Anche l’occhio vuole la sua parte

Ringhiere POR Pra' Marina zona Longarello

Velocifero #

Ringhiere POR Pra' Marina zona Longarello
Ringhiere POR Pra’ Marina zona Longarello

Sono passati solo pochi giorni dal montaggio delle prime ringhiere sugli spartitraffico del P.O.R. – Pra’ Marina e zacchete, la casella di posta elettronica di SuPra’Tutto è diventata incandescente per i commenti e le segnalazioni di gradimento e di sgradimento per la soluzione adottata. Facciamo il punto sulla tematica. La realizzazione dei tratti di carreggiate lato mare del P.O.R. – Pra’ Marina in posizione sopraelevata, non complanare, rispetto alle carreggiate lato monte ha imposto l’adozione di opportune ringhiere di protezione. La FondAzione PRimA’vera, al fine di minimizzare l’impatto visivo di tali ringhiere ha proposto di realizzarle in modo identico a quelle già installate lungo le passeggiate della Fascia di Rispetto “Spiaggia di Pra’ “, in acciaio inox. Tale proposta è stata formalizzata in ambito “Comitato di Monitoraggio P.O.R. – Pra’ Marina”. Per motivi economici il Comune ha deciso invece di installare ringhiere di tipo standard, come già utilizzato per il ponte di via Cassanello, a Pegli, e per cercare di avvicinarle al colore inox delle ringhiere della Fascia di Rispetto le ha realizzate con finitura a zincatura a caldo. La

Ringhiere passeggiata Spiaggia di Pra'
Ringhiere passeggiata Spiaggia di Pra’

FondAzione ha effettuato rilievi comparativi con altre ringhiere utilizzate per opere simili in zone limitrofe, la Cornigliano fino a Celle Ligure, le cui immagini sono riportate in un dossier specifico pubblicato su SuPra’Tutto. Tutte le ringhiere degli esempi sono realizzate in acciaio zincato a caldo, alcune sono identiche a quelle montate a Pra’, solo quelle della Fascia di Rispetto di Pra’ sono realizzate integralmente in acciaio inox. Le ringhiere del P.O.R. – Pra’ Marina avrebbero potuto essere realizzate, anche se in acciaio con la stessa finitura zincata a caldo, con le stesse linee estetiche di quelle utilizzate per la nuova strada a scorrimento veloce a Cornigliano e per la passeggiata a mare a Voltri, concettualmente simili a quelle della Fascia di Rispetto di Pra’ proposte dalla FondAzione. Le linee orizzontali avrebbero dato la sensazione visiva di una altezza minore generando quindi un impatto visivo più dolce, risultato che la FondAzione si riprometteva di ottenere tramite la sua proposta. Avendo scelto ringhiere con linee estetiche verticali, e di costruzione decisamente più pesante, invece, la sensazione visiva fa percepire un’altezza superiore al reale. Anche da punto di vista estetico le linee orizzontali si sarebbero uniformate con quelle delle ringhiere della Fascia di Rispetto. Il tutto, a parità apparente di costo. Forse, se proprio questo tipo di ringhiere doveva essere, una verniciatura finale dello stesso colore verde antico dei pali dell’illuminazione avrebbe trasmesso un senso di finitura

Ringhiere passeggiata a mare di Voltri
Ringhiere passeggiata a mare di Voltri

ed omogeneità che avrebbe migliorato il look estetico. E’ prevedibile che le ringhiere installate nell’ambito del P.O.R. – Pra’ Marina, al momento chiare e brillanti, in tempi relativamente brevi vireranno il loro colore nel tipico “grigio piombo” a seguito dell’ossidazione causata dagli agenti atmosferici. Selezionando lo stesso tipo di ringhiere utilizzate per la passeggiata di Voltri o per la nuova strada a scorrimento veloce di Cornigliano si sarebbe potuta realizzare una soluzione con migliore impatto visivo ed in armonia con le linee estetiche della Fascia di Rispetto e delle zone limitrofe. Quanto sopra risuta valido a meno che la scelta non sia stata dettata dalla necessità di realizzare una protezione particolarmente pesante da fungere anche da “guard rail”. La soluzione adottata è comunque decorosa e, nonostante si sarebbe potuto e dovuto fare di più, non dovrebbe

Ringhiere  nuova strada a mare di Cornigliano
Ringhiere nuova strada a mare di Cornigliano

condizionare più di tanto l’obiettivo di rivalutazione e recupero del litorale di Pra’ che ci si pone di raggiungere tramite l’esecuzione di qualità del progetto P.O.R. – Pra’ Marina. Magari, per i passaggi futuri, sarebbe auspicabile prestare maggior attenzione ai dettagli estetici, che fanno la differenza tra un’opera mediocre ed una di qualità. A partire dagli altri suggerimenti migliorativi avanzati dalla FondAzione, quali la fasciatura in pietra dei muri in cemento armato di separazione tra le due sedi stradali, l’utilizzo di pietre di mare per la pavimentazione dei centri delle rotatorie, l’aumento del numero degli alberi di alto fusto, la realizzazione di motivi ornamentali riproducendo lo stemma di Pra’ e i gonfaloni dei suoi sestieri. Anche l’occhio vuole la sua parte.

9 Comments

  1. Concordo con Velocifero: non si poteva scegliere di peggio come tipologia di ringhiera, verissimo che le le linee orizzontali avrebbero trasmesso un senso di maggior “respiro”, mentre quelle verticali, ricordano tanto le sbarre di una prigione…eppure, in sede di monitoraggio POR, c’erano state precise richieste…ma tant’è! A volte, visto che a pensar male si pecca, ma quasi sempre si indovina, ebbene, a volte, anzi abbastanza spesso, mi viene il dubbio che il Comune, per Pra’, abbia un occhio di riguardo, al contrario: tutti fondi di magazzino, le installazioni più scadenti, le cose che nessuno vorrebbe in casa sua, vengono “rifilate” a Ponente: fateci caso, i bidoni dei rifiuti sulla fascia, la tipologia di piante, vari arredi urbani, sembra tutto di seconda scelta. Tanto noi, come dire, ci becchiamo tutto. E INVECE NO! Sono finiti quei tempi e vigileremo affinchè il risultato finale dei POR sia all’altezza delle nostre aspettative! Se vi sembro “cattiva”, ho appena iniziato: di certo, se doveva essere una riqualificazione, nessuno vuole ritrovarsi peggio di prima.Ad osservare bene, qualcosa di buono si intravede, aspettiamo di vedere i lavori conclusi.

  2. Per quanto visibile ora, mi pare decoroso, ovviamente bisogna attendere il completamento dell’opera per una valutazione. Tuttavia bisognerebbe iniziare a porsi il problema della gestione degli spazi, per non lasciare che il degrado e la mancanza di civiltà di alcuni vanifica quanto fatto sinora.

  3. Da un punto di vista estetico, le nuove ringhiere piacciono poco anche a me … sono grossolane e con un effetto “gabbia”. Voglio pensare che la scelta di una tipologia decisamente più pesante e massiccia rispetto a quella utilizzata sulla Fascia e a Voltri sia dovuta al fatto che la ringhiera, vista la sua collocazione, debba svolgere una funzione protettiva e di contenimento, come dice Velocifero. Peccato, però. Elementi più “leggeri” avrebbero contribuito a mitigare anche l’impatto del cemento ché indubitabilmente è davvero tanto. In questo senso, l’attenzione ai dettagli è fondamentale, prova ne è la sistemazione in corso del Parco Dapelo che sta letteralmente cambiando pelle. In generale, la mia impressione è che l’affaccio sull’Aurelia stia guadagnando un’apertura che consente allo sguardo di superare anche la barriera della nuova carreggiata, consentendo un maggior respiro, cosa non da poco. Quanto al resto, per trarre conclusioni, aspettiamo la fine dei lavori forzando, per quanto possibile (e qui spero nella vigilanza e nel “peso” della Fondazione attraverso il Comitato) proprio su quei dettagli che possono fare la differenza, arredi e verde urbano in primis.

  4. Riguardo L’ESTETICA DELLE RINGHIERE CONCORDO CON I COMMENTI PRECEDENTI . MA SONO CONSCIO CHE CI SIA STATO UN LIMITE DI BUDGET ECONOMICO, MA VOLEVO ANCHE SOFFERMARMI OLTRE ALLE CRITICHE CHE A VOLTE SONO ANCHE GRATUITE E DI BASSO RILIEVO, A COME SONO STATI RIVESTITI I MARCIAPIEDI DIREI IN MODO ESEMPLARE CON L’UTILIZZO DI PORFIDO A CUBO MESSO A TERRA IN MANIERA DIREI ESEMPLARE E CON DISEGNI FORSE ANCHE MIGLIORI DI QUELLI ESISTENTI NELLE NOSTRE AREE PEDONALI.INOLTRE SUGGERIREI DI PIANTARE AD OGNI ROTONDA UNA PALMA CHE POI CI SIMBOLEGGIA ,CON A TERRA PIETRE DI MARE CON LA SCRITTA PRA’ ,, SAREBBE UN ELMENTO ESTETICO DI POCA SPESA MA DI GRANDE IMPATTO VISIVO.. GRAZIE

  5. Quoto calorosamente l’idea di Arado:una Palma ad ogni rotonda, che sia un elemento di Qualità, sana e rigogliosa, non come quelle che si vedono in giro con le foglie tutte secche: su questo, i vivaisti non devono risparmiare!
    E comunque, a parte queste di alto fusto, tipo da dattero,che sono quellein questione, esistono un’infinità di palme di media taglia, molto belle, rustiche e resistenti, ottime da piazzare nei punti topici:le Chicas revoluta,la Chamaerops Humilis, o palma nana: in modo da non fare una miscellanea disordinata di specie di vario tipo, ma di dare una linea all’arredo verde urbano.

  6. Mi associo alla proposta di Arado ed Elisa circa l’inserimento di palme nelle nuove rotonde stradali.

    Nella parte principale dello stemma di Prà, il campo di colore verde fa da sfondo ad una palma, con un chiaro rimando all’origine dei nomi di Pra’ (il campo verde, “Prata Veituriorum”) e di Palmaro (la palma d’oro); ai lati, si annodano ulteriormente due foglie dello stesso albero. Dunque, oltre ad essere esteticamente valido, l’utilizzo della palma ha un chiaro significato evocativo della simbologia che ci rappresenta. Se aggiungiamo le pietre di mare, otteniamo un connubio importante fra ciò che è nuovo e quanto ci appartiene per tradizione … quel mix di testa e cuore che fa dire dei figli … “ali per volare e radici per sentirsi a casa”, un pò la stessa cosa. Si potrebbero utilizzare “Phoenix canariensis”, più grandi e anche più ornamentali delle “Washingtonia” presenti sulla Fascia, ma, come suggerisce Elisa, le varietà da poter impiegare sono diverse, tra cui la “Chamaerops humilis”, rustica e decorativa, che, guarda caso, è detta anche … “palma di S. Pietro”.

    Approfitto dello spazio del commento per chiedere informazioni.
    Nel progetto, è previsto un intervento in Piazza Laura? Villa Laura e Palazzo Gay rappresentano due eccellenze architettoniche di Prà (inserite nel circuito delle grandi dimore gentilizie) che avrebbero bisogno di rifiorire esteticamente e anche dell’affaccio su uno spazio degno del loro pregio, in continuità con la riqualificazione in itinere. Al momento, se per piazza intendiamo un luogo di sosta e aggregazione, lo spazio in questione è tutto fuorché quello, invaso com’è dai bidoni, da un parcheggio più o meno selvaggio e da un’aiuola sempre bisognosa di attenzione. Ho letto adesso della proposta di semi-pedonalizzazione di V. Sapello, con un accenno proprio a Piazza Laura … c’è qualcosa di specifico in proposito?
    Grazie.

  7. Molto appropriato il commento di Paola G., del resto non è il primo di lei che leggo e tutti sono interessanti, come co-redattrice apprezzo i pensieri dei lettori “attivi”.
    Ciò premesso, anche io caldeggio una risistemazione, sia di piazza Laura che piazza Venezian:per quest’ultima, le società presenti hanno fatto molto, con buona volontà, ma credo si possa riordinare il tutto, non serve che spenda molte altre parole.
    Si ridisegna una bellissima Pra’, con punti e scorci originali…dita incrociate!

  8. La fondAzione ha proposto da oltre un anno di abbellire le rotatorie con una palma o (se le nuove norme ambientali non dovessero consentirlo) o con un ulivo. Una palma dovrebbe comunque figurare in una rotatoria. La FondAzione ha anche proposto di realizzare scritte caratterizzanti Pra’ con pietre di mare bianche e nere e anche di dare un nome ad ogni rotatoria per ricordare quallo che proprio in quei punti c’era e non c’è più, tipo POntile, Mucchio, San Pietro, Scoglio dell’oca. La FondAzione continuerà a fare tutto il possibile affinchè ogni singolo dettaglio del POR Pra’ Marina contribuisca a rivalutare e rivalorizzare Pra’.

  9. Grazie, Guido, per la precisazione e “suPRAttutto” per l’impegno.

    Dopo la grande corsa di fine anno, mi pare che i lavori sulla viabilita’ vadano un po’ a rilento. Piu’ spedito invece il Parco Dapelo che, in prossimità dell’ingresso di ponente, sta diventando un vero gioiellino.

    Bello il respiro dei gelsi finalmente potati, il prato di un verde brillante, i colori e le geometrie delle nuove pavimentazioni … ma preziosi soprattutto l’ordine, la freschezza, l’armonia e un certo “gusto” estetico che colpisce piacevolmente. Sono contenta di sentir dire: “Che bei giardini avete a Pra’!”, mi fa piacere e molto … Mi spiace, invece, constatare che gli imbecilli se ne infischiano di questa nuova bellezza e continuano a lasciare tracce del proprio passaggio, imbecilli pedoni e imbecilli automobilisti che considerano strade e marciapiedi pattumiere pubbliche … e non sempre si tratta di sbandati cui è facile attribuire colpe e lacune. Stamattina, ho raccolto e riconsegnato a una signora elegante, imbellettata e pure “matura” un carnet di biglietti Amt presumo usati, gettato a terra con nonchalance prima di salire sul bus … Ma e’ storia vecchia … anni fa, poco dopo l’inaugurazione del Parco, assistetti alla scenetta di una nonna che esortava la nipotina a confezionare un mazzolino con i fiori delle aiuole … che dire poi di chi, sul far della sera, ha prelevato i grusoni (cuscini della suocera, piuttosto costosi date le dimensioni), con tanto di zappa e recipiente/borsone in bella vista … totalmente incivile, totalmente sfrontato e ovviamente impunito. Che rabbia. E che pena. Se penso che abbiamo pure abolito l’ora di educazione civica nelle scuole, lo sconforto mi assale. Oggi piu che mai, noi che amiamo Pra’ e abbiamo a cuore quanto ci verrà consegnato dovremo presenziare, vigilare, segnalare, denunciare se occorre, e rimboccarci le maniche come si e’ fatto in altre occasioni perché proprio non è pensabile riprecipitare nel vecchio degrado. Se il Comune troverà il tempo e le risorse per essere più presente sul territorio e riuscirà, come si legge sul sito istituzionale, ad avvalersi della collaborazione della ventina di giovani immigrati disponibili a fare manutenzione sulla Fascia, bene … ben venga, buona volonta’ e buone braccia danno sempre ottimi frutti. Ma noi dobbiamo lavorare di presenza e attenzione … e dobbiamo tenere alta la guardia contro l’abbandono che solitamente inizia quando si sciolgono i nastri dell’inaugurazione. Può piacere come no, certamente si potrebbe fare di più a anche meglio e ogni opinione va rispettata … a Genova, “torta di riso” e mugugno sono di casa e spesso lo sono a prescindere, ma un altro treno carico dei soldi, dello studio e delle iniziative del POR potrebbe non passare una seconda volta e quel che ha portato va difeso ferocemente, anche nelle piccole cose solo apparentemente di poco conto … come una palla di carta sul marciapiede o un mazzolino di fiori sottratti agli occhi (e al cuore) della comunità.

Rispondi a Paola G. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*