Alternanza Scuola-Lavoro. Opportunità e impegno per i ragazzi

Patrizia Pittaluga –

Alternanza Scuola-Lavoro: un monte ore obbligatorie che i ragazzi di 3°, 4° e 5° superiore devono dedicare all’approfondimento di conoscenza nell’ambito extrascolare.

Sia per professione che per passione mi occupo di ambiente da anni…di tecniche antiche usate in agricoltura…di educazione ambientale attraverso seminari nelle scuole ecc.

Educare all’Ambiente significa certamente trasmettere conoscenza, ma soprattutto passione per l’elemento che costituisce la qualità della nostra vita. Ciò che distingue la vivibilità di una città, un quartiere, un complesso condominiale da un altro è proprio l’elemento verde! Ma spesso è anche il più trascurato, quello che viene visto come causa di spese di manutenzione, anziché come bellezza intrinseca e opportunità di lavoro.

E allora quale occasione migliore se non i ragazzi, che sono il nostro futuro, per aprire gli occhi su questo mondo?

 Attraverso la convenzione stipulata tra l’Associazione Culturale IL SAPORE DEL SAPERE di Prà e il Liceo Mazzini (prof. Fabio Campinoti) e il Liceo Calvino (prof.sa Paola Ferrari), si è dato luogo a 2 progetti di alternanza inerenti l’Ambiente (tutor arch. Patrizia Pittaluga). Il 1°, di 30 ore, ha visto coinvolti 15 ragazzi della 4° Liceo Mazzini di Sestri che non solo hanno avuto modo di cimentarsi in piccoli lavori (taglio dell’erba con la falce, affilatura della lama con la pietra cote, legature con salice e foglie di canna…) ma soprattutto accorgersi di questo meraviglioso patrimonio che abbiamo a disposizione e che troppo spesso trascuriamo: la natura. Conoscere differenti tipo di fiori, di alberi da frutto, di vitigni, di ortaggi, di rimedi adatti alla gestione del territorio, dai muretti a secco alla canalizzazione delle acque. E vedere con occhi diversi gli alberi: elemento fondamentale del nostro benessere. Troppo spesso non ci accorgiamo che queste silenti presenze sono fondamentali per noi non soltanto per l’ossigenazione, ma anche come depuratori dall’inquinamento, barriera al particolato, via di canalizzazione veloce dell’acqua superficiale alle falde sotterranee, riparo e frescura in torride giornate estive…

Si è anche dato un tema a questa settimana. Occasione è stata una vecchia botte distrutta, della quale si sono ripristinate le doghe e i cerchioni. Già di per sé la botte racchiude antiche conoscenze e mestieri, che vanno dall’essenza lignea impiegata, alla curvatura delle doghe, alla scoperta del materiale che diventa impermeabile solo dopo che le fibre di legno si gonfiano a contatto con il liquido…a tutto il magico mondo che c’è attorno a un grappolo d’uva…

 Nel momento finale in cui si sono dovute rialzare contemporaneamente tutte le doghe per fissare i cerchioni, sono servite più mani…e da qui è nato il simbolo di questa settimana di alternanza: una rappresentazione itinerante avente come tema piccoli esempi di vita agreste. CON LA MANO DI TUTTI – ATTO UNICO PER RAGAZZI UNICI. E in fondo è proprio così: per salvaguardare l’ambiente occorre davvero la mano di tutti!

L’altro progetto, di n.40 ore e con un gruppo più ridotto di ragazzi (n.6) è stato concepito con un taglio più pratico. Si è svolto in Valpolcevera, sul versante alle pendici del Forte Diamante, che veniva definito come il frutteto di Genova.

 Un’antica mulattiera, case rurali ormai avviluppate da una lussureggiante vegetazione, tracce delle antiche teleferiche attestano l’intensa attività agricola della zona. Ma qui si respira un’altra aria, un’energia proveniente dal terreno che i ragazzi colgono e che dà loro l’entusiasmo di entrare in un’altra epoca…con tempi e ritmi differenti, ma forse proprio per questo così apprezzati, sì…proprio dai ragazzi che lavorano per liberare un tratto di selciato, una casa…un antico forno…una cantina…Provano anche a realizzare un piccolo tratto di “risseau” con le pietre disposte a coltello per comprendere la fatica della vita di un tempo che era comunque preludio alla soddisfazione finale. Accompagnati in questo percorso non solo reale ma anche interiore è un coach d’eccezione: Roberto Pittaluga, trailrunner con all’attivo competizioni nazionali e internazionali, che qui vive e che ha fatto delle difficoltà un’opportunità.

L’Ambiente deve diventare la nostra qualità di vita: aiutiamo i ragazzi (e non solo) a capirlo!

1 Comment

  1. L’architetto Patrizia e’ una risorsa preziosa per la Fondazione…suo il progetto, con un collega, per il meraviglioso PalaPra’,che stiamo portando avanti come proposta primaria per la riqualificazione sportiva del nostro territorio.
    Quest’ultimo contributo, invece, tocca un altro e fondamentale aspetto che ci interessa fortemente, ovvero quanto la cura dell’ambiente e l’apprendimento dei “saperi” ancestrali, che non sono solo di mare, del nostro enclave, siano positivi e formativi per le giovani generazioni.
    Imparare facendo, sperimentare, sporcandosi le mani…tutti abbiamo bisogno, nella societa’ fluida, eterea e tecnologica, di un po’ di sana concretezza, e le parole di Patrizia , corredate da bellissime immagini, seguono appunto tale percorso. GRAZIE!

Rispondi a ELISA Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*