Amburgo: “Bettolina energetica” per l’elettrificazione delle banchine

PERISCOPIO

Guido Barbazza

 

AIDA LNG Hybrid Barge con i suoi 7 gruppi elettrogeni può erogare 11 MW
AIDA LNG Hybrid Barge con i suoi 7 gruppi elettrogeni può erogare 11 MW

Nell’ottobre del 2014 entrera’ in servizio nel porto di Amburgo la “LNG – Hybrid Power Barge” . Il cantiere Becker Marine Systems e Aida Cruises hanno deciso di costruire questa “bettolina” equipaggiata con sette generatori elettrici alimentati a LNG (Gas naturale liquefatto) per fornire energia elettrica alle navi passeggeri della flotta Aida in sosta nel porto di Amburgo durante la stagione crocieristica e per alimentare elettricamente e con energia termica alcune installazioni portuali durante l’ inverno. Il ricorso alle tecniche di “Cold Ironing” consiste nella connessione delle navi ormeggiate in porto a punti di fornitura elettrica posizionati lungo le banchine e consente di contenere l’ inquinamento atmosferico generato dalle navi. Però le grandi navi da crociera hanno bisogno di una quantità di energia molto più elevata delle navi da carico, petroliere o porta contenitori. Per le sole utenze alberghiere e’ servono da10 a 12 MW. e un carico elettrico di tale dimensione potrebbe mettere in crisi le reti tradizionali, che per altro lavorano a 50 Hz. Per questa ragione, come gia’ recentemente realizzato a Seattle, negli Stati Uniti, con alcuni battelli dotati di sistemi a celle combustibili, o  “fuel-cell”,  Aida ha scelto per Amburgo  di impiegare una sua unita’ autonoma e dell’ impiego del LNG per la produzione di energia. La LNG Hybrid Power Barge di Aida non e’ dotata di sistemi di propulsione ed è posizionata di volta in volta nella zona di operatività tramite rimorchiatori portuali. Lunga 79 metri, sarà dotata di 7 generatori che consentiranno di erogare 11MW. I gruppi sono equipaggiati con opportuni sistemi che consentono di fornire corrente a 60 Hz per le navi e a 50 Hz per utenze di terra. Il gas e’contenuto in due

Una delle navi della Compagnia AIDA
Una delle navi della Compagnia AIDA

speciali serbatoi containerizzati da 40’ posizionati in coperta in modo da poter essere facilmente sostituiti una volta esaurito il gas mediante normali gru di banchina. Armatore, progettisti, costruttore e fornitori hanno collaborato allo studio per garantire la massima sicurezza  assieme ai tecnici del Bureau Veritas, il registro navale francese ed ottenere le necessarie autorizzazione per consentire alla nuova LNG-Hybrid Power Barge di operare nel porto di Amburgo. Rispetto al normale combustibile liquido utilizzato dalle navi, l’utilizzo del gas naturale consente di abbattere completamente le emissioni di ossidi di zolfo (SOx) e ridurre quelle di biossido di carbonio del 30 %. E’ previsto che la “chiatta energetica” possa alimentare la rete elettrica cittadina quando non impegnata a fornire energia alle navi, con la possibilità di soddisfare le richieste di circa 10.000 utenze per abitazioni private. Le navi ormeggiate al Porto di Pra’ hanno necessità energetiche tali da consentire l’alimentazione da terra, “elettrificando” le banchine, (operazione che, anche a seguito delle azioni della fondAzione PRimA’vera dovrebbe avvenire nel 2015) e non necessitano di una “Power Barge”, che però potrebbe essere una soluzione interessante per l’alimentazione delle grandi navi da crociera in sosta nel porto di Genova.

3 Comments

  1. Noto con piacere che il problema dell’inquinamento causato dai fumi delle navi all’ormeggio è sentito dovunque….bene, questo suggerisce sempre nuove soluzioni.
    Speriamo che VERAMENTE per il porto di Pra’ l’elettrificazione arrivi in tempi “decenti”.

  2. E magari lo facciamo anche ne porto di Prà – Voltri o viceversa quest’ultima cosa molto importante’ molto più del fatto che il porto in questione ha un solo binario ovvero o le merci escono oppure entrano. Hamburg e come parlare di Marte.Clc.Marvaso Domenico.

  3. Il porto costruito a Pra’ si chiama ufficialmente “Porto di Pra’ “, cosa definita ufficialmente con Decreto dell’Autorità Portuale n° 764 del 4 settembre 2014.

Rispondi a maria luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*