Candidati alle Elezioni Regionali: Domenico Cianci

Velocifero –

 Il primo tra i candidati consiglieri regionali a proporsi per una intervista di SuPra’tutto è stato Domenico Cianci, per la Lista “Toti Presidente”. Domenico, 63 anni, è titolare dal 1979 dello Studio Cianci – Amministrazioni Immobiliari di Rapallo, che da lavoro a nove persone. Ha svolto attività politica dal 1990 al 2012, ininterrottamente quale Consigliere Comunale di Rapallo, e dal 1999 al 2004 quale Presidente del Consiglio Comunale stesso. Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, è stato Presidente della Cooperativa Agricola Rapallese. «Ho deciso di accettare questa sfida per cercare di far sentire la voce delle persone che vogliono vedere risolti i problemi del vivere quotidiano che io, proprio per la mia esperienza di amministratore, affronto con concretezza e rapidità. Sono da sempre in stretto contatto con associazioni di categoria e di volontariato che, spesso, mi propongono soluzioni innovative che ho tradotto in azioni concrete in grado di risolvere problemi complessi». I punti principali del suo programma in caso di elezione sono tre: 1) Tutela delle persone, prima di tutto: «concentrando l’attenzione sui bisogni dei cittadini, specialmente anziani e giovani, che più urgentemente necessitano di aiuto sociale, tutela, benessere, e una legittima buona qualità della vita». 2) Turismo come motore di sviluppo territoriale: «lo sviluppo turistico è uno dei cardini del rilancio economico ed occupazionale della Liguria e l’incremento del settore turistico deve essere un obiettivo strategico». 3) Economia, lavoro, giovani: «per evitare la fuga dei giovani dalla Liguria è essenziale l’apertura “al nuovo”, al digitale, alla telematica e fondamentali per lo sviluppo sono le infrastrutture, cardine indispensabile per promuovere ogni tipo di attività e creare lavoro ed indotto». Giovedì 27 agosto u.s. Domenico Cianci è stato a Pra’ per visitarla, comprenderne le specificità, le potenzialità e le necessità. E’ rimasto sorpreso dalla bellezza della Fascia di Rispetto e del Canale di Calma, dalla quiete e della qualità del Parco Dapelo e della Piscina “i delfini” e poi molto impressionato dalla qualità e dalle specificità delle serre di pregiato basilico praese. Certo, non ha potuto fare a meno di notare anche lui le erbacce ognidove e il pessimo stato di manutenzione che vige sulla Fascia di Rispetto ed attorno a “Pra’ To Sport” per cui, pur non rientrando tra le competenze regionali, «farà del suo meglio per sensibilizzare l’amministrazione comunale genovese su questa tematica, molto sentita, e a ragione, dai cittadini praesi». Per quanto riguarda le altre due tematiche strategiche proposte da SuPra’tutto, Domenico Cianci non ha dubbi: «Girando per Pra’, parlando con i cittadini, è risultato evidente come, dopo la realizzazione del P.O.R. – Pra’ Marina, che ha interessato, valorizzandola, solo la zona centrale della Delegazione, è assolutamente necessario estendere tale opera verso ponente e verso levante, a coprire tutto il litorale praese, dal Castelluccio al Rio San Giuliano. Mi impegno fin d’ora, in caso di elezione, a fare tutto il possibile affinchè il progetto P.O.R. – Pra’ Marina, finanziato con Fondi Europei attraverso la Regione Liguria, sia replicato, estendendolo secondo le aspettative dei cittadini di Pra’, in corrispondenza dei sestieri di Pra’ – Palmaro e di Pra’ – Longarello. Ne ho già accennato al Presidente Giovanni Toti che si è dichiarato assolutamente sensibile e disponibile». “Toccando con mano” il territorio praese Cianci si è anche reso conto dell’importanza di proseguire sul terreno della minimizzazione dell’impatto ambientale generato dalle attività del Bacino Portuale di Pra’: «sono convinto che si debba puntare con decisione ad un sistema economico sostenibile che comprenda e tuteli le persone e che tenga presente la responsabilità sociale d’impresa, per cui ho preso atto con piacere delle iniziative in corso nell’ambito del tavolo tecnico “Pra’lmarium”, istituito dall’Assessore Comunale Francesco Maresca in collaborazione con il Municipio e il Consiglio di Comunità Praese e sarà un piacere attivarmi per assicurare il massimo sostegno anche dalla Regione Liguria, che peraltro ha già propri rappresentanti al Tavolo.

20 Comments

  1. Magari uno di Rapallo che è abituato a un comune dove tagliano l’erba e tolgono la spazzatura da in giro potrà capire la situazione allucinante in cui siamo a Prà e fare qualcosa di concreto

  2. Beh uno che viene qui e dice che si darà da fare per trovare i soldi per mettere a posto il litorale di Prà in quel di Palmaro e di Lungarello non è mica male. Tutti ‘sti candidati parlano solo di cose generali e generiche. Sempre le stesse.

  3. Il Dottor Cianci venendo dalla Rapallo “rapallizzata” (Da Wikipedia: Rapallizzazione è un neologismo nato negli anni settanta del XX secolo per indicare il fenomeno di urbanizzazione selvaggia e indiscriminata verificatosi in numerose zone turistiche dell’Italia a seguito del boom economico di quel periodo) avrà visto con i propri occhi che la “praesizzazione” è stata molto ma molto peggio. Bene, perchè così forse questa persona può veramente capire a cosa è stata sottoposta la cittadinanza di Pra’ da una città di Genova matrigna e invasiva, e, dalla Regione, se eletto fare qualcosa per Pra’. Ne abbiamo tanto bisogno.

    • Non si può passare la vita a sperare. Le parole e le promesse non contano, contano i fatti.
      Questo candidato è certamente una brava persona: ma è risaputo che quelli del levante non pensano al ponente. Ci porterà nel cuore? Sì, magari si ricorderà di mandarci una cartolina da Rapallo. I nostri problemi non saranno mai i suoi problemi, ce lo ficchiamo in testa una volta per tutte?Ma dai…basta con questi piagnistei. Ognuno vota quelli del suo territorio, specie per la Regione. Solo qui a Prà siamo generosi e rinunciatari: regaliamo voti in cambio di promesse. Buono scambio, diceva quell’indiano nel film Balla coi lupi.

  4. La storia si ripete da decenni e decenni fino ad oggi: tutti i consiglieri regionali, i deputati e i senatori vengono da “fuori” per saccheggiare Prà di voti.
    Poi se ne tornano a casa loro e portano avanti i problemi del loro territorio.
    E fanno bene: qui non è mai uscito nessuno , nessun candidato credibile e qualificato è mai stato presentato, eppure la popolazione di Prà con i problemi che ci sono qui dovrebbe fare una scelta di maturità: mettere da parte le tessere elettorali e puntare su una o due persone valide e affidabili prese qui dal nostro territorio.
    Gente in gamba ne abbiamo ma facciamo e abbiamo sempre fatto passare avanti le logiche dei partiti.
    Una scelta suicida.
    Il porto davanti ai nostri occhi è la conseguenza più vistosa e dura da digerire di questa assenza cronica di politici espressi dal ponente. Un vero karakiri. Trovo che sia incredibile questa rinuncia preventiva a mettersi i gioco. Il ponente ha i voti per mandare un consigliere in Regione, anche Prà da sola ce la farebbe. Invece siamo qui a farci le seghe mentali ideologiche e rinunciamo ad avere un praino in Regione.
    Tutto questo fa parte di una lunga storia che continua e non ci fa proprio onore.
    Non siamo tutti idioti sottosviluppati che devono pendere dalle labbra altrui. Sono anni che siamo inondati di promesse e ce le ciucciamo regolarmente tutte: tutti sono sempre venuti a dare una pacca sulla spalla in cambio di una manciata di voti. Continuare a crederci è da grulli. Salvo restare poi con il classico pugno di mosche in mano. Non ne posso più di sentir dire votiamo il tale che viene da fuori e speriamo che si ricordi di Prà. E’ una cosa vergognosa.
    Il fallimento del passato si spiega così. E ogni volta perdiamo l’occasione per cambiare. Pazzesco.

  5. Io direi di guardare a queste elezioni con speranza e fiducia, lo so che siamo stati scottati in passato, ma ultimamente le cose si stanno muovendo ed il tavolo con l’Assessore Maresca ne e’ la prova.
    Tavolo tecnico esclusivamente per i Problemi di Pra’!

    • Tutte chiacchiere e promesse senza seguito come bene evidenzia in modo netto e chiaro Maria Luisa (a proposito, complimenti per il commento su Fortebraccio news).
      La nostra malattia è cronica, non guariremo mai, votiamo i foresti e poi restiamo con le castagne secche.
      Come si faccia a non capirlo non me lo so spiegare.
      I fatti parlano chiaro.Sperare, sperare sperare…. basta adesso sperare.
      Un’altra occasione persa per essere presenti in Regione e portare la voce di Pra e degli interessi veri e vissuti dei praini. Chi non vive questo disagio potrà al massimo nutrire commiserazione per noi.
      E’ una cosa incredibile che a Pra non ci si metta mai d’accordo su un nome del territorio. Eppure non siamo sprovveduti o citrulli.
      Mi domando infine a cosa serva scrivere chilometri di articoli su Supratutto se poi non si concretizza mai: ci vuole più fiducia in noi stessi.Forza praini, non perdiamo più altre occasioni.

    • Basta foresti.Vogliamo gente in gamba del territorio.
      Vivere a Pra non è vivere a Genova centro o Rapallo.
      Ognuno cura i suoi interessi.
      Non abbiamo più fiducia in quelli che vengono da fuori: sono tutti brave persone ma abbiamo bisogno di gente nostrana.
      Ora basta è ora di finirla di usare i nostri voti per fare bello il levante e degradato e invivibile il ponente.

  6. Nutro poca speranza nei confronti di chi ha governato la Liguria in questi cinque anni. Avevamo chiesto di trovare altre aree per Nuovo Borgo Terminal che “assedia” letteralmente la passeggiata ciclo pedonale e avevamo indicato gli spazi accanto al depuratore. Invece sono stati dati ad un altro terminalista, che li ha riempiti di container alti fino al cielo… E all’inaugurazione c’erano proprio i vertici di Comune e Regione. E Nuovo Borgo Terminal è sempre lì, anzi, è anche lungo il modulo di levante a segnare il “de profundis” del nostro sogno di continuare la passeggiata lungo quel modulo e avviare nello specchio acqueo antistante delle attività ludico sportive…

  7. Finalmente qualcuno si accorge che siamo sempre stati poco o male rappresentati. E’ evidente che i candidati “di fuori” non possono avvertire le problematiche di Pra’ con pari intensità di quelle delle loro parti. La cosa ancora più sconcertante è che quelle rare volte in cui sono stati eletti candidati di Pra’, hanno fatto ancora più male di quelli di fuori. Spero che le sacrosante argomentazioni di Luigino e Luciano inducano i Praesi a ricercare e sostenere candidati propri alle prossime elezioni, magari non partitocratici ma da lista civica praese. Resta comunque il fatto che adesso oramai non ce ne è neanche uno o una quindi apprezzo molto il fatto che un rispettabile signore di Rapallo abbia impiegato il suo tempo per venire a Prà di persona a vedere come stanno le cose.

  8. Io ho preso informazioni con amici di Rapallo e mi hanno detto che Cianci è uno che si da un sacco da fare e fa dei fatti. Poi…a Prà lo vedremo.

  9. Sono daccordo con gli scettici e anche io lo sono però per la prima volta nella storia di Pra abbiamo un candidato della destra che viene qui e ci mette la faccia e questo non è poco io rispetto tutti ma non mi è mai piaciuto sentire a Pra sempre e solo campane di sinistra ci vuole diversita e alternanza quindi sono contento che il candidato sia venuto a pra e vorrei che ce ne venissero molti altri più si parla di Pra e meglio è fino a poco tempo fa semplicemente non esistevamo per poco che arriverà è meglio del niente di tutti i precedenti…accidenti !

  10. I candidati ci sarebbero. Ma l’invidia, le diaspore politiche, i retaggi ideologici, la sfiducia in se stessi e l’ammirazione per tutto quello che ci viene proposto da fuori …. ci hanno tenuto per anni in ostaggio delle decisioni altrui.Sistematicamente tutti coloro che hanno preso voti qui e li hanno usati per altre nobili cause…. si sono inevitabilmente dimenticati di noi.
    Mi fa piacere che Luigino, Luciano, Renato e Giorgio abbiano ripreso un argomento sul quale insisto da anni.
    Non abbiamo nulla da invidiare in fatto di potenzialità e competenze certificate ma ci manca il coraggio di provare.
    Una Prà compatta può essere degnamente rappresentata ovunque.
    Alla prossima tornata elettorale pensiamoci per tempo, costituendo ad esempio un anno prima un comitato elettorale interpartitico e civico che delinei programmi e candidature.
    E’ da quando andavo alle elementari che non abbiamo avuto un nostro esponente nelle istituzioni di livello, quasi dovessimo vergognarcene.
    Eccetto la parentesi di Giuliano Boffardi: indipendentemente dal partito di appartenenza, si trattava di una persona degna e fortemente motivata, appunto. Ora le ideologie sono state messe in soffitta, la globalizzazione ci ha devastato, entriamo nella fase 4.0 , quella della “ripartenza verde” e della sostenibilità generazionale ed ecosistemica.
    Quando sarà passato il Covid19 ci sarà da ricostruire un futuro a misura d’uomo e di ambiente e non dovremo farci trovare impreparati o peggio assenti.A suo modo Prà è e sarà al crocevia di mille problematiche e di mille ipotesi che riguardano il nostro domani.Al centro di ciò che riguarda noi qui e il mondo.

  11. Sono totalmente e pienamente d’accordo con Francesco.
    Gli rimprovero solo di non essersi fatto avanti lui.
    Esperienza ne ha da vendere ed è conosciuto e stimato oltre i partiti.
    Vale la persona.
    Però dovrebbe partecipare di più.
    Si prepari…. ci saranno altre votazioni.

  12. I pochi eletti di Pra’ o pseudo-tali purtroppo come giustamente dice Francesco una volta eletti si sono dedicati a questioni partitocratiche che poco o nulla hanno avuto a che fare con gli interessi ed il benessere di Pra’ prendendo ordini dai loro capi-bastone di partito e paradossalmente qualcosa di buono è venuto da gente di fuori, per questo apprezzo l’interesse di Cianci per Pra’ che sembra genuino e serio. Apprezzo candidati come lui che si siano affermati nel lavoro e non facciano i politici di professione che parlano parlano ma non hanno mai lavorato veramente un giorno in vita loro. Ho letto con attenzione il documento “Pra’ Municipio” distribuito da SuPra’tutto e penso anche io che sia venuto il momento di compattare Pra’ attorno a candidati autorevoli e non partitocratici. Non è mai troppo tardi diceva il famoso maestro, per le prossime comunali c’è tempo sufficiente per organizzarsi.

  13. Giusto. E per favore parliamo e concentriamoci su Pra e non su quello scherzo artificiale che hanno chiamato “ponente”, baraccone municipale partitocratico totalmente inefficace e inefficente. Pra’ ha problemi totalmente diversi da pegli e Voltri, basta con il maleodorante calderone. basta con le erbacce alte un metro e la rumenta stratificata nelle aiuole. basta con lavori di compensazione dei danni da porto che non arrivano mai mentre a pegli hanno fatto la passeggiata tutta rivestita in pietra e tante belle palmette e a voltri che non ha perso neanche un metro di spiaggia per il porto hanno fatto la passeggiata mentre a Prà cemento armato schifoso e lavori che non finiscono mai. SONO 40 ANNI CHE ASPETTIAMO ATTENZIONE VERA E FATTIVA. Intanto anche io valuto con la giusta attenzione la dispnibilità di un candidato che è venuto a Pra a ascoltare e vuole fare qualcosa di buono nel vuoto pneumatico della scarsissima partitocrazia tradizionale locale.

  14. Credo che la Fondazione sarebbe un’ottima cabina di regia super partes e Supratutto il suo megafono, per diffondere esigenze, problemi, richieste, proposte dei cittadini.Per proporre un piano di rilancio che tenga conto delle fattibilità e dei sogni: sogni che sono rimasti nel cassetto o ci sono stati rubati senza alcun corrispettivo. Dobbiamo dare atto a chi si è dedicato a questo progetto gestionale e redazionale con capacità di analisi, disponibilità, impegno attenzione all’insieme e ai dettagli.
    Persone che hanno dedicato tempo, impegno, risorse, cura, empatia al bene comune di Prà.
    Ora occorre uno sforzo di sintesi e di proposta.
    Lavorando su diversi livelli di programma per i corrispettivi livelli istituzionali (in primis Comune, Regione e Parlamento).
    Prà ha la forza per farlo ma sono necessarie strategie condivise.
    Bisogna guardare oltre. Ci vuole anche un livello nazionale di presenza e di proposta, per non essere fagocitati dai soliti disegni elaborati ai tavoli di concertazione dai quali siamo stati sempre esclusi.
    Ci vuole una visione chiara e lungimirante. Competenza e disponibilità ad assumersi responsabilità pari ai problemi da risolvere.
    Il Recovery Plan terrà conto delle esigenze del Paese, dovrebbe farlo. Non possiamo esserne estranei.
    Le strategie geoeconomiche a livello internazionale, il conflitto USA-_CINA, le mire portuali sugli approdi europei passano anche . soprattutto da qui.
    Non farci trovare pronti sarbbe un delitto.
    Come disse un giorno Cesare Romiti “passa il treno delle opportunità e non possiamo non salirci anche noi: restare a piedi in stazione sarebbe colpevole e senza chance di recupero”.
    Quando sentiamo parlare di sostenibilità ambientale, di ripartenza verde, di industria 4.0 , di sforamento climatico, di rilancio del sistema formativo e scolastico (siamo ultimi per impegno del PIL in istruzione tra i Paesi OCSE), di estinzione delle biodiversità…. ebbene in tutto questo ci siamo e ci saremo anche noi.
    Non possiamo farci trovare impreparati.
    Il Prof. Benini – Emerito neuroscienziato dell’Università di Zurigo sostiene con documentate affermazioni suffragate da Studi ONU (130 scienziati) Ipbes e di biologi come E. Wilson che il Covid 19 è anche il risultato di una umanità impreparata che sta distruggendo il pianeta. Siamo 7.7 miliardi di persone. A fine secolo si prevede che saremo 11 miliardi.
    Ai 6 miliardi di esseri umani è scattato il semaforo rosso della incompatibilità con l’ambiente e la natura. Il Presidente ISTAT mi ha fatto notare che a metà secolo, tra 30 anni, la Nigeria sarà la terza etnia mondiale dopo Cina e India e il 35% di questa sarà stanziale in Europa.
    Dobbiamo prepararci a scenari imprevedibili come li definisce Mario Draghi e dobbiamo farlo con cognizione di causa e presenza fattiva.
    Altrimenti saremo solo entità geografiche gestite altrove.
    Il futuro è iniziato in questa epoca di crisi pandemica che ribalterà le derive dell’economia globale alla quale siamo stati abituati (e di cui abbiamo subito gli effetti).
    Speriamo intanto che in Regione qualcuno pensi e agisca per il bene di Prà.
    Poi è chiaro che per queste votazioni ognuno si affida a chi dimostra di meritare consenso.Le scelte vanno sempre commisurate all’esistente e al possibile, due categorie di realtà imprescindibili. Ma nulla ci vieta di prepararci ad obiettivi più pertinenti per noi.

  15. Gli ultimi interventi sono interessanti. Speriamo che si apra un dibattito totalmente praino, tra noi lettori. Tacere e mugugnare non porta da nessuna parte.

  16. Invece a Pra preferiscono tacere, mugugnare e votare i foresti.
    E’ proprio una tradizione che si passa di generazione in generazione, penso che il mugugno sia nato a Prà.
    Tutti lanciano il sasso e nascondono il braccio.
    Conclusione amara: ci meritiamo quello che passa il convento. Avanti così.
    Andremo di male in peggio e la colpa ce la dobbiamo prendere tutta.

Rispondi a Anna Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*