometro Larson-Davis 831 utilizzato per i rilieviattrezzature certificate, che utilizzano normalmente proprio per rilievi acustici di supporto alle attività del Tribunale di Genova. E’ scattata così la caccia alla “nave fracassona”, che è andata avanti un bel po’, con appostamenti diurni e notturni nelle abitazioni di famiglie praesi che si sono rese disponibili per questa importante opera di accertamento della realtà. Si è così capito come mai l’ARPAL ha sempre riscontrato rilievi tutto sommato non preoccupanti: il livello di emissioni sonore delle navi in sosta al Porto di Pra’ dipende, e varia fortemente, dal tipo di nave, alla posizione del punto di rilevazione e dalle condizioni metereologiche. Ad esempio, venti da nord e pioggia contribuiscono a smorzare i rumori in modo assai marcato. Utilizzando le segnalazioni dei cittadini, che conoscono e ricordano bene quali sono le navi fracassone, si è perciò deciso di aspettare al varco nientepopodimeno che la “Maersk Tanjong”, la vera e propria bestia nera del sonno dei praesi. E, finalmente, in condizioni opportune, la verità è venuta fuori. La verità è che chi si lamenta non soffre di distrurbi neurologici, nè di turbe psichiche ma, invece, vede il proprio sonno impedito da rumori che sono oltre la soglia di tolleranza e, a quanto risulta dalle analisi, sembrano infrangere ben sei tra leggi e regolamenti dello Stato Italiano. La FondAzione non si è fermata qui, ma ha anche analizzato i riferimenti normativi relativi alle emissioni inquinanti che, forse perchè sono invisibili e silenziose, vengono meno percepite dai cittadini ma che, invece, sono le più pericolose: le emissioni dei gas di scarico dei gruppi elettrogeni delle navi durante la loro sosta presso il Porto di Pra’. Pensate che il volume emesso mediamente dalle portacontenitori in sosta al porto di Pra’, equivale a quello di ben 750 autoveicoli ! I risultati delle analisi e degli studi e valutazioni della FondAzione sono stati così condensati in un dossier specifico, in cui si espongono i quadri normativi, si descrive la natura delle emissioni inquinanti portuali, siano esse di tipo acustico o di emissione di gas in atmosfera, si riportano i risultati dei rilievi acustici effettuati presso le abitazioni e si elencano e descrivono le proposte della FondAzione per risolvere le varie problematiche. Tra queste ci sono anche le dune alberate e l’elettrificazione delle banchine di cui si è visto scrivere e parlare in quantità e che stanno finalmente imboccando il percorso per tradursi completamente in realtà. Il dossier della FondAzione è stato condiviso prima con la Capitaneria di Porto e l’Autorità Portuale di Genova, nel corso di un incontro tenutosi il giorno 8 febbraio u.s. con la partecipazione del Direttore della Capitaneria, ed al tempo stesso Commissario dell’Autorità Portuale, Contrammiraglio Giovanni Pettorino, il Comandante di Vascello Napoli, la Dottoressa Giampietri e i Dottori Canepa e Mari di Autorità Portuale. Pochi giorni dopo, il 17 febbraio, lo stesso documento è stato consegnato al Difensore Civico della Regione Liguria, Dottor Lalla, in presenza del Dottor Canepa, che è il Dirigente responsabile del settore ambiente e sicurezza dell’Autorità Portuale Genovese. In entrambi le occasioni si è registrato il forte interesse e collaborazione sia della Capitaneria di Porto, sia dell’Autorità Portuale, sia del Difensore Civico, a seguire con attenzione il percorso di realizzazione delle dune alberate e dell’elettrificazione delle banchine ed a collaborare nel supporto delle altre proposte della FondAzione. Ricordiamo che, in occasione della conferenza “Pra’ Futura 2.0”, tenutasi presso il Palazzo Municipale di Pra’, in piazza Bignami, il 19 Giugno 2015, il Presidente dell’Autorità Portuale Luigi Merlo ed il Direttore della Programmazione e Sviluppo della stessa, Marco Sanguineri, avevano comunicato formalmente che le dune saranno realtà entro la fine del 2016 e l’elettrificazione delle banchine entro Agosto del 2017, opere che al momento risultano effettivamente finanziate e con avanzamento secondo programma. Per aumentare ulteriormente il livello di informazione, comprensione e condivisione di queste importanti tematiche da parte dei cittadini, la FondAzione ha deciso di pubblicare il Dossier, rendendolo disponibile a tutti, su SuPra’Tutto, il magazine digitale e cartaceo di Pra’:  www.supratutto.it.

Scarica il dossier con tutti i dati

4 Comments

  1. L’invasivita’ del Porto su Pra’ e’ dirompente: giustamente, Velocifero parla di criticita’ acustica, ambientale, paesaggistica ecc.ra.
    Orbene, la strada imboccata dalla Fondazione appare come l’unica percorribile per ottenere attenzione e riparazione delle suddette problematiche.Si chiude la fase dello sterile”mugugno”, del piagnisteo rassegnato, e se ne apre un altra, di proposta e condivisione piena con i cittadini.
    “SuPRA’tutto” offre ai lettori lo strumento per informarsi e partecipare (vedi campagna Emails e dossier disponibili). A questo punto, non c’e’ posto per “io non sapevo”…”non credevo”…tanto resta tutto uguale”…”MANIMAN”.
    Possiamo finalmente pensare, in concreto, a Pra’ Futura!

  2. Che la situazione sia preoccupante è evidente. Che nulla sia facile, altrettanto. E’ chiaro che spesso la battaglia pare quella di Don Chisciotte contro i mulini a vento.

    Penso a nessuno siano sfuggite le nuove gru del VTE, tanto grandi da riuscire a minimizzare quelle vecchie e tanto “verdi” in barba al “bianco-azzurro” che si era chiesto. Avrete visto che altre sono in fase di installazione sul pennello laterale di Ponente, verso Voltri, dove, mi giunge voce, il malessere è gia’ in fermento, anche li’ comprensibilmente. Adesso, dal mio balcone a sud, la striscia di mare che vedevo e’ pure spezzettata da bracci, tetti, cavi, pinnacoli, cabine e altre amenità infrastrutturali. Ci vogliono buona volonta’ e una bella dose di ottimismo per non cedere allo sconforto, ma bisogna restare anche su altri aspetti del nostro presente.

    Il frastuono portuale, che durante il giorno è relativamente attutito dai rumors del vivere quotidiano, diventa pesantissimo e senza dubbio invalidante in quelle che dovrebbero essere ore di riposo. Tanto che il fastidio va oltre e assume i connotati del “danno di salute”, pari esattamente a quello subito (ancora) con le emissioni nocive che respiriamo a livello esponenziale. Tutto vero e problema immenso, gravissimo, sul quale nessuno deve permettersi di tergiversare oltre perché, nel 2016 e a fronte di una coscienza ambientale universalmente riconosciuta come necessaria alla sopravvivenza dell’umanita’, nessuno puo’ ammalarsi ancora di “puro profitto”. Non si puo’ accettare! Il terzo danno cui fa riferimento Velocifero, in stretta connessione con quello ambientale, e cioè il danno paesaggistico, viene immediatamente in subordine. A prima vista, puo’ far sorridere, ma non e’ un aspetto da sottovalutare. Certo, di per sé, non provoca l’insonnia, i tumori o le malattie polmonari al cui rischio siamo costantemente sottoposti, quantomeno non lo fa direttamente. Ma studi qualificati attestano che un buon paesaggio, piacevole e identificativo del luogo (e qui torna in gioco la necessità di riappropriarci del nostro DNA), è da ritenersi un BISOGNO PER TUTTI NOI. Produce un senso di benessere, incide sulle nostre scelte e sulle nostre azioni e non dimentichiamo che in Italia è condizione essenziale per attività che producono il 30% del prodotto nazionale lordo. Dopo decenni di degrado e abbandono, di atteggiamenti e decisioni “predatorie” a scapito del territorio di Ponente e di Pra’ in particolare, ora possiamo, nel nostro piccolo, essere parte di quel prodotto e beneficiarne. Godendone per primi e con l’offerta di una realtà nuova fatta di aree verdi, impianti sportivi polivalenti, luoghi di aggregazione sociale e culturale. In una parola, offrendo “qualità”. Ottenerla per noi e i nostri figli, offrirla a un’utenza che riscopra il nostro territorio come un’area su cui investire tempo e risorse puo’ farci cambiare in meglio. Ecco perché trovo sensatissimo inserire anche quest’ultimo punto fra le rivendicazioni su cui abbiamo il sacrosanto diritto di ottenere attenzione. E trovo di straordinaria importanza la predisposizione di un dossier esaustivo, documentato e motivato da professionalità appropriate, capaci di rendere inconfutabili le tesi sostenute. È l’unica via percorribile, quella di accantonare il mugugno e mettersi nella condizione di opporsi alla “controparte” (inaudito persino si debba chiamarla così!) con dati certi e argomentazioni sostenibili. Quindi, un grande GRAZIE a quanti portano avanti questo progetto e a quanti capiscono il cambiamento e lo supportano.

  3. Mi fa piacere ogni tanto leggere sul secolo xix le trasposizioni delle vostre iniziative, come la mezza pagina di oggi dedicata all’argomento.
    che dire? Grazie!

  4. Certo, Paola, pure il paesaggio è fondamentale, lo dice anche la nostra Costituzione: può dare serenita’ o alienare, essere simbolo della nostra identita’ oppure esprimere un contesto ostile, estraneo…La Repubblica dovrebbe tutelarne l’integrita’: io ho solo visto un sacco di gente sciogliersi in brodo di giuggiole per quattro gru mega e vorrei chiedere a chi se le trova OGNI GIORNO DAVANTI CASA se le ritiene cosi’ stupende!
    Il Progetto Fondazione è la risposta, a questo problema come al fattore”salute”, minacciata, danneggiata: è giustissimo attrezzarsi per contrastare il danno.

Rispondi a Barbara Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*