Alemante Friends: 500 mila volte grazie !!

Ripresa dall'alto dell'Alemante Festival

#Luciano Bozzo

In una bellissima serata ricca sin dall’inizio di comicità, musica e divertimento, il momento più bello è arrivato proprio nel finale quando Max Novaresi, presentatore della quindicesima edizione dell’Alemante Festival, ha annunciato che quest’anno si è battuto ogni precedente record di presenze di pubblico e di donazioni raccolte. Ed in effetti sabato 1 luglio, in una serata che proponeva anche il tanto celebrato e pubblicizzato mega concerto (anche) televisivo di Vasco Rossi, erano davvero tantissime le persone presenti sul grande piazzale 334esima Brigata EST-SAP sulla Fascia di Rispetto di Pra’ giunte da ogni parte di Genova, della Liguria e del Nord Italia per assistere alla tradizionale serata di cabaret e beneficenza che il grande cuore degli Alemante e dei Praesi organizza da 15 anni per raccogliere fondi a sostegno dell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova.
E in questi anni il risultato ottenuto è a dir poco sensazionale visto che proprio quest’anno si è abbondantemente superato il traguardo del mezzo milione di Euro raccolto complessivamente e devoluto per l’acquisto di strumentazioni e macchinari per la cura e la salute dei bambini ricoverati al Gaslini. Un risultato straordinario reso possibile dalla grande generosità di comici ed artisti di fama nazionale che da sempre si prestano gratuitamente per questa serata e dall’eccezionale lavoro degli Alemante Friends, del Comitato Valorizzazione del Ponente e dei tanti volontari praesi e non che si prodigano per rendere perfetta ed impeccabile ogni fase ed ogni particolare di questo grande evento: dall’allestimento del palco e degli spazi per il pubblico alla direzione ed alla cura della parte artistica guidata da Graziano Cutrona , dalla raccolta delle libere oblazioni degli spettatori alla vendita di gadget, dalla promozione dell’evento alla preparazione e vendita di focaccette (di Crevari), focaccini e agnolotti (di Tagliolo Monferrato), salsicce, patatine fritte, pizze, panini, birre e bevande. Un lavoro enorme e molto impegnativo ma sempre gratificato da risultati che vanno migliorando e crescendo di anno in anno, sia per la qualità degli spettacoli proposti che per l’ammontare dei fondi raccolti cosicchè gli Alemante insieme a tutti i volontari coinvolti rappresentano sicuramente un fiore all’occhiello ed una vera e propria eccellenza per la nostra Delegazione e per tutta la città di Genova.

Artisti ed organizzatori insieme sul palco a fine serata

Anche quest’anno sono stati tanti i comici che si sono alternati sul palco facendo il pieno di risate, buon umore e irrefrenabile divertimento. Come spesso accade a fare la parte del leone sono stati i cabarettisti genovesi: Carlo Denei, Andrea Possa, Antonio Ornano, Maurizio Lastrico, Andrea Di Marco, Daniele Ronchetti, Alessandro Bergallo e Stefano Lasagna a cui si sono aggiunti Gianluca Scintilla Fuselli e Davide Spadola, (sperando di non aver dimenticato nessuno). Ospite d’eccezione il Gabibbo che si è lanciato in un improbabile balletto con la bella presentatrice Elizabeth Kinnear, una piacevole abituè del Festival mentre Enzo Paci si è proposto in video con un surreale collegamento dal “videocitofono” all’interno del frigorifero di casa. La parte musicale è stata affidata alla qualità ed alla voce ricca di sfumature e potente di Emanuele Dabbono & Friends, e di Mike From Campo.
Prima dello spettacolo di cabaret ci si è potuti godere un divertente show con il folk genovese assoluto protagonista in salsa goliardica, tra Piero Parodi, Franca Lai, Matteo Merli, Vladi dei Trilli, e Mandillà: a presentarlo sono stati chiamati Carlo Denei, Franco Bampi e Gilberto Volpara.
Il grande successo della serata, come detto, ha consentito di superare il traguardo del mezzo milione di euro raccolti e devoluti in questi 15 anni di Alemante Festival e rende decisamente raggiungibile l’obiettivo di quest’anno di regalare al Gaslini l’acquisto di un ventilatore neonatale che permetterà una migliore gestione della ventilazione meccanica per i bambini prematuri (di peso inferiore a 1 kg) ricoverati ogni anno presso l’ospedale di Genova-Quarto dei Mille.

Ripresa dall’alto dell’Alemante Festival

Per la cronaca la giornata è stata purtroppo funestata dalla notizia della morte di un ragazzo di 16 anni, un giovane di origini marocchine in affidamento ad una comunità genovese probabilmente travolto da un treno; il suo corpo è stato rinvenuto sui binari vicino alla stazione di Pra’ e, per un tragico e beffardo destino, poco lontano dal luogo in cui in serata si è svolto il Festival.

2 Comments

  1. Una manifestazione e soprattutto un gruppo di persone di cui essere orgogliosi.

    Questo è lo spirito dei Praesi e soprattutto un esempio formativo ed educativo per le generazioni future.

  2. L ‘Alemante è un altra di quelle cose per le quali siamo conosciuti oltre i nostri confini e che migliora ogni anno di più.
    Grazie a tutti per esserci
    Artisti e pubblico, ricordando Alessandro Mantero e la sua giovane vita stroncata troppo presto.
    I neonati prematuri del “Gaslini” eccellenza questa volta dell intera città e regione, ringraziano anch’ essi .il grande cuore di questo evento benefico che coniuga la solidarietà ed il ricordo,con il divertimento e la musica di qualità.

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*