Dante Alighieri di ritorno a Pra’ e dintorni

Giuseppe Bruzzone –

Di ritorno da Parigi dopo lungo viaggio con lo maestro mio sul loco del Muggio in Pra’ incontrammo Pietru dei Cinaddi valente pescator di “anciue” un uomo fiero con lo viso arso dal sole. Com’io al piè di lui fui guardommi un poco quasi sdegnoso e disse << O Tosco che per Pra’ e lo ponente ten vai così parlando onesto, piacciati di ascoltare questa predizion: dopo l’ arrivo del vorace porto d’ oriente a Pra’ verranno altri tempi bui; accadranno fatti orribili, si sentiranno: sospiri, pianti e alti guai che risuoneran da Castelluccio al casale di Palmaro Carbone, orribili favelle, parole di fastidio e accenti d’ira, voci alte e fiocche e suon di pentole con elle.>> Una vision comparve. Ed io che avea d’ orror la testa cinta voltandomi dissi << Maestro che è quel ch’ io odo e che gente è che par nel duol sì vinta?>> E il Cinaddo a me:<< Questi saran i Praini e le genti de lo ponente flagellati da tormento creato dal signore de la Marca Trevigiana, le cui insegne son    maglie colorate. Senza niun avviso getterà su l’ antica via romana: l’ Aurelia tra Lerici e Turbia, la più agevole ed aperta, una moltitudine di carri meccanici e carriaggi colorati dei messeri Spinello, Aponto, Cosco e altri carrettieri che erutteranno nell’ aere caligine e vapori mefitici, assieme al vicino porto d’oriente.>> Pietru Cinaddo l’ orazion continuò’ << Oh Messer Casteluxio che sarai il capitano di ventura et gabelliere del trevizan signor, con i tuoi scherani intenti a la conta del vil denaro “Usque tanden abuserete de la patientia de la praina gente?” Ahi gabellieri, scenderete da la torre d’avorio verso ai nostri liguri lidi, vedrete una città piegata, con un grande ponte ruinato e 43 familie distrutte, caverne et antri per li carriaggi con le volte crollate su le ignare genti, dai ponticelli cadran ruine di ogni sorte, colonne ciclopiche sbrecciate, scontri frontali tra carriaggi, vedrete puerpere che partoriranno su li carriaggi de le Misericordie, infermi e malati bloccati su le vie deli ospitali, pannelli contra rumore errati e senza unione alla mercè de le interperie, Podestà avviliti e senza sonno. Dovrete armarvi di scale, badili e cazzuole e rimettere ordine a le opre trascurate per accumular sol la vil pecunia. Fatti non sarete a viver come bruti ma per servir virtute e conoscenza! Non isperate di scansar la pena, il “Priore de Ponti” Messer Miliorin controllerà le opre lasciate a l’ incuria, i vostri scritti scellarati e biechi saran registrati dagli amanuensi nel palazzo merlato del Bargello. Praini dovrete vigilar! Perché al mondo sarete poco conosciuti>>. Finita questa orazion il Muggio” tremò sì forte che da lo spavento la fronte ancor mi bagna. Presi così questi appunti, salutato il Pietru e volta la schiena ad occidente, lo maestro ed io lasciata alle spalle la “Pulla Pria” arrivammo a una fiumara desolata detta del Pulcevera. Ancora una vision apparve: lungo la via sotto a lo novo ponte, del Plano di Pegi Architetto, stavan genti con insegne al vento e lo sguardo pien di rabbia, sdegno e speranza. Ed io a lo maestro mio <<Che genti son?>> Ed elli a me, come persona acuta rispuose <<Dicerolti molto breve, color son genti che attenderanno l’ Arcangelo Michele, il giustiziere! Non ti fermar ma guarda e passa>> Andammo così via carichi di sgomento e orror.
Dopo la prima clamorosa scoperta in Prà gli accademici del Brenno riuniti in congresso straordinario annunceranno al mondo che celebra i 700 anni di Dante, la seconda: il sommo poeta nella composizione della Divina Commedia creò i gironi degli avari, degli accidiosi, dei superbi e degli ignavi ispirandosi all’incontro in Prà con Pietru il Cinaddo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*