Comunicato stampa di interesse praese

Antonella Freri-

A seguito dell’incontro avvenuto a gennaio, nel palazzo Municipale di p.zza Bignami tra esponenti locali , regionali e parlamentari del M5s ed i cittadini di Pra’, è scaturita un’interrogazione che si riporta integralmente.

Interrogazione a risposta scritta 4-02145 presentato da TRAVERSI Roberto Gruppo: Movimento 5 stelle testo di Giovedì 31 gennaio 2019, seduta n. 118

TRAVERSI. —Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.— Per sapere – premesso che:

Il sestiere Pra’-Palmaro (Genova), a partire dagli anni 70, è stato privato della propria spiaggia, tra le più frequentate in tutta la Liguria, e del proprio mare, sacrificata dalla costruzione del bacino portuale di Pra’. La situazione che oggi il sestiere di Pra’-Palmaro è costretto a subire a causa della convivenza con il porto di Pra’ e relativo parco ferroviario, costruito negli anni ’80 a poche decine di metri dal centro abitato, è sempre più difficile. L’inquinamento acustico, che deriva dalla continua movimentazione di container che avviene 24 ore su 24, in aree di stoccaggio dove l’abitato del sestiere di Pra’-Palmaro affaccia, crea notevoli disagi agli abitanti come anche la movimentazione dei container che avviene davanti al sestiere provoca un danno paesaggistico e di pesante impatto visivo considerato che gli stessi vengono impilati spesso oltre il «terzo tiro»; nelle date del 24 ottobre, 7 novembre e 10 dicembre 2014 presso gli uffici della regione Liguria, si è tenuto un incontro con oggetto «Progetto ridiamo il mare a Pra’-Palmaro», organizzato dalla Fondazione Prima’Vera, dove hanno partecipato l’ingegnere Calogero Di Venuta, ingegnere Mariano Cocchetti per Ferrovie dello Stato, il dottor Luigi Merlo, dottor Marco Sanguineri e la dottoressa Paola Giampietri per l’autorità portuale, il municipio VII Ponente (Avvenente e Chiarotti) di Genova, il comune di Genova nella persona del vicesindaco Bernini e la regione Liguria nelle persone di Raffaella Paita e Arcangelo Merella; all’incontro sopracitato sono stati presentati degli elaborati, da parte degli architetti dell’Autorità portuale di Genova, relativi allo spostamento a sud di circa 50 metri dell’attuale linea ferroviaria costiera; lo spostamento a sud di circa 50 metri dell’attuale linea ferroviaria costiera è un’opera essenziale e propedeutica per una riqualificazione del sestiere di Pra’-Palmaro, che vede il prolungamento verso ovest dell’attuale fascia di rispetto con lo scopo di separare l’area portuale dal centro abitato; lo spostamento dei binari a sud e il prolungamento della fascia di rispetto, atta ad allontanare l’area portuale dal centro abitato, erano entrambi previsti dal piano regolatore portuale del 2016 e recepiti nel piano regolatore comunale, per quanto concerne lo scenario del bacino portuale di Pra’; il progetto del nuovo nodo ferroviario di Genova non prevede ancora lo spostamento a sud dei binari prospicienti al sestiere di Pra’-Palmaro e malgrado gli innumerevoli solleciti, convocazioni, da parte degli enti locali, quali ad esempio il municipio VII, a Rete Ferroviaria italiana per avere un confronto sull’opera in questione a tutt’oggi, a quanto consta all’interrogante, non vi è stata nessuna risposta; nel nuovo nodo ferroviario, relativo alla linea Genova-Ventimiglia, è previsto, al fine di trasformare l’attuale linea costiera in metropolitana di superficie e di ottenere una nuova fermata per il sestiere di Palmaro, lo spostamento a mare della linea ferroviaria –se il Ministro interrogato sia a conoscenza del progetto di spostamento di 50 metri a sud della zona portuale prospiciente la zona di Pra’-Palmaro a Genova; se sia a conoscenza se nello spostamento a mare della linea ferroviaria Genova-Ventimiglia, in corrispondenza della parte di ponente della delegazione di Pra’, nel tratto tra il rio Banega e il rio San Giuliano, previsto dal nuovo nodo ferroviario, è stata presa in considerazione la distanza necessaria per la futura riqualifica del quartiere di Palmaro che prevede, come deciso nei tavoli sopracitati, la realizzazione della passeggiata e delle dune alberate di separazione abitato/a ferrovia/porto e per quali motivi Rete Ferroviaria italiana non conceda un confronto agli enti locali malgrado le innumerevoli convocazioni “?


on.Roberto Traversi.

  La reazione della cittadinanza è stata naturalmente di grande interesse, nella speranza che venga fatta finalmente chiarezza sui progetti di Rfi, che non hanno mai prodotto, sia in questa che nella passata legislatura municipale, un tracciato chiaro e dettagliato sulla configurazione che avra’ il tratto di Pra’ -Palmaro, bensi’ dei disegni di piccole dimensioni, mancando sempre di presenziare ai tavoli condivisi con l’amministrazione ed Autorità di Sistema Portuale.

Il consigliere Municipale del M5s, Fabio Gabutti, afferma che “Palmaro è uno dei sestieri più sofferenti di Genova. Sono decenni che attende risposte dalle istituzioni senza mai aver ottenuto alcun risultato. Sembra di vivere in un quartiere fuori dal tempo, dove il confine tra vita quotidiana e industria tra inosservanza delle regole e il rispetto dei cittadini e della loro salute è diviso da un muretto di un metro”

In parallelo, tanto la Fondazione, che il CCP, ed il Magazine Supra’tutto continueranno a fare azione di stimolo ed informazione su questo aspetto fondamentale per la riqualificazione di un territorio fortemente compromesso in termini di vivibilità e salute…sono passati anni, almeno tre raccolte firme da migliaia di adesioni per lo spostamento dei binari, incontri con i sindaci Vincenzi, Doria, col difensore Civico, Dott Lalla, col precedente Presidente di A.P, Luigi Merlo….letteralmente, fiumi di parole, aspettiamo ora azioni concrete, perchè la misura è colma.

6 Comments

  1. Decisamente la misura è colma!!! Bisogna veramente smettere di fare solo parole e passare ai fatti concreti! Aspettiamo con ansia il primo passo tangibile che dia inizio a quella tanto auspicata riqualificazione del nostro sestiere di Pra’-Palmaro!

  2. Rita speriamo che Toninelli si indigni per questa situazione ed agisca…
    Certo che vista la nota diffidenza per le grandi opere…cmq mi sembra notizia positiva e sono contenta che si parlerà in Parlamento di Palmaro!!

  3. Speriamo invece che Sua eccellenza il Ministro Toninelli NON se ne occupi.
    Uno che confonde un tunnel con un valico o che promette piazzuole per giocare e mangiare sul nuovo Ponte di Cornigliano…..?!Mah!

  4. Creare una microfascia che da Pra arrivi a Voltri è utile e fondamentale per Pra Palmaro cosi come una fermata metropolitana ..queste 2 cose sono realizzabili ma si dovrebbero fare subito visto che davanti a Palmaro ora ci sono già i lavori in corso!!

  5. È importante capire che le persone… Con tutti i rumori… I fumi… È lo schifo che porta il porto.. LA GENTE HA PROBLEMI A DORMIRE… A PROBLEMI DI SALUTE… NON SI PUÒ DIVENTARE PAZZI PER I RUMORI…

  6. Già dai tempi di Doria si era parlato di spostare due binari lato sud per creare una microfascia alberata ciclabile e pedonale davanti a Palmaro e una stazione metropolitana davanti ai Cioi (parliamo sempre di Palmaro)
    Abbiamo al momento una griglia rugginosa lato FFSS che andrebbe ripristinata ..a Pra è stata sostituita a Palmaro inspiegabilmente No.
    È scandaloso che ci sia fermati davanti a Via Taggia con la riqualificazione..bisogna proseguire con la Riqualificazione IMMEDIATA x al altri 500 metri verso PALMARO.
    Ideale e realizzabile sarebbe ,spostando i due binari lato sud ,creare una fascia pedonale che congiunga Pra a Voltri passando appunto davanti a Palmaro inserendo la fermata metropolitana.Progetto realizzabile tranquillamente..basta volerlo..oltretutto è compatibile con le realtà produttive (che danno lavoro)ma migliorerebbe la qualità di vita dei cittadini di Palmaro che si ritroverebbero una passeggiata davanti all abitato e una stazioncina che migliorerebbe i servizi.
    Se si creasse un punto di collegamento e accesso in entrata ed uscita con il porto si avrebbe anche un ritorno economico x i commercianti che vedrebbero incrementare affluenza di persone nel borgo di Palmaro.
    Il progetto va portato alle autorità competenti e finanziato ma non ci sono controindicazioni.
    Si creerebbe sinergia oltretutto tra quartiere e realtà produttive a sarebbe un esempio virtuoso da seguire!!

Rispondi a luigino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*