Blitz al Porto di Pra’: “taroccati” i controlli ai container radioattivi, arrestati due consulenti e sotto indagine sei spedizionieri

Elisa@Provinciali – Sono arrivate all’alba le Forze dell’ordine, ovvero il Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri, che evidentemente indagavano da tempo sull’attivita’ del terminal commerciale. Arresto per due consulenti, incaricati dei controlli radiometrici presso il PSA PRA’, ed i terminals  Sech, Spinelli, Messina. Praticamente i maggiori imprenditori logistici di Genova. L’ accusa? Piuttosto pesante , ovvero aver prodotto certificazioni IRME90 non fedeli,o meglio, compiacenti. Assieme ad essi, sono stati “attenzionati”, con obbligo di firma, sei spedizionieri, i quali applicavano” una collaborazione attiva e consapevole a tale sistema di mancati controlli”.

Scatto da fermata autobus in via Pra’

La bomba e’ deflagrata dopo una minuziosa e lunga azione investigativa, per la quale gli inquirenti si sono ampiamente avvalsi dell’uso di intercettazioni telefoniche.

Il Secolo XIX riportava ieri, 25 u.s. la più dirompente, relativa alla conversazione tra consulente ed il suo collaboratore, il quale segnala al suo principale di aver trovato alcune anomalie su un carico, ricevendo come risposta di lasciar perdere.. Anche le legittime rimostranze del tecnici dell’Arpal, che spesso segnalarono anomalie e controlli superficiali, pare venissero spesso accolte dal consulente con disappunto e fastidio. Scrive il GIP  che “piu’ in generale, il consulente non riteneva opportuno intervenire anche nei casi di rischio, preferendo occultare risultati scomodi”.

Molti media genovesi riferivano che: gia nel 2014, vi era stato un primo filone d’inchiesta, sempre collegato a controlli “addomesticati”. Si era concluso con l’arresto dell’ingegnere e del suo collaboratore, funzionari addetti. Ma nonostante cio’, i reati hanno continuato ad essere perpetrati, da altri consulenti. Il sistema era ormai collaudato e abituale.

 Il procuratore capo Francesco Cozzi spiega anzi che gli illeciti avevano raggiunto forme ulteriormente raffinate, per evitare che le procedure di controllo assenti o alterate venissero alla luce, e poter continuare ad ingannare le Dogane, minimizzando o ignorando le osservazioni delle autorita’ di verifica. L’accusa, per tutte le otto persone coinvolte e’ di “falso ideologico per induzione”.Il tutto e’ reso ancor piu’ grave dal fatto che la normativa vigente in materia, recependo direttive Europee, si e’ fatta assai piu’ stringente negli ultimi anni.

Fascia di rispetto con passeggiata

 Questa pessima storia di spregio della salute dei cittadini ed anche degli stessi lavoratori del Porto di Pra’, doveva prima o poi esplodere in tutta la sua virulenza, perche’ la cittadinanza e le varie associazioni, in primis Fondazione Primavera, in parte il Municipio, hanno sempre deplorato, da decenni l’attivita’ di un terminal contenitori strettamente a ridosso dell’abitato. Vi sono state petizioni, invio di e-mails e raccolte di firme, del tutto inascoltate. Sono stati infranti i patti relativamente alla collocazione dei containers, che non dovevano superare il terzo tiro, mentre invece, come possiamo vedere dall’immagine, svettano indisturbate in pile d’acciaio e dilagano per ogni dove, invadendo la pista ciclabile ed aree che il progetto iniziale della piattaforma assegnava a zone di filtro tra porto ed abitato.

In attesa delle dune separatrici

Un container fortemente radioattivo, nel 2011, ha stazionato oltre un anno sotto le nostre finestre. Racconta l’allora Presidente del Municipio, Avvenente:” Per risolvere una volta per tutte questa pericolosa situazione, fummo gli unici a convocare il Consiglio sotto la Prefettura, per sollecitare la rimozione del materiale radioattivo.” Taluni contenitori poi, sono volati in prossimita’ della passeggiata, dove la gente va a correre, piccolissimo sfogo, in mezzo ad un leviatano di terra, acciaio, rumore e fumi tossici. Un altro caso ha riguardato lo sversamento di liquido infiammabile da uno di essi, posto in isolamento e sul quale dovettero intervenire i Vigili del Fuoco, con attrezzature e precauzioni speciali, destinate ai materiali pericolosi, in orario notturno per motivi di sicurezza.

Usque tandem? Fino a quando, tutto ciò ?  I cittadini di Pra’ plaudono all’intervento dei Carabinieri , degli Inquirenti e ringraziamo i cronisti del Secolo XIX , Grasso ed Indice, che hanno fornito ai lettori informazioni esaustive su questo indegno andazzo, perpetrato sulla base del pressapochismo, della disonestà, sulla pelle di tutti quelli che vivono a Pra’ e dei i lavoratori del porto, privilegiando il dio denaro.

Pra’-Palmaro

I residenti, interpellati sulla vicenda, sono stati unanimi: “ questo avvenimento e’ veramente la goccia che ha fatto tracimare la nostra tolleranza, da domani si deve cambiare. A cominciare dalla rimozione immediata dei containers potenzialmente pericolosi per la salute delle persone, dall’abitato e dalle vie di Pra’-Palmaro e dalle vicinanze della Fascia di rispetto e della pista ciclo-pedonale”.

In ultima analisi, apprendiamo che il terminal PSA -Pra’ ha diramato un comunicato, con il quale precisa che” le vicende contestate dai Magistrati in nessun modo riguardano addebiti al Terminal stesso, che si riserva ogni iniziativa a tutela propria e della Societa’.”In effetti, la responsabilita’ penale appare limitata ai soggetti in questione, cui sono state applicate le misure restrittive.

L’inchiesta continuerà, com’è lecito aspettarsi che sia.

13 Comments

  1. E arrivato il momento di scoperchiare le malefatte di qualche piccolo arrogante che si attribuisce il diritto di giocare con la salute dei cittadini.
    Brava Elisa

  2. Tanto per iniziare bisognerebbe che ogni gru da banchina disponesse, sull’aggancio contenitore, di un rilevatore di radioattività.
    In caso di test positivo il container non verrebbe nemmeno scaricato dalla nave.
    Questo è un aspetto che bisognerebbe chiedere a gran voce nei confronti dell’AD del PSA.

  3. Quando si apprendono notizie di questo tipo, si cade nello sconforto. E nella rabbia.

    Sconforto perché in questo Paese pare non ci si possa salvare dal malcostume, dalla corruzione, dalla disonestà. Che diventano sempre più capillari, sempre più insiti nell’agire quotidiano, tanto da vestirsi di “normalita”. Qui, sta il vero dramma. Nel fatto che delinquere è un’abitudine e i disonesti sono i “furbi”. Sta nel fatto che manovrare per cavarsela senza impicci o riempirsi le tasche è diventata una consuetudine sfacciata e poco importa se l’effetto collaterale è quello di “fregare” gli altri, il vicino di casa, il collega, un quartiere, una comunità … mors tua, vita mea. Ecco il mantra. E qui scatta la rabbia. Qui DEVE scattare una rabbia sana e robusta che ci porti a correre sulla strada che abbiamo intrapreso con forza e convinzione ancora maggiori.

    Perché BASTA respirare spazzatura. Ora anche radioattiva. Direi BASTA COSÌ. Per chi lavora in porto e per chi vive negli effetti della sua presenza. Il primo auspicio è che questi reati vengano perseguiti e per gli stessi la pena sia certa e commisurata alla loro entità. Ho pochissima fiducia al riguardo, ma bisogna sperare altrimenti siamo finiti. Il secondo è che a questo tipo di “merce” non sia consentito avvicinarsi ai centri abitati, ma la stessa venga stoccata in siti dedicati, sicuri e monitorati come si conviene ala pericolosità della sua natura. Il terzo è che, al di qua, del porto, CONTINUIAMO A MUOVERCI. Forti, nostro malgrado, di questo ennesimo sconcio, pressiamo sull’esecuzione delle opere già discusse con le Istituzioni e sempre più inderogabili. Nella fattispecie, i container a ridosso della ciclabile DEVONO essere spostati a mare e schermati all’abitato con la duna alberata che sulla carta è strepitosa ma, nel concreto, fluttua ancora nell’aria del “poi faremo”. E via i containers di fronte alle finestre di Palmaro! A ponente, lungo il rettilineo che porta a Voltri, ci sono lande deserte che possono ospitarli con disagio minore e comunque nel rispetto della normativa che vieta il loro accatastamento oltre un certo numero di tiri. E avanti con il prolungamento del canale di calma e della fascia-cuscinetto fin dove è fattibile. Quanto continua ad accadere in barba alle più elementari norme di sicurezza, nello spregio dei tanti che onestamente lavorano in porto o sì trovano a subire la sua presenza PUÒ paradossalmente accelerare questo processo. Battiamo il ferro finché è caldo! Proviamo a convertire un evento negativo in spinta propulsiva per avvicinarci all’obiettivo. Io continuo ad avere fiducia nell’intelligenza, nella volontà, nelle capacità della Fondazione che è il nostro vero asso nella manica. A noi il compito e il piacere di non farle mancare presenza è sostegno. Ringrazio Elisa per il suo apporto preziosissimo. Sempre puntuale ed esaustiva nel riproporsi in quello che è stato il primo step della nostra “rivoluzione per la rinascita”: INFORMARE. Per conoscere, ragionare, proporre. E far capire a chi di dovere che abbiamo deciso di CAMBIARE.

  4. ciao Eli ottimo giornalismo di denuncia e non arrendiamoci anche se e’ risaputo che ovunque si mette il naso, c ‘e’ quasi sempre puzza ammorbante di illecito, incuria, intrallazzo, insolvenza ed incapacità.

    • Ciao, Elisa ha fatto bene a calcare la mano su questo spiacevole episodio, che penso sia solo la punta di qualche cosa ancora più grosso. Perché tutti questi rifiuti tossici nessuno li vuole e tutti cercano di eliminarse. Occhi aperti, continuare con controlli.

  5. Se sommiamo questo articolo a quello di Velocifero sule emissioni delle navi portacontenitori ne esce fuori un bel triste quadro di totale insensibilità e anche disonestà alle legittime necessità e aspettattive dei cittadini di Pra’. Bene però che Supratutto continui a fare informazione ficcante e di qualità, prima ne succedevano di tutti i colori e la gente neanche lo sapeva.

  6. Giusto Pietro, e tutti i lettori che hanno.commentato unanimemente il proprio disgusto per questi accadimenti di cui si aveva sentore da tempo, ma che sono emersi con certezza. Adesso la palla passa alla Magistratura, che si spera assuma provvedimenti adeguati alla gravità dei fatti contestati.
    Ma anche la politica deve prendere atto che da oggi vanno attuati urgenti interventi sulla configurazione del Porto: via i container dall abitato una volta per tutte, dune separatrici, rispetto rigoroso dei parametri di sostenibilità ambientale.
    Hanno finito di speculare sulla nostra salute!!!

  7. Ben fatto Elisa. Finalmente la conferma che quanto ho sempre sospettato e predicato e’ purtroppo realta’ gravissima. Sono anche stato accusato di essere schierato contro I lavoratori del porto. Tutt’altro con le mie dichiarazioni e proposte ho cercato di tutelare oltre i cittadini di Pra/Palmaro anche gli stessi lavoratori del porto. Il lavoro produce ricchezza ma deve garantire anche sicurezza e salute. Per cui adesso tocca a noi farci sentire nelle sedi opportune pretendendo il nostro sacrosanto diritto alla tutela della salute e dell’ambiente.

  8. Grazie a tutti, mi attribuite meriti generosamente, non sono certo la sola e l’unica…sono molto in sintonia quando dite che questa storia infame deve essere il punto di partenza per PRETENDERE, badate bene, non ho detto chiedere,ESIGERE che gli odiosi containers vadano definitivamente fuori dalle scatole e lontano, il piu’ lontano possibile da noi!

  9. grazie per il tuo articolo,sono riuscita a leggerlo solo stamattina.Ma questa gente che pensa solo al proprio interesse economico, non si rende conto che facciamo tutti parte dello stesso mondo e respiriamo tutti la stessa aria?
    Comunque che questo sia un ulteriore spunto per andare avanti con le nostre richieste sempre piu’ giustificate!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*