Caccia alla fumata !

Redazione-

A seguito dell’articolo “Quanto inquina una portacontainer ?”, che ha riscosso grande attenzione, commenti e segnalazioni dei nostri lettori e della cittadinanza praese, SuPra’tutto vuole nuovamente riportare l’attenzione sulla fonte più pericolosa di inquinamento del Porto di Pra’, che non è il rumore, anche se fastidioso, continuo e insidiante la qualità della vita e il sacrosanto riposo dei cittadini praesi, bensì quello atmosferico generato, oltre che dall’impressionante numero di TIR utilizzati per il trasporto dei container, anche e soprattutto dagli scarichi delle navi portacontenitori. Non sembra proprio che i controlli effettuati dalla pur sensibile e collaborativa Capitaneria di Porto siano in grado di garantire pienamente i cittadini sul fatto che armatori non rispettosi delle leggi possano utilizzare combustibili contenenti zolfo anche durante la sosta in porto, nè tantomeno impedire che, nelle manovre di arrivo e partenza, le navi emettano dense fumate nere. Come, ad esempio, la “MSC Camille”, “beccata” ed immortalata da un cittadino praese mentre, durante la manovra di ingresso al Bacino Portuale di Pra’, eruttava per lungo tempo fumate nerissime e dense di particolati, molto pericolosi per la salute delle persone. Un nostro lettore ci ha raccontato che «quando ero imbarcato come macchinista sulle navi da crociera di Costa, già negli anni ’80 negli Stati Uniti d’America se facevamo fumate nere durante le manovre in porto venivamo fotografati daila “Coast Guard” e la compagnia armatrice doveva pagare multe salatissime e subito, altrimenti la nave poteva anche essere sequestrata». Visto che qui da noi non è propriamente così, invitiamo i cittadini a fotografare le “fumate nere”, inviarci immagini e informazioni (nome nave, giorno e ora). Specialmente se la fumata ha una colorazione giallognola, segno inequivocabile dell’utilizzo illegale di combustibile contenente zolfo. SuPra’Tutto provvederà a trasmettere il tutto alla Capitaneria di Porto.

4 Comments

  1. Ottima idea, mentre per il rumore notturno ci prendono in giro con regole, fonometri, limiti di legge, eccetera eccetera che guarda caso fin’ora non hanno mai portato a niente (solo la fondazione ha prodotto un dossier sul tema degno di questo nome) con le foto c’è poco da dire, sono evidenze importantissime: chi fuma nero inquina ed avvelena la gente. Rispolvererò la mia macchina fotografica e mi metterò di vedetta sul poggiolo.

  2. Interessantissima la notizia del trattamento che la Guardia Costiera USA riserva alle navi-ciminiera…dovremo prendere esempio, ma comunque non dubito che i lettori accoglieranno l’invito a vigilare ed immortalare i trasgressori e le loro fetenti fumate nere.
    Io, personalmente, lo faro’.

  3. da applicare anche alle fumate nere che provengono dalle gru gommate presenti sul piazzale…anche quelle inquinano e molto hanno motori diesel molto vecchi…

  4. …invitiamo i cittadini a fotografare le “fumate nere”, inviarci immagini e informazioni (nome nave, giorno e ora). …..SuPra’Tutto provvederà a trasmettere il tutto alla Capitaneria di Porto.
    Scusatemi se sono un poco “imbranato”, ma indicherei esplicitamente l’ indirizzo? il format? per spedirvi immagini ed informazioni, magari bene evidenziato sulla pagina stessa di caccia alla fumata, grazie. E-mail: fondazioneprimavera@gmail.com

Rispondi a Claudio Seccia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*