Consuntivo di fine anno per il Consiglio di Comunità Praese, guardando già al prossimo futuro

Luciano Bozzo –

Sabato 15 dicembre nel salone dell’ex palazzo municipale di Pra’ in Piazza Bignami si è tenuta la riunione del Consiglio di Comunità Praese di fine anno; è stata l’occasione per tracciare un bilancio delle attività portate avanti nel corso del 2018.

La riunione ha visto l’ingresso nel Consiglio del “Coordinamento dei Comitati di quartiere di edilizia popolare” e delle “Associazioni del Quartiere San Pietro”.
Si tratta di un passaggio importante grazie al quale il Consiglio vede rappresentate anche le istanze, le necessità e le proposte dei quartieri collinari di San Pietro e Cà Nuova e fa quindi un bel passo avanti nel tentativo di unire in una unica voce, forte e sicura, le voci delle tante associazioni e realtà che costituiscono una grande ricchezza del nostro territorio, una ricchezza che abbraccia e dà lustro sia agli storici sestieri litoranei che ai più recenti sestieri collinari.

Uno degli scopi principali del Consiglio, ovvero veicolare la partecipazione dei cittadini attraverso le associazioni del territorio, rappresentative del tessuto della Delegazione, sembra quindi ora rafforzato e più facilmente raggiungibile, tanto più che la prospettiva è quella di una ulteriore crescita che mira a coinvolgere sempre più associazioni e quindi porzioni di territorio e di residenti, a migliorarne la collaborazione, nella creazione di una visione comune, per difendere meglio gli interessi di Pra’ e dei Praesi nel confronto e nel dialogo con le istituzioni e l’amministrazione pubblica.

Alla riunione ha preso parte anche il Presidente del Municipio VII Ponente (Voltri, Pra’, Pegli), Claudio Chiarotti. E proprio il Presidente del Municipio è entrato subito nel merito di alcune importanti questioni, sostenendo che occorre alzare l’asticella per difendere il territorio di Pra’ e del Municipio partendo dalla nostra Fascia di Rispetto e superando il cattivo clima che regna oggi tra le associazioni che compongono Pra’ Viva. Non bisogna infatti perdere di vista il fatto che la Fascia è e deve continuare ad essere uno spazio a disposizione dei Praesi, quale parziale indennizzo e risarcimento per il danno ambientale subito con la costruzione del porto e la sparizione della spiaggia. Occorre trovare un soggetto gestionale unico per mantenere questo obiettivo; oggi i prezzi per la piscina, il canottaggio, il calcio, lo sport in genere sono calmierati (idem i posti barca, forse anche troppo calmierati) e così deve continuare ad essere anche per il futuro.

Chiarotti valuta positivamente la retromarcia dell’Amministrazione comunale sull’idea di costruire un silos per parcheggi sulla Fascia di Rispetto ma negativamente il fatto che il C.O.N.I. non abbia riconosciuto finanziamenti per lo sport a Genova.
Per quanto riguarda Palmaro, nel 2019 e 2020 si farà la galleria fonica autostradale, attesa dalla gente da tanti anni; cruciali sono poi lo spostamento del cavalcavia autostradale e dei binari ferroviari, propedeutici alla realizzazione della passeggiata ciclo-pedonale, con i lavori del nodo di Genova che continuano ad accumulare ritardo.

Ammette che si è forse persa un’occasione con Amazon per riqualificare l’area ex San Giorgio e il sestiere di Longarello mentre per Via Sapello si va verso una semi-pedonalizzazione ed una via da rendere più bella. Con tale progetto il transito delle auto sarà riservato ai soli residenti, ci sarà il limite dei 30 Km orari, asfalto colorato nella parte centrale della via e verranno mantenuti i parcheggi.

Il Presidente della FondAzione PRimA’vera e del Consiglio di Comunità Niclo Calloni ha poi relazionato velocemente sulle principali attività svolte nel corso del 2018. Grande attenzione è stata data al programma “E ora tutti per Pra’ Palmaro”: si è iniziato con gli incontri di marzo e di luglio con il Sindaco Marco Bucci in cui sono stati presentati i progetti per la riqualificazione del sestiere. A novembre si è incontrato l’assessore ai Lavori pubblici Paolo Fanghella il quale ha riferito che non ci sono disponibilità economiche per inserire nel prossimo piano triennale il progetto organico di estensione del P.O.R. anche per i sestieri di Palmaro e Cà Nuova. L’assessore ha quindi suggerito al Consiglio di proporre dei microprogetti per migliorarne comunque l’aspetto e la vivibilità. Il fatto che molte aree di questo sestiere siano private complica ulteriormente la questione.
Per il progetto
“Ridiamo il mare a Pra’ Palmaro” ci si scontra con le ferrovie. Si è cercato in tal senso un contatto con l’assessore regionale Giacomo Giampedrone chiedendogli un incontro ma non si è ancora ottenuto risposta. Calloni ha aggiunto di aver seguito direttamente la questione delle “dune di separazione tra porto e Fascia di Rispetto” incontrando più volte i delegati dell’amministrazione comunale Francesco Maresca e Silvia Capurro e che la costruzione delle dune alberate sul lato sud del Canale di calma dovrebbe partire nel corso del 2019.

Si è fatto poi cenno alla Regata delle Antiche Repubbliche Marinare dello scorso giugno dove Pra’ ha dato il meglio di sè e il “C.I.V. Pra’ insieme” e l’associazionismo praese hanno saputo fornire un grande contributo. Per il miglioramento dell’arredo urbano con la S.M.S. Pescatori ed il Gruppo Storico Praese si sta portando avanti la ristrutturazione di un vecchio gozzo praese centenario; si è trovato uno sponsor e si dovrebbe quindi raggiungere l’obiettivo.

Il Segretario del Consiglio Alessio Ponte ha ammesso che si sta lavorando a progetti che richiedono tante energie; alcuni risultati sono già stati conseguiti, altri richiedono tempi lunghi. Il Consiglio di Comunità peraltro viene sempre più riconosciuto come una realtà forte e rappresentativa. L’assessore Fanghella ci ha stimolato a lavorare insieme per identificare dei microprogetti che possono essere realizzati in tempi brevi come frazioni del progetto intero di riqualificazione di Via Pra’ dalla rotonda del mortaio fino alla Verrina. E’ quindi importante continuare a farsi promotori di idee ed iniziative per migliorare il nostro territorio.

I successivi interventi di tutti i consiglieri, rappresentanti delle varie associazioni ed enti che compongono il Consiglio sono serviti ad approfondire i temi in discussione e ad avanzare più dettagliate proposte operative. Da più parti è emersa l’esigenza di attivarsi anche con manifestazioni di piazza per impedire che la Fascia di Rispetto possa perdere la sua funzione di spazio sociale, sportivo e ricreativo a vantaggio dei residenti e contrastare chi ne vuole ampliare solo e soprattutto la funzionalità di parcheggio di interscambio. Guido Barbazza, presidente onorario della FondAzione PRimA’vera ha fatto notare che “Pra’ Viva” sta vivendo una situazione imbarazzante, di parziale chiusura verso il Consiglio e verso il Municipio mentre sarebbe invece utile anche per Pra’ Viva ricercare una collaborazione per il bene del territorio e delle associazioni presenti sulla Fascia di Rispetto. Come base di partenza ritiene che dovrebbe essere assai meglio specificato che l’ente che gestisce e gestirà la Fascia deve avere come obiettivo quello di renderla sempre meglio fruibile come spazio vivo a disposizione prima di tutto dei residenti mettendo a disposizione impianti sportivi e vari servizi ed attività e mantenendola nelle migliori condizioni possibili. Una Fascia di Rispetto mantenuta in condizioni di alto livello qualitativo porterebbe l’ente che la gestisce anche in una posizione di forza nei confronti dello stesso Comune (che ad esempio con i lavori mai finiti del P.O.R. non si sta comportando certo bene).

Alessandro Reverberi, presidente del G.S.D. Olimpic Pra’ Pegliese, ha sottolineato che P.S.A, il porto e la Fascia di Rispetto costituiscono risorse importanti che dovrebbero essere sfruttate ed utilizzate meglio per lo sviluppo ed il miglioramento del nostro territorio; se è vero che, come ha osservato Niclo Calloni, per ogni container scaricato al P.S.A. l’Autorità Portuale intasca 13 Euro, non si vede perchè una parte di questa ricchezza prodotta non debba poter essere impiegata per limitare l’impatto ambientale del porto e migliorare la qualità della vita degli abitanti.

Viene anche valutata la possibilità di organizzarsi per chiedere la secessione di Pra’ da Genova tanto più che anche a Voltri e Pegli si sta piano piano facendo strada una simile idea e che per esempio Mele ed Arenzano sono Comuni pur avendo una popolazione di gran lunga inferiore a quella di Pra’, che oggi non ha nemmeno una propria rappresentatività all’interno del Comune di Genova.
A Vado Ligure il Terminal container in costruzione porterà contributi e fondi per il Comune e ci si chiede perchè a Pra’ non sia stato fatto un accordo simile.

Tornando al futuro della Fascia di Rispetto è facile prevedere che nei prossimi mesi il Sindaco avvocherà a se la concessione della Fascia, in conseguenza del Decreto Genova e della situazione di difficoltà e di conflittualità all’interno di Pra’ Viva e che quindi cambieranno presto le carte in tavola. Alla fine della discussione prevale la tesi secondo cui il Consiglio di Comunità Praese nell’immediato futuro dovrebbe rimanere alla finestra, vedere quali saranno i prossimi sviluppi, pronto però ad intervenire al momento opportuno per difendere l’idea di una Fascia a disposizione dei residenti e come nuovo polo di sviluppo della Delegazione.

Per quanto riguarda invece la riqualificazione di Pra’ Palmaro il Comitato Palmaro, tra i progetti già identificati, evidenzia la riqualificazione di Via alla Chiesa di Pra’ con una nuova pavimentazione ed illluminazione. Si vorrebbero abbattere i muraglioni ed i pannelli di lamiera intorno a Villa de Mari per aprirla interamente al quartiere, e quindi abbattere le barriere architettoniche che dividono le varie parti del sestiere ma ci si scontra con i vincoli imposti dalla Soprintendenza per i beni artistici e dagli uffici comunali. Altro obiettivo è quello di riqualificare l’ambiente urbano davanti all’uscita autostradale di Pra’, magari con una rotonda ben fatta e con elementi di arredo urbano rappresentativi della realtà e della storia locale.

Il Comitato Palmaro ha anche proposto a P.S.A. un accesso pedonale e doganale dal porto verso Pra’ Palmaro per far si che chi lavora ed opera nel porto possa usufruire dei negozi, dei bar, ristoranti e dei servizi del quartiere.

Dalla discussione emerge forte la volontà secondo cui il Canale di calma prolungato e la passeggiata con lama d’acqua davanti alle case devono continuare ad essere parte essenziale della visione della Pra’ futura e quindi obiettivi da perseguire nel medio e lungo termine, ri-attivando il dialogo con le Ferrovie e con tutti gli altri enti interessati perchè non è possibile vivere con i rumori e l’inquinamento del porto a pochi metri dalle case. Occorre farsi sentire, organizzando una manifestazione ad hoc che riporti l’attenzione della civica amministrazione e dei mass media su tutti gli aspetti negativi che rendono difficile la vita nei sestieri di Pra’ ed in particolare a Palmaro. Questo naturalmente va fatto senza perdere di vista l’importanza di continuare ad essere poi presenti negli uffici e nei tavoli che contano grazie alle nostre idee e proposte ed a tal proposito, visto che l’assessore Fanghella non vuole inserire nel prossimo piano triennale il prolungamento della sistemazione urbana in stile P.O.R. anche a ponente, si propone di ritornare dal Sindaco per lamentare questo deludente passo indietro rispetto a quanto detto dallo stesso Sindaco a luglio.
Nel frattempo vale comunque la pena di non abbandonare la proposta dei microprogetti avvalendosi della collaborazione degli architetti vicini al Consiglio di Comunità per iniziare a presentare qualcosa di realizzabile.

Passando poi dal litorale ai quartieri collinari, Irene Tesini del “Coordinamento dei Comitati di quartiere di edilizia popolare” ha rilevato con amarezza la difficile situazione di queste aree urbane: sono luoghi brutti con poche realtà associative che cercano di barcamenarsi tra tante difficoltà. Il Coordinamento si è rivolta a P.S.A. che produrrà un video rappresentativo dello stato attuale dei quartieri collinari e in grado di illustrare le modifiche che si potranno fare per migliorare le cose; il video sarà prodotto e diffuso anche con l’aiuto di PrimoCanale.

La Giostra della Fantasia ha presentato recentemente tre bandi che vanno nella direzione della riqualificazione urbana condivisa. Per il quartiere San Pietro sono riusciti ad attingere a fondi europei avvalendosi della collaborazione di diversi artisti. In Villa De Mari è nato un altro progetto (con fondi europei) rivolto alle persone con disabilità. La Giostra mette a disposizione il materiale umano, le competenze e le attività sociali che svolge per condividerle e contribuire ad un impegno comune a favore del territorio e per poter accedere anche a possibili fondi europei per progetti di riqualificazione nell’auspicio che recupero urbano e recupero sociale possano andare di pari passo.

A conclusione della riunione, sintetizzando quanto emerso dalla discussione, il presidente Calloni ha tracciato le linee operative per il nuovo anno che vedranno:

  • la ricerca di un primo incontro con l’Assessore regionale Giampedrone e di un nuovo incontro con il Sindaco Bucci per riproporre con decisione i progetti in favore di Pra’ Palmaro

  • una iniziativa pubblica di denuncia della difficile situazione di Pra’ e del sestiere di Palmaro in particolare per la presenza invasiva ed inquinante del porto e delle attività ad esso collegate

  • tornare ad incontrarsi per stabilire la strategia di dettaglio per la Fascia di Rispetto

  • portare avanti le idee ed i progetti emersi nel corso di questo incontro.

2 Comments

  1. Qualcosa è stato fatto ma le battaglie da portare avanti sono ancora tante! È positivo constatare che c’è una nuova consapevolezza dei cittadini riguardo ai problemi del nostro borgo ma penso che sia importante collaborare con tutte le altre associazioni della nostra zona per avere ancora più voce nel ribadire le nostre giuste rivendicazioni! Che il 2019 sia l’anno della svolta per cominciare a vedere concretizzarsi quelle promesse sbandierate e non ancora mantenute!

  2. Niente succede per caso. Purtroppo o per fortuna tutto quello o quel poco (secondo i punti di vista) che di positivo si riesce ad ottenere è frutto di impegno, costanza e convinzione di essere dalla parte della ragione. Qui a Pra’ (da Longarolo a Cà Nova) tutto quello che manca ci spetta e tutto quello che la cittadina praese paga in termini di qualità della vita per gli effetti devastanti generati dalla presenza del porto deve essere compensato con interventi mirati a ridurne l’impatto ed a favorire una reciproca rispettosa coesistenza. Oggi, dobbiamo prenderne atto, non si possono mettere in discussione posti di lavoro ma, per la stessa ragione, non si può mettere a repentaglio la salute dei cittadini per il mero interesse economico; questi sono i valori a cui le istituzioni devono fare riferimento ed impegnarsi per dare soluzioni rapide e concrete. Pra’ ha presentato tutti i suoi progetti e si è fatta parte attiva ora tocca a loro. Di certo non staremo a guardare e ad aspettare passivamente. Nel frattempo occorre fare crescere una coscienza responsabile ed attiva anche nella cittadinanza, la cui maggior parte pare più dedita al mugugno che al fare attivo. A Pra’ c’è bisogno di tutti e tutti possono dare una mano. Forza Pra’ vedrai che ce la fai.

Rispondi a Mio Capitano Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*