Aerei sulle nostre teste? Un volo che ci porta lontano

ATTUALITA'

Claudio Seccia* #

Appunti Windows-1Arrivano le gru da 90 metri per le portacontainer da 400 metri. Bene se vuol dire  difesa di posti di lavoro e soprattutto opportunità di nuovi posti di lavoro ma……. ma quattro domande e richieste sono da farsi affinché non siano i soliti, cioè noi  20. 000 che abitiamo di fronte al porto  di Pra’ a pagare stando sempre peggio in nome dello sviluppo e del lavoro altrui..
ENAV,  ENAC  ed enti predisposti alla sicurezza della navigazione aerea hanno dato il consenso alle gru alte 90 metri, proprio nel pieno del cono aereo di arrivo e di partenza degli aeroplani, altezza massima permessa  al VI modulo del porto di Prà  47 metri . La domanda d’obbligo è: “ Visto che giustamente la sicurezza degli aerei  deve essere al primo posto, che addirittura per questi enti non si dovrebbe costruire in collina come agli Erzelli, perché  le costruzioni possono essere un rischio per la navigazione aerea, dove passeranno gli aerei in fase di decollo ed atterraggio? Passeranno ancora di più sulle nostre teste? Basta con rumore, rumore ed ancora rumore ed inquinamento atmosferico, è d’obbligo una chiara risposta. Non autoilludiamoci che tanto questo aeroporto non ha mai troppo funzionato e tanto per i “quattro “ aerei che vanno e vengono non occorre scomodarci troppo. Una stazione aeroportuale è fatta per fare partire ed arrivare aerei, per funzionare e dare lavoro, allora diventa fondamentale che gli aerei, con le loro manovre di atterraggio e decollo si allontanino il più possibile dalla costa, è questo che dobbiamo chiedere, e non che ci passino sopra le case.
Gru alte novanta metri, il doppio dell’attuale altezza, oltre ad essere di grande impatto visivo, (basta vedere continue nuove brutture sempre giustificate per qualche scopo superiore si  intende), con il loro  peso e con il loro movimento, creeranno rumore. Al concessionario del porto di Prà ( PSA Voltri Prà ) chiediamo che si impegni al massimo, al momento della messa in opera delle gru affinché il problema inquinamento e rumore sia risolto.
Gru alte novanta metri per portacontainer lunghe 400 metri e larghe 60m , quattro campi di calcio in fila. Domani arriveranno in porto navi della classe triplo E, di oltre 400 metri, della Hyundai , come di altre grandi compagnie di navigazione mercantile. Oggi  arrivano in porto navi come la Hyundai Brave, 330 metri di continuo rumore nei suoi due , tre giorni di permanenza in banchina., oggetto di poco sonno per tanti. Cosa accadrà , a chi davanti al porto ci vive ,con navi di volume doppio rispetto alle attuali? Doppio volume, doppio rumore o “ soltanto” lo stesso rumore snervante per qualche giorno in più?
All’ Autorità Portuale chiediamo un immediato impegno e misure concrete ed efficaci  affinché il problema del rumore dei  motori ausiliari delle navi ferme in porto, accesi per potere fornire di energia elettrica le navi stesse, sia al momento contenuto in forme accettabili e che attui con tempi certi e risorse certe l’elettrificazione della banchina del porto di Prà per fornire  l’elettricità  alle navi e risolvere il problema del rumore e dell’inquinamento atmosferico da queste causato.
All’Autorità Portuale, alla Regione Liguria, sempre attenta ai problemi del porto , porto di fronte alla città, chiediamo che si impegnino nelle sedi opportune europee  ( La Commissione Europea,  già si è  espressa a favore) , e nazionali per incentivare  l’utilizzo di energia elettrica prodotta a terra  da fornire alle  navi ormeggiate in porto e che in tale ambito si favorisca, con agevolazioni opportune (od opportuni disincentivi) l’adeguamento delle navi container affinché possano ricevere energia elettrica da terra. Tra le altre cose questa sarebbe  anche occasione di sviluppo e lavoro per le ditte che in Italia ed a Genova operano nel settore.

* Claudio Seccia: ingegnere e docente di “lungo corso” di materie elettroniche nelle scuole medie superiori; da sempre impegnato nella difesa dei diritti dei cittadini del Ponente nei confronti di un porto un po’ troppo invadente.

2 Comments

  1. Ringrazio per il contributo competente….effettivamente anche io nutro serie preoccupazioni sia per l’impatto visivo delle gru alte 90 metri (ci chiuderanno definitivamente l’orizzonte)…almeno fossero costruite diversamente, con un braccio che si abbassa quando non serve e con un colore più neutro, magari bianche e azzurre….già ora quelle grandi barriere verdi sono molto brutte e invasive….. e poi i rumori notturni, a volte così forti e fastidiosi da risultare insopportabili….
    Chi difenderà mai i cittadini e i loro “bisogni”?

  2. E’ una vergogna terrificante, queste gru aumenteranno il terribile impatto d’orrore che l’ECOMOSTRO del cemento ha già portato distruggendo il mare e portando un degrado terribile a tutta la zona, invece di intervenire per alleviare le sofferenze della popolazione ridando molto spazio al mare di cui c’è bisogno, invece di cercare la diminuzione dell’obbrobrio dei luridi container e di cercare un modo per diminuire il rumore che non fa dormire di notte gli abitanti, si pensa a raddoppiare le gru in un porto costruito in modo assurdo e criminale parallelo alle case, quando era chiaro e palese, come in qualsiasi altra città d’Europa vicino al mare che il porto fosse costruito molto più al largo, in modo tale da salvare il mare e la spiaggia. Questo ulteriore passo fa capire quanto tutta la classe politica ligure sia completamente da rimuovere.

Rispondi a Giulio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*