Disegniamo i 27 metri per ridare il mare a Pra’ – Palmaro: E’ giunto il momento di tradurre la visione in realtà

Guido Barbazza #

Il Progetto dellUniversità di Genova per ridare il mare a Pra-Palmaroe Cà Nuova
Il Progetto dellUniversità di Genova per ridare il mare a Pra-Palmaroe Cà Nuova

Come noto la proposta per un nuovo scenario di piano regolatore portuale della FondAzione PRimA’vera denominata “Pra’  Isola Lunga – Porto Amico”, presentata pubblicamente in occasione della Conferenza “Disegniamo insieme Pra’ Futura – Città e porto si tendono la mano”, tenutasi nelle palazzine Fascia di rispetto di Pra’ il 16 maggio u.s., ed accolta con favore da Autorità Portuale e Comune contiene anche il concetto di “Ridare il mare a Pra’- Palmaro”. L’idea è quella di creare una fascia cuscinetto tra l’abitato e l’area ferroviaria e portuale davanti agli abitati dei sestieri praesi di Palmaro e Cà Nuova costituita da passeggiata con pista ciclabile e da un canale navigabile che colleghi il canale di calma di Pra’ con il mare aperto, alla foce del Rio San Giuliano, in prossimità delle ex Officine Verrina, nel lembo estremo di ponente della Delegazione Praese. Tra il canale e le linee ferroviarie sono previste anche collinette alberate per mitigare sia l’impatto visivo sia le emissioni sonore di treni ed attività portuali. Ebbene, proprio lo scorso 2 luglio, in occasione di un incontro tra Reti Ferroviarie Italiane e Municipio è stata  confermata la notizia, già anticipata nell’ambito della conferenza Pra’ Futura, che il tratto ferroviario della linea Genova-Ventimiglia tra il Rio Branega e il Rio San Giuliano sarà traslato a mare di 27 metri. Il fatto che sia stata precisato, in modo chiaro e ripetuto più volte nei due eventi, il valore preciso in metri è rassicurante in quanto lascia presumere che alla base di ciò ci siano state valutazioni e decisioni ben precise e, quindi, affidabili. Anche se le Ferrovie non paiono al momento gradire l’idea di realizzare un ponte di maggior ampiezza sul rio San Giuliano per permettere il collegamento del canale con il mare, e saranno necessarie azioni in merito della FondAzione e del Comune/Municipio, la notizia dello spostamento a mare costituisce una tappa importantissima e fondamentale nel percorso di costruzione di una Pra’ Futura bella e vivibile, a misura dei cittadini. La fattibilità tecnica della realizzazione del canale in termini di altezze e livelli è garantita dal fatto che, dove la FondAzione vuole riportare l’acqua, sotto forma di canale, già il mare c’era. Il canale navigabile potrebbe avere una larghezza netta di 12 metri, con una platea a gradoni lato nord di circa tre metri (per compensare i circa 4 metri di differenza tra livello del mare e sede stradale via Pra’) che lo porterebbero ad impegnare circa 16 metri, con i restanti 9 metri utilizzati per le collinette (6 metri) e avendo a disposizione ulteriori 3 metri per ampliare l’attuale marciapiede e trasformarlo in passeggiata e pista ciclabile di larghezza 4 – 5 metri circa. Considerato che il famoso “Canal du Midì”, che in Francia collega il mar Mediterraneo con l’Oceano Atlantico, con un percorso di 241 chilometri e profondità di 2 metri, ha una larghezza di 16 – 20 metri consentendo il passaggio di imbarcazioni larghe 5,5 metri, e che il progetto delle “Vie d’acqua di Milano” prevede larghezza canali tra gli 8 e i 12 metri, la larghezza del canale navigabile di Pra’, seppur limitata, con una profondità di 4 metri circa, pare sufficiente a garantire  agevolmente il transito delle imbarcazioni da diporto (a motore) ivi ormeggiate, per una lunghezza massima di 9 metri e larghezza massima di 3 metri. Inoltre, la presenza del canale consentirebbe u n miglior ricambio d’acqua nel canale di calma e anche la riduzione delle interferenze tra imbarcazioni da diporto e navi porta contenitori negli specchi acquei ed imboccatura del porto di Pra’. Le ringhiere, panchine, lampioni dovrebbero risultare identici a quelli installati sulla Fascia di Rispetto per garantire una omogeneità e continuità lungo tutto il così ristabilito litorale praese. La realizzazione del canale con relativi scavi in un sedime originale e naturale quale è quello giacente sotto la attuale linea ferroviaria garantirà inoltre di operare in condizioni normali senza le incognite derivanti da scavi sul terrapieno portuale dove, come è noto, c’è alto rischio di incappare in materiali e rifiuti pericolosi e nocivi occultati durante la discarica portuale. Il fondo del canale potrebbe essere realizzato con un magrone in calcestruzzo e le sponde in calcestruzzo rivestito in pietra naturale. In corrispondenza dello sbocco in mare del canale e dell’inglobato Rio San Giuliano, opportunamente dragati, dovranno essere realizzate opportune schermature laterali e frontali in scogliere di massi in pietra per i marosi in modo da consentire un agevole e sicuro transito e manovra delle imbarcazioni in ingresso ed uscita dal canale. Certo se si riuscisse a “spingere ancora un po’ più in là, verso il mare, la ferrovia, anche solo per una decina di metri, canale e passeggiata potrebbero assumere maggior respiro e consentire soluzioni migliori e più armoniose sia dal punto di vista architettonico sia da quello ingegneristico. Anche gli studenti della Facoltà di Architettura di Genova che seguono i corsi della Professoressa Franca Balletti hanno recepito con favore la visione della FondAzione e l’hanno tradotta in elaborati progettuali dettagliati che sono stati esposti al pubblico presso il Chiostro di Sant’Agostino,  a Genova, il 10 luglio u.s., a cui seguirà una esposizione nei locali del Municipio VII Ponente (Pegli – Pra’ – Voltri). Un altro passo avanti per disegnare insieme i 27 metri per ridare il mare a Pra’ – Palmaro.

7 Comments

  1. Sarebbe veramente molto importante riuscire a portare a compimento questo progetto….un giusto, piccolo risarcimento a Palmaro così” rapinata e deturpata”….qualcosa di più di un sogno perchè è realizzabilissimo….basta volerlo….!

  2. Articolo preciso, ben documentato, entusiasmante:la realtà che prefigura appare veramente a portata di mano, basta volerlo fortemente!
    Il conforto dell’Università di Genova delinea una visione che, una volta realizzata, cambierebbe veramente in positivo il litorale di Pra’,anzi, a mio avviso, sarebbe una soluzione talmente bella ed innovativa da dare lustro all’intera città di Genova.

  3. grazie a tutti per l’impegno.Mi piace il progetto soprattutto nella sua concretezza: si tratta infatti di restituire un po’ di vivibilita’ e dignita’ a tutti noi praesi

  4. Mi unisco ai positivi e condivisibili commenti delle signore nei precedenti post. Immagino già una passeggiata affiancata dal fresco e silenzioso canale lungo l’attuale desolata Aurelia.Veramente grandioso con minima spesa e buona volontà ! :):)

  5. Con questo progetto Genova potrebbe avere qualcosa di unico e veramente bello.
    Spero che non rimanga un progetto.

  6. Un sogno coltivato che può diventare realtà. Questa ipotesi per Palmaro era il sogno di una persona che ci ha lasciati prematuramente: sogno e cruccio, un po’ compatito da chi ne sapeva…
    lavoriamo affinché diventi realizzabile.

Rispondi a laura Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*