A Giovanni Bignone CiaccanIl 18 giugno scorso, in silenzio, con lo stile riservato con cui ha sempre vissuto, ci ha lasciati Giovanni Battista Bignone, per i praesi “Ciaccan”.  Alfredo Ponte e Domenico Bignone, suoi amici, ci hanno chiesto di ricordare la sua figura. “Gianni Ciaccan” nacque a Genova-Pra’ il 22 agosto del 1943, in vico Bignone, dove ha sempre risieduto, figlio unico di Domenico, di professione pescatore, e Maddalena Bottino, che molti ancora ricordano quando in giro per Pra’ con il suo carretto vendeva il pescato. Gianni, che ereditò il soprannome dal padre, che a sua volta lo aveva ricevuto dal nonno, intraprese il mestiere di pescatore, crescendo sulla spiaggia di Pra’, nel modo un po’ selvaggio di tanti suoi coetanei, sempre in riva al mare, con ogni tempo, sempre abbronzati, ed in estate a tal punto da diventare “neri come il carbone”. Gianni era un tipo chiuso, riservato, all’antica, che si trovava completamente a suo agio solo quando era in mare. Pensate, pare che non sia mai uscito da Genova e, “eremita del mare”, sotto sotto, gli piaceva di più andare a remi che accendere il motore. Non molto alto di statura, ma dal fisico tarchiato, possente, era una vera “bestia da lavoro”, instancabile. Una grande forza unita ad una agilità eccezionale. «Vederlo cucire le reti era uno spettacolo – ci ha confidato Domenico Bignone – era veloce e preciso». Per la cronaca, proprio lui ha realizzato la rete che delimita le due parti della piscina di Pra’, cucendola sul posto tra lo stupore dei presenti. La sua storia di pescatore è stata travagliata. Ereditato il gozzo grande, di circa nove metri, la “Maria Madre”, e i gozzetti dei “chiari”, tutti dipinti di bianco con carena e bordi colore verde scuro, i colori della famiglia, condivise poi con altri pescatori praesi la sfortunata avventura del grande peschereccio “Scardiglio”, in acciaio, di ben ventisei metri, il più grande mai armato a Pra’, per poi prestare la sua opera con i “Cinadda”, e poi sulla “Rondine II” dei Bignone. Molto affezionato alla sua cara Pra’, orgoglioso di essere praino, soffrì molto per la perdita della spiaggia, spazzata via da quel maledetto porto, che gli aveva strappato via il suo mondo, ma continuò ad andare a pescare, fino all’ultimo, insieme al suo amico Giovanni “Biroccia” Bignone. Un burbero dal cuore d’oro, Gianni, un timido che solo con gli amici si apriva, ed allora diventava affabile, persino scherzoso. Lui che, forse per il suo animo timido, non si sposò mai, ma che in età matura ha cresciuto i cinque figli della sua compagna, tre maschi e due femmine, in modo esemplare, con grande affetto, come fossero figli suoi. Il soprannome “Ciaccan” derivava dall’incitamento “cippa, ciappa o can” , poi abbreviato in “ciapp o can” fino al definitivo “Ciaccan”, urlo di incitamento dei pescatori per i loro compagni che riuscivano “a prendere i pescicani con le mani”. Infatti pare che, cosa unica ed inusuale, molti pescatori praesi erano proprio in grado di catturare i pescicani che si avvicinavano alle loro reti in modo semplice ma efficace,  adottando una tecnica molto particolare che sfruttava l’abbrivio dello squalo per farlo saltare nell’imbarcazione. Gianni, come ricorda Domenico Bignone, «una volta, nei primi anni ’70, catturò un tonno gigante, del peso di ben tre quintali, che seguiva un branco di acciughe intrappolato nelle sue reti. Il tonno era talmente grande e possente che, con un colpo di coda, fu in grado di sfondare due corsi di fasciame della “Maria Madre”. Ciao, Ciaccan, e, dove sei ora, intanto che, tutto felice,  tiri su la rete colma di bianchetti, salutaci Nanni Biroccia.

Guido Barbazza

4 Comments

  1. grazie Guido val la pena di lottare per Prà in memoria di queste persone che purtroppo ci hanno lasciato prematuramente, però credo che da lassù ci aiuteranno a raggiungere i nostri obiettivi tirando qualche saetta a chi ci rema contro

  2. Io, pur essendo praina doc l’ho conosciuto tardi e ho capito che era lui il figlio di Manin dopo averlo visto insieme a Carlo in Via Fusinato.. Quello che mi è rimasto nel cuore è il suo sguardo “buono” …Bastava guardare un attimo i suoi occhi per capire di che “pasta” era fatto!
    P.S. Guido mi hai fatto commuovere

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*