diaPORsitive

Velocifero –

Già dal 2012 il giornale praese “Il Praino” aveva cominciato a seguire e a riportare le proteste dei cittadini di Pra’ per i ritardi nell’inizio lavori e per i “rumors” circa continue varianti peggiorative al progetto POR – Pra’ Marina, e pure le manifestazioni del “Comitato per Pra’ “ e del “Comitato dei Genitori” contro le “doppie corsie”. Nel 2013 sembrava addirittura che il progetto venisse improntato al risparmio totale per deviare altrove i fondi, con il rischio concreto che i lavori non iniziassero per niente. Poi nel 2014 ci fu la Petizione Europea della neonata FondAzione PrimA’vera e l’interazione diretta con la Commissione Europea che furono determinanti per far sì che finalmente iniziassero i lavori e, in seguito, in collaborazione con Comune e Municipio, si costituisse il “Comitato di Monitoraggio”, che ha consentito di apportare un gran numero di miglioramenti in corso d’opera. Sempre nel 2014 nasceva SuPra’Tutto che, raccogliendo il testimone de “Il Praino”, ha continuato a tenere alta l’attenzione e ad informare i cittadini praesi seguendo il percorso realizzativo del progetto, fino ai giorni nostri, con il suo quasi-completamento. Ecco, oggi, nel 2018, è proprio questo “quasi-completamento” che risulta sconcertante ed inaccettabile. Proprio nel momento in cui il POR ha finalmente mostrato le sue potenzialità e valenze, portando finalmente recupero e riqualificazione sul martoriato litorale di Pra’, ormai da mesi e mesi non si percepisce più alcuna attività degna di nota, e l’opera rimane sfregiata da lavori incompiuti, transenne e difetti esecutivi. Un vero peccato. SuPra’Tutto e la FondAzione hanno perciò realizzato una serie di scatti, le “diaPORsitive”, per focalizzare tutti i difetti residui e che si auspica vengano sanati con la dovuta urgenza, anche in considerazione dell’incombere della data del 3 Giugno, quando a Pra’ si terrà la Regata delle Antiche Repubbliche Marinare, e le telecamere inquadreranno la Delegazione portandola sugli schermi a livello regionale e nazionale. Con lo spirito positivo, propositivo e collaborativo che la contraddistingue, la FondAzione ha inviato le 34 diaPORsitive al Sindaco di Genova, Marco Bucci, richiedendo attenzione specifica alla problematica.

6 Comments

  1. Ottimo lavoro, lo supporto in pieno. Tant’è che, in queste ultime settimane, avevo avuto pure io l’idea di realizzare un reportage fotografico sulle incompiute in essere. Davvero, si ha l’impressione che tutto si stia sgonfiando come il palloncino cui già accennava Elisa nel commento ad un altro articolo. Il che è incomprensibile, ma, soprattutto, non è accettabile. Non solo i lavori devono essere conclusi, ma dev’essere ben chiaro l’impegno a mantenere lo stato raggiunto nel migliore dei modi, con puntualità e costanza regolari. Se l’evento del 2 e 3 giugno richiederà che Fascia e dintorni siano tirati a lucido, ben venga il riordino … ma non può trattarsi di un’operazione spot. Visto che buona parte di queste tristissima immagini riguardano lo stato del verde segnalo che ovunque ci sono aiuole vuote da utilizzare per nuovi impianti: tutta la zona della nuova stazione, quella di fronte al Comando dei Carabinieri, l’area nei pressi del campo sportivo e della piscina, comprese le spalliere lungo il muro paraonde, lo spazio a posteggi tra il Palamare e il muro a vela della Stazione nuova. Tutto in sofferenza. Mi chiedo se, in occasione della prossima sistemazione a verde dell’area a levante, non si possa premere perché vengano messe a dimora nuove alberature e riordinare quelle esistenti. A suo tempo, era stato richiesto. Per motivi di mantenimento e costi, francamente per me non sostenibili, si è preferita una vegetazione bassa e arbustiva le cui condizioni miserevoli sono sotto gli occhi di tutti. Poi, c’è una bella fetta di miseria umana sotto forma di rumenta e vandalismo di cui dovremmo vergognarci. Ma, intanto, se chi di dovere, Comune, Municipio, Aster, Pra’ Viva, non so chi sia competente in questo senso, mantenesse in ordine le aree pubbliche, forse, FORSE, anche gli incivili sarebbero meno incentivati a insozzare. Degrado chiama degrado, purtroppo è inconfutabile. Grazie, buon lavoro.

  2. Tutto corretto e condivisibile. Lodevole iniziativa e lavoro di documentazione. Spiace solo vedere che tra le denunce c’è sempre quella relativa ad un’anacronistica e arcaica guerra con Voltri sottolineando gli errori di segnaletica che mi paiono futili rispetto alle altre opere incompiute e preziosamente segnalate nell’articolo. Forse meglio spendere dei soldi sulla segnaletica (tanto per restare nel tema di risorse da spendere in questo ambito) per gli attraversamenti pedonali e stop(tanto per dire) piuttosto che modificare dei cartelli che certo non indicano direzioni sbagliate.
    Probabilmente l’errore nella cartellonistica urta terribilmente l’orgoglio campanilistico di chi ha certamente redatto un bel e prezioso lavoro di denuncia.
    Cordialmente

  3. Nei decenni passati gli errori toponomastici sono stati sempre fatti a vantaggio di Voltri e a danno di Pra’, finalmente sono stati corretti quelli incredibili di porto e casello, e molti altri, giusto correggere anche gli ultimi refusi marchiani ed offensivi. Non è certo campanilismo esigere che la realtà e l’identità di Pra’ venga rispettata anche nelle indicazioni stradali. Non risultano indicazioni per “Pra’ Centro” in quel di Voltri, e se fossero state messe per sbaglio c’è da star sicuri che sarebbero sparite subito. Ottimo segnalare gli errori che penalizzano Pra’ e rettificarli.

  4. Ennesimo ottimo lavoro di supratutto, le foto si commentano da sole e serviranno sicuramente a mettere qualcosa a posto. Io ho visto che all’ingresso di piazza sciesa due giorni dopo l’articolo sono comparse subito transenne intorno ai blocchetti di porfido e alla pista per i ciechi danneggiati, un segno che qualcosa comincia già a muoversi e grazie al Sindaco per l’ascolto e per fare qualcosa per Prà.

  5. 34 diapositive utilissime, comprese quelle delle targhe sbagliate ridicole e inguardabili supratutto non mollare la presa e marcateli stretti finchè non finiscono come si deve punto per punto

  6. Hanno riparato e montato le ringhiere dalla fermata bus della Coop Pra lato monte, seguendo una delle diapositive di supratutto. Grazie.

Rispondi a Pietro Ferrari Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*