Completata la rimozione della gabbia dell’ex “Special” lungo l’Aurelia.

Lo spazio liberato dalla gabbia come appare oggi.

Luciano Bozzo

Nei giorni scorsi si è finalmente completata la rimozione dell’orribile gabbia in metallo che chiudeva da molti anni quello che un tempo era il sottopasso di accesso dal lato mare di via Pra’ ad un locale da ballo chiamato in diversi periodi “Special Dance” e “Saint Tropez” nel quartiere praese di Palmaro.

Sparito da tempo il locale, come purtroppo anche tutto il litorale naturale praese, e chiuso il sottopasso, rimaneva da molti anni questa ampia griglia metallica non solo brutta a vedersi ma anche causa di disturbo, intralcio, degrado e anche potenziale pericolo per chi si trovava a passare su quel marciapiede all’altezza della chiesa di N.S. Assunta di Pra’-Palmaro ed era costretto ad interrompere il tragitto sul marciapiede stesso e a passare per alcuni metri nella carreggiata di transito veicolare.

La gabbia transennata a fine novembre.

La rimozione della gabbia, la chiusura in sicurezza del buco che rimaneva li sotto e la opportuna sistemazione del marciapiede era stata richiesta dai rappresentanti del Consiglio di Comunità Praese al Sindaco di Genova e all’assessore ai Lavori pubblici del Comune già nel febbraio dello scorso anno. L’allora assessore Fanghella si era impegnato a fare rimuovere la gabbia nel giro di qualche settimana. In realtà nel frattempo è passato quasi un anno, l’assesore Fanghella è stato avvicendato dal nuovo assessore Piciocchi ma alla fine la gabbia è stata eliminata. L’area era stata transennata a fine novembre e alla fine, nei giorni scorsi l’intervento di rimozione e sistemazione del marciapiede si è concluso senza ulteriori intoppi.

Lo spazio liberato dalla gabbia come appare oggi.

La rimozione della gabbia metallica era uno dei molti argomenti ed obiettivi avanzati dal Consiglio di Comunità Praese nella sede del Tavolo Tecnico Pra’lmarium per il miglioramento delle condizioni ambientali e la riqualificazione del sestiere praese di Palmaro; certo tra tutti gli obiettivi ed i problemi portati in evidenza era tra quelli più semplici e veloci da risolvere e tra quelli sicuramente meno gravi ed impattanti ma come ha detto il presidente onorario della FondAzione PRimA’vera  Guido Barbazza
<<La sua rimozione è anche un fatto simbolico a dimostrare che le cose si possono migliorare anche partendo dalle piccole cose.>>

 

12 Comments

  1. Era ora!
    Visto che purtroppo non serviva piu perlo scopo originale per cu era stata realizzata…… Raggiungere la spiaggia davanti casa attraversp um sottopasso dicui ricordo ancora l odpre di salsedine, la frescura , la penombra…..allora tanto valetantovaleva toglierla da subito, ed invece abbiamo avuto davanti agli occhi per 40 anni questo patetico feticcio.

  2. Grazie al Comitato
    Palmaro che da tempo ha segnalato in tutte le sedi ed in Municipio la possibilità di questo piccolo intervento di riqualificazione . Ora aspettiamo la sistemazione di via alla chiesa, le opere di riqualificazione di via ora, lo spostamento della line ferroviaria, una fascia di rispetto, la copertura dei binari con una galleria calpestabile e magari un tunnel di accesso autostradale al porto invece che quello di spostare come sembrerebbe cavalcavia ancora più vicina alle case . Opzione assolutamente non condivisibile dal comitato Palmaro . A proposito: avete conferme ?

    • Si, il problema era stato segnalato da tempo dal Comitato di Palmaro assieme alla richiesta di rimozione del Vespasiano e di interventi sulle strade

  3. La rimozione della famosa gabbia è un altro merito del comitato Palmaro.Dalla sua costituzione tanti piccoli passi sono stati fatti per la riqualificazione del nostro Sestriere e sono sicura si andrà ancora avanti.Tanto merito a queste persone che dedicano tempo libero e impegno.Grazie ancora,uno dei dieci punti stabiliti come lavori da farsi,ha trovato conclusione.

  4. Ottima notizia e conferma dell’utilità del tavolo Tecnico per Pra’ – Palmaro del Consiglio di comunità Praese che sta riuscendo finalmente a smuovere le cose e benissimo che il Comitato Palmaro ne faccia parte.

  5. Per onor del vero, dalle carte risulta che la rimozione della gabbia di via Pra’ sia stata chiesta formalmente dalla FondAzione PRimA’vera, (rafforzando le sue segnalazioni di alcuni anni prima), in occasione della conferenza “Disegniamo Insieme Pra’ Futura 3.0 – E ora tutti per Pra’ – Palmaro” del 16 Dicembre 2017 e da allora dalla stessa FondAzione portata avanti in modo metodico, scritto e documentato a più riprese in tutte le sedi istituzionali, anche tramite denunce scritte per quanto riguardava gli aspetti per la sicurezza dei cittadini e dei pedoni e infine tramite il ricorso al Tavolo Tecnico per Pra’ – Palmaro, organizzato dal Consiglio di Comunità Praese, fino al raggiungimento dell’obiettivo. Sempre dalle carte risulta che una persona che ha commentato positivamente il presente articolo, il 5-7-2019 commentava un articolo pubblicato su SuPra’tutto per promuovere la rimozione della gabbia con: “Gabbia Gabbia Gabbia. Possibile che sia il problema massimo per Palmaro ? Abbiamo problemi di ogni tipo. Pensiamo a ciò che abbiamo davanti alle nostre case. Sarebbe meglio battersi per avere la salute. Sacchi bianchi puzza di fogna e parliamo della gabbia ?”. Bene che anche chi sottovalutava e criticava l’operazione oggi abbia capito l’importanza anche simbolica della rimozione della gabbia. L’unione fa la forza. L’importante non è l’attribuzione di meriti, veri o presunti, ma il miglioramento reale e nei fatti del territorio e della vivibilità di Pra’ tutta, in particolare del Sestiere di Pra’ – Palmaro. Anche attraverso piccole ma continue opere e tasselli come la rimozione della “gabbia”, portando avanti in parallelo strategie chiare ed incisive per far seguire interventi importanti e risolutivi sia per la riduzione dell’impatto ambientale sia per la valorizzazione e la riqualificazione del sestiere praese, identificati e portati avanti nell’ambito del Pra’lmarium, il tavolo tecnico per Pra’ – Palmaro.

  6. Ringrazio la fondazione per avere cominciato di occuparsi del nostro quartiere qui a Palmaro erano anni che non succedeva niente di buono. tanti discorsi e gente di qui a contare frottole e farsi belli per prendere i voti. Io da vecchia praina palmarese sono contenta quando andavo a prendere il bus avevo paura che mi mettevano sotto.

  7. Bohh…mi sembra di ricordare mugugni e richieste di abbattimento del grigliato inutile e fastidiodo al Municipio, Comune e derivati,sui media locali dal Praino e Supratutto.

  8. Il grillo parlante ci azzecca sempre…quando Fondazione ne parlava, era una cosa quasi inutile, adesso che e’ stato fatto , tutti a sperticarsi; ragazzi, ma vi ascoltate cosa dite? Mettetevi d’accordo con voi stessi…e poi occorre fare attenzione ad attribuirsi meriti…la realtà è che finchè non sono partiti alla grande i tavoli del CCP ed il Pra’lmarium, non accadeva nulla di particolare: due panchine, due fioriere, diciamo la verità, punto.
    Invece la collaborazione tra Comitato , Fondazione ed altre realtà significative del territorio ha moltiplicato in modo esponenziale l’energia propositiva e le rivendicazioni nei confronti dei nostri amministratori, che anzi da quando c’e questa sinergia di forze, si muovono, alzano le chiappe dalle scrivanie e vengono a vedere LE COSE, interagendo con i cittadini in modo aperto.
    Sono contenta per la sig.ra Elsa e per tutti noi, il processo di riqualifica e’ iniziato, certo, un passo alla volta, ma per favore, pensiamo in termini di NOI, i cittadini di Pra’ uniti, senza scudetti o stendardi!
    Magari, facciamo un pochino più veloce, dopo 30 anni !!!!!!!!!!

  9. Buonasera signora Dolcenera buonasera signor Grillo Parlante.
    Il commento del 5/7/2019 era il mio.
    Forse avreste dovuto cogliere una sfumatura molto sottile nel mio commento del 5/2/2020
    Sinceramente il discorso gabbia come già scrissi era l ultimo dei miei pensieri visto la situazione di degrado in cui versa Palmaro.Vorrei la salute.vorrei stare bene.vorrei più silenzio e nn essere massacrata da rumore di motori di navi,cicalini e tonfi,vorrei continuare abitare dove sono nata.
    Il mio era solo un plauso meritato e dovuto al Comitato PALMARO per il quale questo argomento insieme ad altri era di fondamentale riuscita e pertanto grazie .mi dispiace che nell’ articolo poco merito il comitato ha avuto.
    Ho sentito il dovere di ringraziarli

  10. Grazie a tutti quelli e quelle della Fondazione Primavera, del Comitato Palmaro e di tutte le altre associazioni che fanno parte del Consiglio di Comunità Praese che si danno da fare per Prà tutta. Finalmente grazie alla fondazione si fanno cose per tutta Prà, sestiere di Palmaro incluso e non solo per il centro di Prà. I comitati praesi del passato non erano mai arrivati al di quà di piazza Bignami / via Taggia e noi qui di Palmaro siamo sempre stati abbandonati. A quelli di Voltri e di Pegli non gliene frega niente di noi, solo a quelli di Prà può importare perchè di Prà siamo anche noi. Bisogna riconoscere e apprezzare il lavoro e le idee della fondazione che per prima si è accollata l’onere di darsi da fare per tutta Pra’. Vorrei vedere il Comitato Palmaro collaborare di più con la fondazione per il bene di Palmaro e di tutta Pra’. Non è un disonore, anzi. La fondazione ha mezzi, competenze e risorse che qui a Palmaro non abbiamo, ha dimostrato di essere in grado di fare accadere le cose che ci servono, ne abbiamo bisogno. Dobbiamo essere uniti. Il municipio è un baraccone partitocratico senza soldi nè poteri che deve tutelare interessi diversi su un territorio troppo grande e non rappresenta solo Prà, quindi ben venga il consiglio di comunità praese vera novità che ha dato la svolta alle cose.

  11. Pietro ha ben ragione. La gabbia era lì da quarant’anni, ma guarda un pò che è stata levata solo dopo l’interessamento della fondazione. non riconoscerlo è essere orbi, e gli orbi prima o poi sbattono il naso contro il muro.

Rispondi a Marino e Marina Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*