Con la “San Pietro” sparisce l’ultimo dei 34 stabilimenti balneari praesi

ATTUALITA'

La ex Pizzeria San Pietro

Guido Barbazza #

Pra' balneare  - anni '70
Pra’ balneare – anni ’70

Con l’inizio dei lavori per il lotto di Levante del P.O.R. – Pra’ Marina si avvicina il momento della demolizione del fatiscente edificio della “Pizzeria San Pietro”, che si trova in “Via Arenile di Pra’ 34 rosso”. Da anni si trova in stato di abbandono, sporadica dimora abusiva per senza tetto, devastato e colmo di calcinacci, detriti e rifiuti di ogni genere. Entrarci e camminare tra quei muri, oggi muti e tristi testimoni dei tempi allegri, quando il vociare dei bagnanti prima, e dei commensali poi, ne permeavano gli spazi, mi ha fatto tornare con la memoria alla fine degli anni ’70. Quando noi, ragazzini praesi, inconsapevoli del disastro che stava per avvenire sul nostro litorale, giocavamo in quei siti un po’ lugubri e misteriosi che erano i ruderi dei vecchi stabilimenti balneari. L’odore che li permea è sempre lo stesso: quell’inconfondibile assieme di “aromi” di calcinacci, vecchi tessuti umidi ed escrementi. Poi, vincendo la tristezza, ho preferito pensare a quando, a Pra’, c’erano “i bagni”. Come i “Bagni Marina” poi divenuti “Pizzeria San Pietro”. Come noto, la spiaggia di Pra’ era piena di stabilimenti balneari, in legno o muratura, spesso eretti su palafitte, dotati di bar, ma anche di ristoranti con tradizionale cucina genovese. Con l’avvento dei juke-box, poi, questi locali assunsero, specialmente di sera, la funzione di punti di riferimento e di ritrovo, trasformandosi in piccole balere e le note delle canzoni più gettonate avvolgevano tutto il litorale, creando una magica atmosfera che si stemperava

Giovani Bagnanti Praine
Giovani Bagnanti Praine

solo a notte inoltrata. C’erano ambulanti di spiaggia come il fotografo, il pistacciaio “Giò Bignone”, il venditore di cocco e personaggi caratteristici come “o Peccetta”, che  offriva al pubblico una esibizione di lunga permanenza sott’acqua.  A riversarsi sulle nostre spiagge non erano solo i praesi o i genovesi, ma soprattutto i cosiddetti “bagnanti” che provenivano dalla Lombardia e dal Piemonte. Pensate che, su una cartolina dei “Bagni Stella d’Italia, Pra’ Ligure”, si poteva leggere: “Questo stabilimento da bagni è corredato di tutto il confort moderno: vasto salone, adibito nelle ore serali alle danze, sfarzosa illuminazione, buffet, comode cabine in legno, docce, cura delle sabbie. Sabbia e spiaggia magnifica, acqua limpida”. Proviamo a ricordarli tutti, i “bagni” di Pra’: Regina, Stella d’Italia, Marina, Mimì, Dominante, Chalet Speranza, Regina Elena, San Pietro, Jolanda, Chalet Aragno, Miramare, Girasole-Lido di Pra’, Ausonia, Sapello, Lino, Rosa, Aurora, Grazia, Belvedere, Michelini, Lux, Raggio, Saint Tropez, Bagni Comunali, Punny, Lella, Maggio, Lido di Palmaro, Conca D’Oro, Stella Marina, Sole, Gallo Nero, Iris, Ninfea. 34 stabilimenti spazzati via dall’abominio del porto container. Il ricordo dei “bagni” di Pra’ è ancora oggi vivissimo nella memoria di moltissimi genovesi e non, che non potranno mai dimenticare quei momenti spensierati, d’irripetibili “vacanze praesi”.

4 Comments

  1. Si, come ricorda Ninetto nell’Inno di Pra’…….”Pra’……belle spiagge….. baxè da o so e da o ma….”
    la nostra Pra’ viveva di mare, della vicinanza con il mare, e gli innumerevoli stabilimenti balneari…. quanti stabilimenti……davano lavoro e benessere diffuso alla quasi totalità della popolazione…!!!!
    Quale miopia scellerata…!!!!
    Ecco perché è imperativo categorico ottenere quanto stiamo chiedendo: separazione visiva dal Porto, gru meno impattanti, elettrificazione rapida della banchina per eliminare totalmente fumi e rumori……(e relativo “obbligo”…… dicasi obbligo per le navi di collegarsi elettricamente)….allontanamento dei container dall’abitato….
    E’ il minimo…..è doveroso averlo, insieme con un “dividendo” annuale …….perché coloro che si arricchiscono grazie al nostro sacrificio hanno il dovere di contribuire alla realizzazione di opere migliorative per il territorio “sacrificato” e per il loro mantenimento…… è giustizia, è equità e non una graziosa elargizione!
    Dobbiamo crederci e continuare a perseguire questo obiettivo…!!!

  2. Erano bei tempi nei bagni marina ci sono nata e cresciuta, ricordi di bambina quando si andava sul terrazzo a sentire le canzoni che bei tempi e che bel schifo che ci troviamo adesso. Grazie chi? Si sono venduto tutto e chissà cosa succederà ancora a Pra’. A se si potesse andare indietro

  3. Ciao da Ludovico,io quei “bagni”non li ho mai visti,sono spezzino ma amo molto Genova e dintorni.Dalle foto pubblicate si riconoscono bene i palazzi che esistono anche attualmente e che si affacciavano sulla spiaggia. A passare adesso su quell’ex lungomare sembra impossibile! Che peccato! Oltretutto aver reso cosi’ facile la circolazione delle merci finisce anche per danneggiarci economicamente perché i prodotti stranieri low cost “sbarcano” con grande facilita’ uccidendo le produzioni locali.Pero’si continua a violentare il paesaggio per ampliare i porti oltre ogni ragionevole limite. Mi auguro che i ventilati ulteriori scempi previsti per Pegli e Multedo verranno bloccati.Un saluto agli amici Genovesi.

  4. È un vero peccato che uno stabile come quello, così ricco di storia e di ricordi, sia destinato alla demolizione. Nonostante la condizione ormai fatiscente in molti ci auspicavamo che potesse tornare ad una qualche occupazione piuttosto che destinato alla demolizione.
    È un vero peccato che non si possa tornare a quando davanti a Prà c’erano spiagge e stabilimenti come in certi paesi di riviera che hanno avuto la fortuna d’essere sufficientemente distanti dall’industria da salvarsi dallo sfascio ed oggi sono famose località di vacanze estive e mare in cui anche molti di noi genovesi hanno casa o vanno a trascorrere le vacanze.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*