Da Valparaiso a Pra’ alla ricerca della casa dei miei avi e delle mie origini praine

GIanna Merello , Carlo Merello e Niclo Calloni

Gianna Merello

Mi chiamo Gianna Merello e sono nata in Chile a Valparaiso da una famiglia di origine Praina. Sono cresciuta sentendo parlare dell’Italia praticamente sempre, della sua cucina, del senso della famiglia e delle sue meraviglie paesaggistiche. Ho studiato nella Scuola Italiana di Valparaiso dove molti erano gli studenti nipoti di Italiani e sono molto orgogliosa oggi di lavorare in quella stessa scuola dove vengono insegnate le tradizioni, la storia e la cultura dell’Italia. Da piccola ricordo di aver sentito tanto parlare di Pra’, del basilico, del suo pesto e di Via Sciallero, il posto dove era nato mio nonno che aveva dovuto lasciare nel 1920 per la mancanza di lavoro seguita alla guerra in Europa. Mio nonno l’ho conosciuto fino ai tre anni e di lui ricordo solo i suoi capelli bianchi ed una foto in cui mi stava insegnando ad andare in bicicletta. Tutto quello che so di lui mi è stato raccontato da mio papà, del fatto che lo chiamavano “El Gringo” per i suoi occhi blu ed i capelli biondi che lo facevano somigliare ad un nordamericano e della sua riconoscenza verso il paese che lo aveva ospitato tanto che il suo negozio lo chiamò “Chile”. I miei genitori hanno compiuto il loro primo viaggio in Italia nel 1997 e ci hanno portato le fotografie di Giuseppe (Gioxepin) e Rosa. Lui .. Gioxepin, cugino di mio nonno, era l’unico parente che sapevamo avere a Pra’, in una casa di campagna con la vite ed immersa nella natura in un colle. I miei genitori ricordano con molta tenerezza questi due vecchietti che li hanno ricevuti con le braccia aperte senza neanche conoscerli; ricordo le guance rosse ed i vestiti tipici di nonna mentre stanno mangiando i frutti degli alberi in quelle immagini con mia mamma e mio papà. Nel 2008 ho fatto il mio primo viaggio in Italia. Sapevo che Giuseppe “Gioxepin” non abitava più in quella casa sulla montagna in quanto, per la sua avanzata età, era andato ad abitare in piazza Sciesa nel centro di Pra’. Per fortuna l’ho trovato insieme al suo unico figlio Antonio che mi ha fatto bere un buonissimo vino. Ho visto un uomo carino con gli occhi blu, come quelli di mio nonno, mi ha fatto una foto. Sembrava stanco di vivere ma felice, allo stesso tempo, nel vedere una ragazza del Cile che era venuta a conoscerlo, sono stata l’ultima Merello del Cile a vederlo perché venne a mancare qualche mese dopo. Nel 2016 ho viaggiato nuovamente in Italia per studiare all’università di Siena e sono ritornata a Pra’ per cercare un piatto con lo stemma di Pra’ che mio padre aveva portato da un suo viaggio e si era rotto. Ricordo che una ragazza di un negozio di fiori chiamato “Mi ama . . Non mi ama” di nome Barbara mi ha aiutato ed ha portato a me, non lo stemma, ma un disegno di Piazza Sciesa fatto da Nino Durante che ho regalato a mio papà come ricordo del posto dove era nato mio nonno. Ero curiosa di vedere quella casa ma non conoscevo l’indirizzo né come trovarla, sapevo soltanto dai racconti di mio papà che si doveva salire molto in collina e che c’erano delle caprette nel cammino. Ma sempre succedono delle cose straordinarie nella vita, grazie a mia zia Amalia che aveva conosciuto un praino , venuto per turismo a Valparaiso, siamo riusciti a trovare un altro cugino di mio papà che non sapevamo esistesse: Carlo Merello. E così è accaduto che sono partita da Valparaiso , il 3 di settembre scorso sono venuta a Pra’ ed insieme al cugino di mio papà, Carlo, ho potuto finalmente arrivare a quella casa, in via Sciallero, una casa con la vite, caprette ed asini, quella casa dove il cugino di mio nonno aveva vissuto tanti anni fa. Ringrazio tutte le persone che hanno reso possibile questa mia visita a Pra’ e soprattutto Niclo ,che mi ha fatto vedere la produzione del pesto. E’ stata davvero una meravigliosa visita . . un viaggio che non si ferma tra il Cile e l’Italia.  Gianna Merello, pronipote di Mario Merello e figlia di Mario Merello Valparaiso

Giorgio Merello fratello di Gianna e Niclo nella casa degli avi a Pra’

11 Comments

  1. Grazie a Gianna per aver attraversato mezzo emisfero, dalle sponde del Pacifico di Valparaiso alla costa del Mediterraneo ligure per venire a Pra’ alla ricerca della terra e della casa dei suoi avi e per aver condiviso questo suo viaggio emozionale con i lettori di Supratutto e per aver dato vita a questo legame tra Praini, quelli qui residenti e quelli di Valparaiso, che hanno sempre vivo nel cuore il ricordo di Pra’.
    Grazie Gianna

    • Grazie SUPRA’TUTTO per pubblicare la nostra storia. Siamo legati con Pra’ anche se mio padre, nonno di Gianna, arrivò in Cile a 6 anni con i genitori e sorella. Siamo 6 fratelli che abbiamo avuto la fortuna di conoscere Pra’. Ora i nostri figli e nipoti ripetono il nostro amore verso le radici dei nostri avi. Grazie praini per accoglierci e darci questo spazio per raccontare la nostra storia!!!

  2. Giusto un anno fa ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere il papà, la zia e una cugina di Gianna Merello a Valparaiso, bellissima città costiera del Cile che ricorda per molti aspetti la nostra Genova. Lì ho potuto apprezzare la loro squisita cortesia e toccare con mano quanto siano rimasti profondamente e sentimentalmente legati alla terra dei loro padri: l’Italia, Genova e la nostra piccola Pra’ sono sempre rimaste nei loro cuori nonostante sia passato ormai un secolo da quando i bisnonni paterni di Gianna lasciarono Pra’ per cercare fortuna in Sudamerica, così come tra l’Ottocento ed il Novecento fecero tantissime decine di migliaia di Genovesi e di Liguri. Ed un pezzo importante di Liguria continua ancora oggi a vivere in Sudamerica grazie ai nipoti ed ai discendenti di quei nostri parenti e concittadini di allora.
    Quando sono stato a Buenos Aires la maggioranza dei bonaerensi con cui ho avuto modo di parlare mi raccontava delle proprie origini italiane, spesso proprio liguri. Molto probabilmente se ognuno di noi potesse e volesse fare un pò di indagine a ritroso negli anni scoprirebbe di avere qualche fratello di un nonno o di un bisnonno immigrato nelle “Meriche” in cerca di una vita più bella e dignitosa. Ed è bello che pur a distanza di tanti anni questi legami si mantengano ancora vivi.

  3. Grazie SUPRA’TUTTO per pubblicare la nostra storia. Siamo legati con Pra’ anche se mio padre, nonno di Gianna, arrivò in Cile a 6 anni con i genitori e sorella. Siamo 6 fratelli che abbiamo avuto la fortuna di conoscere Pra’. Ora i nostri figli e nipoti ripetono il nostro amore verso le radici dei nostri avi. Grazie praini per accoglierci e darci questo spazio per raccontare la nostra storia!!!

  4. Grazie, Gianna, per questa bella testimonianza. Le radici di Pra’ si intrecciano con quelle di Valparaiso e molti di noi praini hanno parenti oltre oceano. A quei tempi, da quanto mi raccontava mia madre, andare e tornare dall’America era una consuetudine di molte famiglie…eppure il viaggio era lungo, molto più di adesso. Dobbiamo però ringraziare internet che ci ha resi prossimi e ci consente di scriverci e comunicare in maniera veloce. Ho conosciuto molto bene i tuoi cugini del “Collegio” , soprattutto Giuseppe e Rosa e il loro figlio Antonio, che incontro spesso. Pensa che da bambina chiamavo “nonna Merella” la mamma di Giuseppe… È molto emozionante questo incontro e incrocio di storie e di vite…. Buona vita a tutti voi, Merello cileni, e chissà che non si riesca ad incontrarci.

Rispondi a Camila Cajas Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*