Addio a Pasquale Michelini, militante storico della sinistra genovese

Morto a 76 anni, dopo due mesi in ospedale per scompensi cardiaci

Elis@Provinciali

Riporto questa notizia con il dolore nel cuore, conoscendo Pasquale, o meglio “Lino”, per la famiglia e gli amici, da oltre quarant’anni,insieme alla moglie, Rosa Morlè, anch’essa attiva nella politica del nostro territorio, praticamente da che ne abbia memoria. Imponente, barbuto, con voce tonante, Pasquale esprimeva il suo impegno civile, senza risparmiarsi, dagli anni 60 nel PCI, da dove esce per fondare il gruppo del Manifesto,  sino al ’77, al suo impegno sempre coerente con l’ideale, aderendo al partito della Rifondazione Comunista, di cui diventa segretario , nella sezione Curiel di Pra’, nel 1991. Contemporaneamente, nei comitati, esprime battaglie di opposizione alle politiche territoriali degli anni, ad iniziare da quella per le coperture autostradali, (tornata di scottante attualità per la manutenzione scandalosa del gruppo Atlantia). Si oppone ai progetti di trasformare in campi da golf e resort le colline praesi, all’invasività del nuovo Porto, ma la regina delle azioni resta l’Apertura di Villa de’ Mari, nel 2006, che restituirà alla cittadinanza lo storico edificio, con l’ampio parco, dapprima Scuola privata delle Suore Orsoline, elementari, medie e segretariato d’azienda, nonchè sito di villeggiatura al mare per fanciulle milanesi.  Villa de’ Mari è allora in uno stato pietoso, Pasquale e Rosa con un gruppo di fedeli volontari, puliscono, strappano erbacce, si sporcano le mani e la rimettono in grado di ospitare i giochi dei bambini, il ristoro ed il fresco per i cittadini, nascono manifestazioni ludiche ed aggregative, la Cappellina diviene sede di prestigiosi concerti. Michelini presiede per anni il Consorzio per Villa de Mari, insieme alla moglie Rosa, diviene una presenza costante ed un riferimento. Magari non tutti ne condividevano l’ideologia, ma era apprezzabile l’azione di presidio e cura sul territorio, che non è mai mancata, praticamente sino alla malattia. Rosa Morlè, nel frattempo e tutt’ora assessore in Consiglio Municipale, ci ha espresso il suo grande sgomento per questa perdita, insieme alla figlia Vanessa: <<Speravamo davvero che Lino potesse riprendersi, doveva essere dimesso per la riabilitazione alla Colletta, ma se n’è andato nel sonno…siamo devastate, eravamo una famiglia magari di poche parole, ma fortemente uniti, 46 anni di matrimonio ed un’unica figlia per cui stravedeva. Vanessa lo amava, lo ascoltava , perchè vedi, Pasquale era un uomo che voleva sviscerare , ponderare ogni cosa, per raggiungere un equilibrio. Si può dire inclusivo, ovvero ascoltava tutti, magari si discuteva, anche animatamente, ma per lui il dialogo, con noi e con i compagni era fondamentale>>.
Penso che tutti lo ricorderanno così, una persona coerente con le proprie idee, presente nel difendere l’integrità del proprio territorio, pure gli avversari politici gli riconoscevano l’impegno ed il rigore, profuso anche negli anni di insegnamento di materie scientifiche all’Istituto “Gastaldi”.

La FondAzione PRimA’vera e la redazione di SuPra’Tutto si uniscono nel cordoglio per la sua scomparsa, si avvertirà la sua mancanza nel quartiere.
Domani, 28, alle ore 11 avrà luogo una cerimonia civile, presso i giardini di Villa de Mari, praticamente la sua “seconda casa”, per l’ultimo saluto.

9 Comments

  1. Un combattente… Eppure non gli ho mai sentito alzare la voce: non ne aveva bisogno per farsi ascoltare ed era invece un grande “ascoltatore” delle idee e dei pareri degli altri. I dispiace tantissimo per la sua scomparsa proprio nel momento in cui sembrava davvero che andasse meglio. Un abbraccio grandissimo alla moglie Rosa e alla figlia Vanessa. Pra’ è un po’ più povera senza Pasquale Michelini.

  2. Davvero ci sembrera’ incredibile non vederllo all opera in Villa , o allerate in Cappellina, dove non mancava mai di perorare la causa per ripristinare la bellezza dell edificio….anche facemdo personalmente da raccoglitore delle oblazioni. Con fierezza, sempre.

  3. Non siamo mai stati amici , perchè lui era più grande e poi molto riservato. Io me lo ricordo così quando ero ragazzo e lui per me era “Michelini” ed abitava a Sapello e, quando non era nella Curiel, lo vedevo dalla Domenica, la latteria che credo fosse di una sua zia oppure per strada con i libri sotto braccio. Poi la vita mi ha portato nel mondo e per quarant’anni non ho vissuto il quotidiano di Pra’ e non l’ho mai più incontrato. Gli ho parlato per la prima volta tre anni fa, al termine di una riunione in Villa De Mari , durante la quale aveva solo ascoltato e mi aveva lasciato una sensazione come di stanchezza che mai avrei immaginato. Conoscevo poco di lui, ancora meno di sua moglie Rosa che , invece poi, ho avuto modo di apprezzare durante le presentazioni delle borse di studio nelle scuole praesi. Tragicamente è stata la sua morte a raccontarmelo, a svelarmi la passione di una persona che si è donata generosamente per i suoi ideali, per il suo territorio e per la gente. Ecco … la passione … credo che questa sia la sintesi di “Michelini”.

  4. Ho parlato con lui qualche volta e pur avendo un’ideologia molto diversa
    dalla sua, ho trovato un uomo pacato, equilibrato, e soprattutto disponibile
    all’ ascolto e al confronto. Un forte abbraccio alla moglie Rosa e alla sua
    adorata Vanessa.

  5. Siamo stati vicini di casa, dirimpettai, per molti anni. c era un bel rapporto con i miei genitori, mia mamma lo chiamava “professore”, per l’attività di insegnamento. Rosa cantava ancora nel coro del “Carlo Felice”.
    Poi, e’ nata Vanessa…Il nome di una farfalla, mi dissero. Due persone amabili, ancora non mi pareva vi fosse l’impegno politico di entrambi.
    Ciao Pasquale, riposa in pace.

Rispondi a Niclo Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*