Auguri Pra’!

...salutando il 2018, ed aspettando il 2019

Elis@ Provinciali –

“Caro amico ti scrivo…”, cantava Lucio Dalla nella bellissima canzone, di cui ricordiamo qui il titolo. E noi, che cosa possiamo scrivere al lettore, e quali ragionevoli prospettive dobbiamo nutrire per il nuovo anno che si affaccia nelle nostre vite?

Dandoci un’occhiata alle spalle, non credo vi sia nulla da rimpiangere, nel vecchio 2018, specie nel secondo semestre: il dolore immenso, lo choc atroce del crollo del ponte Morandi, con il suo carico di vittime innocenti, sono difficili da metabolizzare. Ancora non sappiamo come, ma il futuro ci riserva una ricostruzione sofferta, per la quale però nutriamo fiducia, nel Sindaco Bucci e nello staff messo in piedi (Renzo Piano, un nome ed una garanzia di lavoro a regola d’arte), perché Genova non può certo attendere oltre il ritorno alla “normalità”, almeno dal punto di vista della percorrenza stradale. Facile a dirsi, molto meno all’atto pratico; restano molti nodi, che il nuovo anno forse dipanerà: l’esito delle indagini giudiziarie, la verità da conoscere, la complessa questione dei rimborsi previsti dal decreto Genova, un po’ di stabilità per le persone insediate delle nuove case, mentre, per chi ha perso i suoi cari, in modo così assurdo, la sofferenza è inesprimibile.

Speriamo in una ripresa dell’attività portuale, e delle molte realtà commerciali pesantemente compromesse, bar e negozi che rischiano la chiusura. I Genovesi hanno dato prova di fierezza e determinazione, e tale atteggiamento proattivo accompagnerà l’anno nuovo…auguriamoci altrettanta “voglia di rialzarsi”, per tutto il Paese, anch’esso scosso, per l’intera superficie dello Stivale, da molte faccende critiche, per non parlare del Governo, con tutte le sue velleità e contraddizioni. Magari, invece, il cambiamento tanto auspicato e sbandierato, ci sarà, in positivo, tutti lo chiediamo!

Con queste premesse, veniamo alla nostra Pra’; ovviamente, molto di quanto progettato per la riqualificazione, sconta le priorità relative al nuovo ponte, ma nell’ultimo mese vi sono stati incontri formali ed informali, dalle nostre parti, per fare il punto della situazione, visto che Fondazione Primavera annuncia la concentrazione degli sforzi “Tutti per Pra’-Palmaro” , evidenziati nella copertina del magazine Supra’Tutto appena uscito.

Il Consiglio di Comunità Praese, come ci informa il presidente Niclo Calloni, puntualizza < l’apertura della prima fase di micro-realizzazioni sul territorio, ovvero l’uniformità di restyling urbano da via Taggia verso ponente, almeno nella zona centrale del sestiere, (marciapiedi e luci), in linea con l’estetica dei POR>.

<Intendiamo coinvolgere anche le competenze dell’architetto Daniele Siviero, che già da tempo realizzò un efficace progetto per la rivalorizzazione di Villa de’ Mari e dell’intero borgo, puntando sulla piantumazione di alberi ad alto fusto e siepi ornamentali.> continua Calloni, mentre emerge anche la proposta da esponenti del Comitato Palmaro, di riattivare il varco sull’Aurelia ”Ex Special”, onde creare un collegamento con la piattaforma portuale. Progetto interessante, ma non privo di difficoltà, in primis la non complanarità, la presenza dei binari, oltre la serie di permessi burocratici ed i vincoli normativi, che possiamo solo immaginare.

Certamente, sarebbe positivo che il personale del porto potesse accedere al sestiere, utilizzandone i servizi, facendo acquisti ecc.ra., interagendo con gli abitanti. ( l’ idea incontra il favore anche della dott.ssa Franchelli della Farmacia Palmaro, convinta protagonista della rinascita del borgo)..e sarebbe pure interessante avere una zona franca, che è prevista in tutti i porti, cui anche la popolazione possa transitare, ma per adesso , nelle riunioni di CCP, ci si concentrerà sui punti già detti, i quali dovrebbero essere concordati anche con le analoghe proposte formulate dal Municipio : pedonalizzazione di via alla Chiesa di Pra’, coerenza architettonica dal sagrato fino a via Dolceacqua, riduzione e modellazione dei muri di cinta della Villa, presentazione di dettagliato piano al Sindaco, contatti con la nuova Coop Liguria per collaborazione pratica nella riqualifica del marciapede  prospicente  l’azienda, sino alla zona antistante il rio Branega. Ognuno dei componenti del CCP darà il suo contributo, importante avviare regolari monitoraggi delle attività concordate. Probabilmente l’Istituto Comprensivo di Pra’ potrà anch’esso contribuire, come lo scorso anno, tramite il Laboratorio creativo, che realizzò un video promozionale con disegni dei bimbi della materna e della primaria. Ci si vorrebbe cimentare, quest’anno, con il restauro dei ”rissoeu” bianchi e neri della piazza dell’Assunta, fortemente danneggiati, con la consulenza dell’istituto di Ligustica ed altri attori…al momento, siamo in fase di definizione di tale progetto, che punta ad un recupero artistico di grande importanza. E’ allo studio un coinvolgimento degli alunni per il riconoscimento e l’adozione delle specie arboree presenti nel Parco Dapelo, con l’ausilio di esperti botanici che possano affiancare gli alunni alla riscoperta e conoscenza del nostri “verde” pubblico. Poichè la visibilità mediatica ha il suo peso,per influenzare e segnalare i disagi del sestiere, specie nei confronti di Porto e Ferrovie , Fondazione e CCP intendono avvalersi di riprese sul posto, continuando la trasmissione già avvenuta alcuni mesi fa, della serie “On the road “; infine, possiamo ragionevolmente aspettarci, per il 2019, l’avvio dei lavori di copertura fonica del tratto autostradale che insiste sulle vie di Palmaro, finora prive di tale protezione.  Insomma, abbiamo molte prospettive di rinnovamento per l’anno nuovo, di sicuro il Consiglio di Comunità seguirà con attenzione l’evolversi della situazione, e svolgerà azione di stimolo, anche se il presidente Calloni ammonisce a non farsi eccessive illusioni, perché concretizzare l ‘intera visione sarà comunque laborioso e da conquistare palmo a palmo, con tanto impegno e l’indispensabile apporto tecnico e finanziario del Comune di Genova.  L’azione del Borgo, del CIV, della Giostra della Fantasia, di Musicarte, del Comitato Palmaro, del Cinema continuerà , per rivitalizzare le strade del rione con eventi per grandi e piccoli, ed attenzione all’intrattenimento culturale.  Di sicuro, non vi sarà alcun arretramento progettuale, anzi, speriamo che l’anno 2019 sia apportatore di rinnovamento per il sestiere più bisognoso di attenzione e cure di Pra’: Palmaro e la sua storica chiesa, recentemente sorta alla cronaca per l ‘accurato restauro del Coro e dell’Oratorio. Infine, è all’ esordio lo studio epidemiologico a cura della sinergia ASL/Distretto Sanitario/Comune/Regione Liguria sul nostro territorio, ed è stata installata la centralina per monitorare la qualità dell’aria , come ha recentemente dichiarato al nostro giornale il dott. Filippo Parodi.
Pra’ deve diventare sempre più un luogo dove è bello, sano e divertente vivere: ovviamente, un anno solo non basterebbe, ma intanto, “Che l’inse!”…e volendo, la lista dei buoni propositi è solo accennata in queste righe, altro e molto di buono si spera possa accadere.

 

5 Comments

  1. Grazie Giuseppina, da donna concreta hai interpretato bene l articolo: sono opportunità di cui si è parlato , dovremo conquistarcele tutte una per una è non smettere mai di rivendicare il giusto!!!
    Auguri.

  2. Notavo nel logo dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale:
    Vado – Savona – Pra’ – Genova. Perchè soltanto Pra’ non è comune? Meditate gente.
    Buon anno Pra’!

  3. Grazie Elisa del tuo resoconto. ..preciso e particolareggiato come sempre! Speriamo che le promesse fatte vengano mantenute! Con l’appoggio e il lavoro di tutti ci si augura di cominciare a vedere dei risultati concreti!

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*