Alfabeto della Festa

Elis@Provinciali-

Arrivo:  come vedete, davvero sul fotofinish! Abbiamo simulato la linea dei gavitelli, mancava giusto una vogata, ma… onore ai vincitori, faremo di tutto per riprenderci il Galeone alla 64 esima edizione.

Basilico: gli amici del “Pesto di Pra’ ” erano presenti col loro verdissimo stand, molto visitato e soprattutto, degustato dal pubblico, con sfiziosi assaggini.

 

Battello: i turisti giungono dal centro sul campo di regata, a bordo di “Rodi Jet”

Corteo: i figuranti con i gonfaloni di Pra’, di Genova e di Amafi: hanno sfilato in costume d’epoca, noncuranti del caldo sole, facendoci fare un tuffo nel medioevo ed impreziosendo l’evento.

Danzatrice: veramente aggraziata, un “carillon” umano che ha riscosso interesse e curiosità.

Evoluzioni: sono le virate e gli accosti del gozzo storico”San Giuseppe” dell’amico Michelini, che nei tempi morti della gara, faceva bella mostra di sè nello specchio acqueo del canale.

Fans: uno per tutti, tra i giovanissimi: Andrea, che ha trascinato il tifo della tribuna nord, con incitamenti e fiere sbandierate. “Sono contento di essere qua, a vedere i quattro galeoni e tifare per Genova…io pratico basket, ho 11 anni e faccio la 5a, certo mi piacerebbe provare anche lo sport del canottaggio. Forza ragazzi!”

Genova: eccoli qua, i magnifici atleti del drago alato, colti nel corso della gara, in un impeccabile assetto di voga.

Home: ospitare il Palio delle Repubbliche Marinare, a casa nostra, praticamente, ovvero a Pra’, si è rivelata davvero una scelta azzeccata, che ha messo in risalto le peculiarità della nostra delegazione, sempre più avviata a qualificarsi come “cittadella dello sport”.Nello stesso tempo, i progressi ottenuti, anche se non completati, con la riqualificazione POR, il parco Dapelo, la nuova stazione FFSS, la viabilità, le rotonde, le alberature, sono stati visti ed apprezzati dai moltissimi visitatori giunti da tutta Italia.

Irish Pub

 

La più bella: una nobildonna veneta decisamente affascinante, sfila con eleganza tra la folla

Mezza gara: siamo a meta’ percorso, e si delinea il testa a testa tra Genova ed Amalfi

Numeroso: una panoramica della folla assiepata lungo la passeggiata fronteggiante i pontili: si stimano circa 10 mila persone. 

Omaggio: una composizione col nostro profumato oro verde.

 

Pubblico: nella zona arrivi e premiazione, accoglie i nostri bravi vogatori al termine di un serrato confronto.

Quadri: una bella serie di vele al vento realizzate dagli Artigiani Liguri.

Rame: ed un’immagine dell’esposizione di manufatti in rame

Selva: di barche come definirla altrimenti? Potrebbe non sembrare nemmeno Pra’, ma un porto della Costa Azzurra, se non fosse per lo skyline di Sanpierdarena sullo sfondo!

Stands: gastronomici, ricreativi e benefici, per tutti i gusti.

Tribuna sud: il pubblico segue le fasi più lontane anche sul maxi schermo.

Un gazebo “sanitario”

Venezia: l’equipaggio dopo la gara.

Zena

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 Comments

  1. Ottimo resoconto di una giornata veramente speciale per Pra, borgo quasi sconosciuto ma da oggi sicuramente più popolare grazie a questa bella manifestazione premiata da una bella giornata di sole, come spesso la nostra Liguria sa regalare! Bellissime fotografie che fanno venire voglia di visitare la Liguria e rileggere la storia della nostra penisola che tanto deve al mare! Noi oggi non lo abbiamo più, era un vanto della nostra zona! Speriamo che i porti moderni, ovunque siano e specialmente a Genova, ripaghino con la riqualificazione dell’ambiente circostante,le inevitabili o forse no…dannose conseguenze di queste preziose fonti di lavoro e benessere per la comunità!

  2. Finalmente la delegazione comincia a vivere:vedere visi sorridenti ed orgogliosi di esserci e’ una conquista…andiamo avanti cosi’!

  3. ciao Elisa, grazie per avermi reso partecipe della bella festa che ho potuto apprezzare anche di persona. Bellissima l’idea di fare svolgere un evento cosi’ importante a Pra’, che ha sicuramente guadagnato in notorieta’ ed attenzione a livello nazionale.
    Permettimi pero’ un appunto: il trasporto pubblico e’ stato veramente scarso, col treno che ha mantenuto l’orario festtivo ed i bus ogni mezz’ora, pieni zeppi, impossibile salirvi!Ho dovuto chiamare mio marito a prendermi con l’auto. Pero’, per Euroflora, il trasporto ferroviario e’ stato ineccepibile!

  4. Gran bella manifestazione ,e peccato per un soffio non la facevamo nostra…
    mi farebbe piacere sapere come mai le Gradinate sia quelle lato monte sia quelle lato mare non erano accessibili, in quanto riservate a possessori di Pass accreditati non si sa bene da chi e perché..
    ..come al solito non siamo neanche “padroni” a casa nostra o sbaglio…
    Viva Genova..

Rispondi a Fabio Gabutti Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*