“Cosa mettere” nella ex stazione ferroviaria lo decidano i praesi!

Le buone proposte non mancano, per realizzare un punto di servizio gradito alla cittadinanza

 

Elis@Provinciali

Un edificio storico, cui siamo tutti particolarmente affezionati, che è rimasto l’ultimo ancora non rinnovato con i POR, in stridente contrasto con le aree del centro di Pra’, ristrutturate ed ampliate…nel frattempo, sono emerse buone idee per fare della vecchia stazione un centro civico, un punto di riferimento strettamente peculiare: mercato a Km 0, esposizione e vendita di basilico, con preparazione del pesto su richiesta, museo multimediale della spiaggia e del mare, biblioteca ed aula per riunioni, per una forte caratterizzazione locale, civica e culturale. Registriamo, tuttavia,che il 12 c.m, il consiglio comunale ha approvato una mozione per impegnare sindaco e giunta a prevedere uno spazio, all’interno dell’ex stazione, dedicato ad uno “Sportello per i disturbi del comportamento alimentare”, presentata da alcuni consiglieri di maggioranza. Lo sconcerto dei cittadini è grande: a parte il grosso problema di rappresentanza di decisioni su Pra’, assunte altrove, emerge chiaramente l’inopportunità di questa opzione, che inserisce un servizio sanitario, in un contesto, si è detto, civico e aggregativo: non “c’azzecca” per nulla, infatti chiedendo al dott. Filippo Parodi, direttore dell’8° distretto, veniamo a sapere che: < Sul territorio, abbiamo cinque punti di “Prevenzione e cura dei disturbi alimentari”, a Quarto, Fiumara, Carignano e, vicinissimi, al Palazzo della salute di Pegli ed al poliambulatorio di Arenzano. Questi ultimi due ricevono famiglie, pazienti, operatori sanitari e sociali una volta la settimana, su appuntamento, per colloqui di consulenza, valutazione e sostegno, attività diagnostica nel settore di tali patologie. Ci si avvale di personale medico, nutrizionisti, dietologi, assistenti sanitari ed infermieristici, si effettua attività di prevenzione e sensibilizzazione, counseling genitoriale, riabilitazione nutrizionale, con pasti assistiti, terapie farmacologiche ed aggiornamento per i medici di base >. Pertanto, la domanda relativa a tali tali disturbi, in aumento e considerati allarmanti dal Ministero della Sanità, pare abbia già risposte adeguate dal S.S.N. nel nostro ambito territoriale.

Quanto ai cittadini, Luciano Bozzo, che siede nell’Osservatorio sui POR, esprime una serie di proposte che ha raccolto: < CIV e Giostra della Fantasia supportano uno spazio ludico per bambini, informazione e coordinamento con le società sportive della Fascia, magari anche un sondaggio on line, proponendo più soluzioni per adottare quelle con maggior consenso, mentre a livello di consiglio municipale si esprime l’esigenza di avere più aule di studio sul territorio, anche per incrociare documentazioni sulle bellezze e luoghi interessanti che ci circondano >. L’opzione sostenuta dalla mozione comunale non è emersa dai cittadini di Pra’, ed anzi, appare cosa calata dall’alto e di cui nessuno sente il bisogno. Parlando con la gente, il mugugno c’è, come ad esempio, Maria Luisa Decotto, che lamenta il < mancato rispetto dei desideri dei Praesi, e decisioni che ci riguardano, prese senza interpellarci >.

Il Presidente del Municipio VII Ponente, Claudio Chiarotti, ci ha dichiarato: < E’ doveroso ricordare alla civica amministrazione che si sosteneva l’ipotesi, avanzata dal territorio, della creazione di un centro civico multimediale, con aule di studio, per le quali sta crescendo la domanda…comunque, il Municipio mai si è sottratto ad una discussione sull’utilizzo dell’ ex stazione, che possa portare ad un’ampia condivisione con il Comune, nell’interesse appunto della popolazione. In ordine alla proposta avanzata dalla maggioranza e sostenuta dalla Giunta comunale, di destinare parte degli spazi ad una associazione per la cura dei disturbi alimentari, il Municipio è disponibile ad accogliere tale richiesta individuando sistemazioni più idonee, ritenendo quelli dell ex stazione non molto consona, sia per quanto detto sopra, sia perché il sito ove sono collocati (nuova agorà nata dalla riqualificazione), è attorniato da esercizi alimentari quali bar, trattorie, gelaterie, che mal si conciliano con l’utenza dell’associazione prima menzionata. Aggiungo che il servizio di diagnosi e cura per i disturbi alimentari , recentemente collocato presso la palazzina della salute, ex Martinez di Pegli, dista dal sito dell’ex stazione ferroviaria di Pra’ meno di un chilometro e mezzo >.

Speriamo venga fatta dalla civica amministrazione una scelta ragionata ed in linea con le considerazioni espresse, e che il nuovo edificio, al termine della definitiva ristrutturazione, possa veramente rappresentare un punto di riferimento importante per Pra’ e non solo, nell’ambito della vocazione che ebbe e tuttora esprime: un servizio essenziale a tutta la comunità.

6 Comments

  1. Ancora una volta “Genova matrigna”…decide per noi ignorando totalmente le proposte già avanzate da gruppi di cittadini e soprattutto ignorando L’istituzione più vicina ai cittadini stessi e che li rappresenta, in quanto eletta: il Municipio!
    La Vecchia Stazione, come giustamente descritto nell’articolo, è in una posizione centrale e strategica, tale da renderla idonea ad uno spazio aggregativo per tutti i praesi.
    Spero tanto che il Comune terrà conto dei desideri degli abitanti.

  2. Effettivamente ritengo che la proposta di un’ulteriore centro”per i disturbi alimentari” non sia la destinazione migliore per uno spazio, a mio avviso, da utilizzare invece per scopi più fruibili dalla cittadinanza paese! Appoggio la richiesta di una riunione o di un sondaggio per la scelta finale, coinvolgendo il Municipio e i cittadini che abbiano un’idea sull’argomento!

  3. Comune ascolta chi ci vive e lì è circondato da cose gradevoli e meno (vedere orrenda grata e scalinata di accesso al vecchio sottopasso per spiaggia alla foce S.Pietro, anche questo ha bisogno di essere terminato secondo quanto deciso in precedenza). Tornando ala ex Stazione in evidente posizione centrale in Pra’ , tavolini di trattorie, bar e gelaterie porrebbe condizione di grande disagio agli eventuali fruitori servizi di educazione alimentare. Già oggi forniti da ASL come spiegato sopra. Ma a chi vengono in mente cose cosi scoordinate !

  4. Marino hai ragione, ad ogni modo le opzioni verranno discusse in Consiglio Municipale ed anche ad Assemblea pubblica c/o Centro Remiero il 10 maggio h.20,30, vedi locandina sezione INFO

  5. Alla faccia del “Debat Public”!
    La vecchia stazione deve essere un centro di aggregazione sociale:
    sala riunioni,esposizione artistiche,vendita prodotti km 0 dei “villen praini”, aggiungo biblioteca sociale con volontari come quella nella circoscrizione di Pegli.
    Per “uffici,sportelli o sale per incontri sanitari” abbiamo in zona ampi spazi in strutture vuote:ospedale Martinez, dispensario di via Cordanieri, non aspettano altro (e non mi si dica che per salette riunioni non sono a norma!!!), strutture operative per salette riunioni, villa De Mari e il nuovo centro Asl sotto il Martinez,sono credo disponibili.La proposta è da respingere,chi sono i consiglieri di maggioranza autori della proposta irritante? Sommergiamoli di email!!

  6. Premetto che faccio parte dell’Associazione Familiari contro i Disturbi Familiari. Condivido lo spirito delle osservazioni fatte: le decisioni sul territorio devono vedere gli abitanti protagonisti. Tuttavia, nell’articolo c’è un errore di fondo: il presidio che è stato chiesto da rappresentanti del Municipio e approvato dal comune non è un “servizio sanitario”, ma un centro d’ascolto in cui volontari di Associazioni che hanno esperienza personale di queste malattie offrono aiuto,informazioni e sostegno morale ai tanti che sono in difficoltà disorientati, soli ed incompresi e non sanno come aiutare i figli con un Disturbo Alimentare. Questi centri aiutano molto e nel ponente genovese non ci sono. I centri “sanitari” sul territorio citati curano chi ha già deciso di guarire, situazione non frequente, perché da queste malattie si fugge. Ciascuno è libero di pensare che questo centro d’ascolto non serve, ma deve partire da premesse giuste, compreso il fatto che nel ponente genovese i Disturbi alimentari sono molto diffusi. Sono disponibile a discutere dell’argomento con chiunque in qualunque sede.

Rispondi a Giuseppe Bruzzone Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*