Decoro urbano … inclusione e visioni

Stefano Silvestri .

In questi giorni si sta facendo sempre più forte il mugugno della popolazione praese riguardo alla scarsissima qualità di pulizia delle aree pubbliche della nostra delegazione. In particolare è triste notare come le strade (primarie e secondarie) siano invase da piante infestanti che, oltre a evidenziare lo stato di degrado, partecipano alla raccolta di spazzatura (frutto soprattutto dell’inciviltà di qualche concittadino) e al cattivo odore presente in alcune aree. Le domande più frequenti tra le persone sono: Ma chi se ne deve occupare ? a chi ci dobbiamo rivolgere ? ma come è possibile che nessuno veda? Purtroppo le istituzioni, a tutti i livelli , stanno mostrando una (inaccettabile) carenza portando all’esasperazione la cittadinanza. Strade pulite e aiuole curate, sono due ingredienti che conferirebbero maggiore responsabilizzazione civica della popolazione. In altre zone della città questo è stato recepito e ed esistono alcuni esempi virtuosi . In via Cantore a Sampierdarena, commercianti e cittadini hanno fatto posizionare dissuasori con fioriere integrate (molto più belle dei “suppostoni” rosa che abbiamo in via Pra’ ndr). Le fioriere sono gestite sia dai commercianti che dai civici di fronte i quali sono poste. La forma sollevata permette una facile pulitura, inoltre chi si prende carico del vaso ha interesse affinchè sia sempre curato ed in ordine. Sarebbe auspicabile che questo modello venisse preso in considerazione anche in previsione dell’estensione del modello POR verso Palmaro. Altra triste nota viene rappresentata dai bidoni di raccolta rifiuti. Purtroppo le aree di posizionamento dei bidoni sono molto sporche ed estremamente disordinate . Nell’ottica di miglioramento della qualità/quantità di raccolta differenziata dovrebbero essere presi d’esempio sistemi presenti in molti comuni con campane di raccolta semi interrate e strutture di contenimento in muratura.

Queste sono di facile pulizia e manutenzione, inibiscono l’abbandono di rifiuti ingombranti e sarebbero un ulteriore elemento urbano di pregio. Il nostro spirito “mugugnone” potrà spingervi a pensare :” eh scì….ouà figurémuse” Ma come diceva il celebre Walt Disney “ se puoi sognarlo… puoi farlo” allora proviamo a far sognare qualche signore a Palazzo Tursi.

Ultim’ora, la redazione inserisce:

Giungono alla nostra attenzione queste immagini e dal momento che il “decoro urbano” e’ concetto assai vasto, lasciamo al commento dei lettori. Alcuni effetti di presenze nomadi: una tenda parcheggiata? Un armadio a cielo aperto?

 

5 Comments

  1. Sono d’accordo con i suggerimenti che potrebbero fare la differenza! E noi cittadini dovremmo diventare un po’ più “educati”!!

  2. Hai ragione Rita….ci sono due concause: l inerzia di chi dovrebbe manutenere ed i pochi “zozzoni” che vanificano ogni tentativo di decoro urbano.
    Ho scrtto pochi perche ne sono certa: la maggior parte della gente ha a cuore l ordine e la pulizia, purtroppo per quattro scemi che buttano le cartacce, rompono, scrivono sui muri facciamo tutti la figura di cittadini maleducati.!!!

  3. Vero …Penso anch’io che la maggior parte delle persone siano civili…Per una minoranza di maleducati ci rimettiamo tutti!

  4. Molto belle le campane sarebbe bello se le mettessero anche nella nostra città in poco tempo pero’ . Essenziale un po’ più di educazione da parte dei cittadini .

Rispondi a luci Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*