Benvenuti a Pra’

Guido Barbazza

Andando in giro per l’Italia e facendoci un po’ di attenzione è facilmente rilevabile come tutte le città, cittadine, paesi, ma anche frazioni, e località, e persino quartieri di piccole cittadine siano segnalati da opportune targhe ed indicazioni. Salterà perciò all’occhio in modo evidente che ciò non vale per Pra’, che non è indicata nè segnalata in alcun modo sia sul suo stesso territorio, sia nelle zone limitrofe. La cosa pare ancora più anomala se si considera che, con i suoi 28.000 abitanti e la sua storia, cultura, territorio, Pra’ ha dimensioni e rilevanza maggiore di molte delle località italiane che godono di effettiva e regolare segnalazione stradale. Tanto per fare qualche esempio a noi vicino, Arenzano conta meno di 12.000 abitanti, meno della metà di Pra’, Cogoleto poco più di 9.000, meno di un terzo, Mele meno di 3.000, quindi meno di un nono di quelli che conta Pra’. Per colmare la grave lacuna, cogliendo l‘occasione della riqualificazione del litorale praese tramite il P.O.R.-Pra’ Marina, la FondAzione PrimA’vera si è da tempo attivata per dotare Pra’ di opportune targhe segnaletiche sia di “Benvenuto”, sia di “Arrivederci”.   Le targhe, realizzate tramite “fund raising”, (con la preziosa e gentile collaborazione della società “UNIECO”, assegnataria del lotto di Ponente dei lavori del P.O.R.- Pra’ Marina, tramite il suo Dirigente Ingegner Carlo Cocchi, a cui va il caloroso ringraziamento della FondAzione e dei Praesi) e il cui costo quindi non peserà nè sui conti comunali nè su quelli municipali, saranno posizionate in prossimità  delle estremità della Via Pra’, in corrispondenza del “Castelluccio di    Pra’ “ a Levante, e delle ex “Officine Verrina di Pra’ “ a Ponente. In  aggiunta, analoghe targhe saranno installate in prossimità dell’innesto sulla via Pra’ del Casello Autostradale di Pra’. Le targhe, secondo gli standard per le indicazioni turistiche e di interesse storico, sono state realizzate su bozzetti della FondAzione e vogliono ricordare sia i sei storici sestieri: Longarello, San Pietro, Borgo Foce, Sapello, Palmaro e Cà Nuova, sia sottolineare i tre punti che maggiormente caratterizzano Pra’, che sono l’essere la “Capitale Mondiale del Basilico”, ospitare sul proprio litorale il “Porto di Pra’ “, e vantare il gioiello ricreativo-  sportivo della Fascia di Rispetto e della “Cittadella dello Sport”. L’idea è piaciuta molto al Comune, che ha rilasciato specifico “nulla osta”, e anche al Municipio, favorevole alla  realizzazione anche di analoghe targhe per le delegazioni limitrofe di Pegli e di Voltri. Quindi, sulla scia, e grazie all’iniziativa di Pra’, anche Pegli e Voltri con tutta probabilità vedranno finalmente riconosciuto il loro analogo sacrosanto diritto ad essere indicate e segnalate in modo opportuno. Si realizzerà così un altro passo avanti sul percorso indicato dalla FondAzione per consolidare il senso di appartenenza al Municipio, attraverso la valorizzazione delle tre identità storiche che lo  compongono: gli ex-comuni di Pegli, Pra’ e Voltri, appunto. In aggiunta, il Comune ha recepito e supporta anche la proposta aggiuntiva della FondAzione per il posizionamento, lungo la via Pra’, a cura e spese della FondAzione stessa, di opportune targhe di segnalazione dei 4 più importanti monumenti e testimonianze  storiche del territorio praese: Il Castelluccio di Pra’, Torre Cambiaso, la Chiesa Romanica di San Pietro e l’antica Pieve di Nostra Signora Assunta, secondo i bozzetti realizzati sempre dalla FondAzione. Dopo questa prima fase la FondAzione ha in programma di attivare una seconda fase di valorizzazione del territorio collocando targhe di indicazione e contestualizzazione delle ville nobiliari di Pra’, a partire, a Levante, dalla “Villetta Ratto” fino alla “Villa Podestà della Baronessa”, ultima della serie, a Ponente, e gli stemmi dei sestieri praesi. Un altro tassello andrà così al suo posto nella realizzazione della visione “Pra’ Futura”. Meglio tardi che mai, è il detto applicabile, visto che la prima proposta di questo tipo fu avanzata dal Comitato Culturale Praese nell’ormai lontano 1997, la FondAzione ha ripreso il progetto e ci sta lavorando su dal 2013, districandosi nei meandri della burocrazia, e le targhe, a costo zero per l’amministrazione comunal-municipale, si trovano ormai da mesi nella disponibilità di Aster, deputata all’installazione, che tutti a Pra’ si augurano avvenga, finalmente, nei prossimi giorni.

8 Comments

  1. Bello che si capisca quando si entra ed esce da Pra’, Pegli e Voltri, si cancelleranno così tutte le stupidaggini dette e scritte sui vari territorii, in particolare quello di Pra’, troppe vlte “spacciato per Voltri”.

  2. Era ora ma dov’era il municipio ? queste cose le dovrebbero fare loro e non i cittadini di Prà e a loro spese perfino

  3. Su Il Praino, n.3 del giugno 2010 venne pubblicata una mia breve lettera che citava: «…sarebbe bello avere un cartello di quelli turistici “Benvenuti a Pra'” e “Arrivederci” in corrispondenza del Castelluccio e Verrina. Magari con la scritta Patria del Basilico […]. Cartelli turistici sull’Aurelia in corrispondenza dei principali edifici storici (Ville Storiche, Pieve dell’Assunta, Oratorio…)». Un sentito grazie alla Fondazione che ha reso possibile anche questo!
    Per avere anche la ciliegina sulla torta, sarebbe meravigliosa anche una bacheca presso la Stazione ferroviaria con la carta dei bellissimi sentieri delle nostre alture: un modo in più per far conoscere le bellezze di Pra’…

  4. Sono d’accordo con i lettori precedenti, ma saro’ piu’ felice quando Pra’ sara’ BELLA in modo omogeneo, au contraire ora i suoi confini dove appunto verranno installati i cartelli di BENVENUTO ed ARRIVEDERCI. essendo rimasti fuori dai POR, non appaiono al livello di riqualificazione del centro della delegazione…Speriamo lo divengano prima possibile!

  5. Cara Bellicosa, sono sicura che i cartelli di benvenuto ed arrivederci avranno anche una funzione “psicologica” positiva, facendo si che anche agli “estremi” di Pra’ arrivi il recupero e la valorizzazione dei POR. D’altra parte la FondAzione è stata la prima e l’unica organizzazione ad occuparsi del 100% del territorio di Pra’, e non solo “della piazza e dintorni”.

  6. Caro Fabio, bellissima l’idea della “bacheca” in stazione. Invece di una semplice bacheca suggerisco di realizzare una targa di indicazione turistica del territorio con i percorsi e sentieri escursionistici sulle nostre alture. Sono sicuro che se scrivi alla FondAzione e chiedi di occuparsene anche ciò si tradurrà in realtà.

Rispondi a Marco B. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*