Ancora una tromba marina. Paura e danni nel porto e nella Fascia di Rispetto

ATTUALITA'

Luciano Bozzo #

Una nuova tromba marina si è abbattuta sul nostro territorio nel tardo pomeriggio di lunedì 10 novembre intorno alle ore 17 mentre erano in atto forti precipitazioni. La tromba marina ha portato danni e paura nell’area del VTE ed a ridosso della pista ciclabile sul lato sud del canale di calma.   Il vento alla velocità di circa 100 Km/h ha fatto cadere una trentina di container impilati, una buona parte dei quali pieni, nella zona del porto gestita dal Nuovo Borgo Terminal.  Diversi altri container, per lo più vuoti, attigui alla pista ciclabile sulla Fascia di Rispetto, sono stati trascinati dal vento e fatti rotolare per alcuni metri pericolosamente verso la stessa pista ciclabile; una palma è stata abbattuta. Nonostante in quel momento il porto fosse in normale attività, per fortuna non si registrano feriti tra gli operai del VTE ma la paura è stata davvero tanta. La forte pioggia del momento aveva tenuto lontano dalla pista i molti frequentatori  che negli altri giorni utilizzano questi spazi per pratiche sportive e passeggiate cosicché nessuno ha corso dei rischi in questo frangente sul lato della Fascia di Rispetto.  Questo brutto episodio però riporta all’attenzione di tutti l’assurdità e la pericolosità della presenza di così tanti container che incombono a pochi metri di distanza da un’area ricreativa che quotidianamente è  sempre molto frequentata e vissuta in maniera intensa dai residenti praesi; e visto che solo pochi mesi fa un’altra tromba d’aria aveva attraversato l’area del Canale di calma portando, anche in quel caso, paura e danni, il rischio che questi eventi, purtroppo sempre più frequenti, possano causare seri danni anche alle persone proprio per la presenza invasiva dei contenitori, non va minimamente sottovalutato.

2 Comments

  1. Dobbiamo ringraziare davvero la buona sorte se non vi sono stati feriti, l’articolo evidenzia molto efficacemente la collocazione di containers del tutto impropria, in quanto attigui all’abitato ed alle zone ricreative in Fascia.
    Possibile che nessuno ci pensi?
    Gli abitanti di Pra’ e non solo vivono costantemente con la “spada di Damocle” sulla testa!

  2. Quei container, messi li’, non sono solo un obrobrio estetico ma rappresentano un grave pericolo per la pista ciclabile e soprattutto per chi ne usufruisce. Propongo a tutti di seguire l’ iniziativa del Comitato per Pra’ che invita a presentare un esposto sui container pericolisi alle autorita’ competenti.
    L’ esposto, da firmare e presentare ai Carabinieri, si puo’ scricare dal seguente link:

    http://www.comitatoperpra.org/index.php?option=com_content&view=article&id=539:containers-pericolosi-firma-l-esposto&catid=39&Itemid=203

Rispondi a Marco Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*