A SAN VALENTINO REGALIAMO UNA POESIA

Francesco Provinciali-

L’amore è un sentimento universale ma spesso nascosto, occorre dargli voce, farlo parlare, lasciare che esprima le emozioni che ascoltiamo provenire dal nostro cuore.

Oggi, 14 febbraio, San Valentino, festa degli innamorati è l’occasione per dare spazio alla parte migliore di noi, quella che si occupa delle persone a cui vogliamo bene, un sigillo di affetto che si rinnova ogni anno in mezzo a tante altre ricorrenze.

E se riuscissimo a dare ad un gesto d’amore il significato di valore universale?

Se potessimo dire: “amo ogni persona che vedo o incontro oggi, chi ogni giorno mi passa accanto senza che mi accorga della sua presenza”….. allora sarebbe un miracolo chiedere a qualcuno: “cosa posso fare per te, in che modo posso aiutarti, esserti di conforto”?

Intorno a noi l’immagine prevalente è quella di persone isolate con il proprio smartphone ma precluse al dialogo con il prossimo.

Forse siamo circondati dalla solitudine perché prevale un modello esistenziale omologato e ripetitivo: il culto del successo, dell’arrivare, del possedere, dell’esser primi, forti e belli, anche soverchiando o escludendo le vite altrui.

Tutto deve essere efficiente, funzionale, perfetto: la diversità non è più un valore da scoprire ma una colpa da espiare, il disagio una condizione esistenziale imperfetta.

Circola molta violenza intorno a noi, l’indifferenza a volte accompagna sentimenti negativi, la cattiveria e l’egoismo ci fanno dimenticare che la vita è un dono di cui rendere grazie ad ogni istante, non una gara a chi arriva primo soverchiando altri esseri umani.

L’amore non è il sentimento del giorno prima: è la comprensione del presente, il perdono del domani, un valore fatto per durare, un’intuizione, uno slancio per la vita.

Possiamo allora – almeno oggi – staccarci dalla misura materiale delle cose e affidare i nostri sentimenti all’alfabeto del cuore? Trovo che sarebbe straordinario dire “ti amo, ti voglio bene, vivo per te, mi impegno a rispettarti, riconosco in te il mio bene, nella tua vita e nella tua gratuita felicità io mi realizzo”.

E farlo nel modo più antico che la storia dell’uomo conosca: con le parole, che durano più degli oggetti se danno senso al nostro essere persone potenzialmente ricche di umanità, con una poesia, scritta di nostro pugno, non importa se rispettiamo le rime e i punti a capo.

In un mondo in cui è difficile comunicare, si potrebbe scoprire che la parte migliore di noi si esprime con un pensiero d’amore generoso e gratuito: per rendere sacro un sentimento che ci lega a qualcuno , ma rivolto anche a tutti gli uomini e le donne della terra, semplicemente scrivendolo su un pezzo di carta, da lasciare su una panchina, da appendere a un muro, da leggere a voce alta o sommessamente a “tu per tu”.
Ma anche da riversare nel web.

Scrivere parole buone in libertà, da conservare per essere usate negli altri giorni dell’anno.
Possibilmente per tutta la vita.

8 Comments

  1. Perche’ questo articolo nella sezione Junior? Troviamo che l’argomento si attagli benissimo all’atteggiamento dei giovani e giovanissimi verso l’amore…essi amano la mamma ed il papa’, gli amici, i fratelli e sorelle, i compagni di scuola…A san Valentino, tutti dovremo pensare, come ricorda Francesco, all’amore che proviamo, non solo tra “innamorati”, ma verso chi ci circonda, anche quella vicina brontolona, pure l’autista del bus scortese, il ragazzo che al semaforo , vuole venderci un accendino, mentre noi abbiamo fretta di ripartire.
    Amo con tutto il cuore chi non c e’ piu’, lo conservo dentro di me, e provo un amore immenso per i miei nipotini, che si affacciano alla vita con innocenza…amo i miei figli, in modo diverso, ora che si sono fatti spazio nel mondo: meno coccole e piu’ rispetto reciproco, ci si confronta tra adulti, ormai, ma sempre con amore.
    Posso amare il vento tra i capelli, il sole che scalda il mio viso, un cucciolo che mi fa le feste, un merlo che zirla, un gabbiano che stride, amo molto il mio piccolo paese, che mi ha vista nascere. Non riesco a non amare un fiore smagliante, un frutto succoso, una musica ritmata o dolce, carezzare un cuscino di velluto, guardare un prato verdeggiante…
    Dedichero’ questo San Valentino, pensando intensamente a quanti, a loro volta, mi vogliono bene, e cerchero’ di esserne sempre meritevole.

  2. E’ una bellissima e contagiosa idea.
    Come dice chi ha scritto l’articolo vale a Sanb Valentino ma può essere usata tutto l’anno.
    Ormai la gente non si scambia due parole neanche davanti a un caffè. Sarebbe una cosa meravigliosa scrivere parole d’amore: alla persona amata ma anche all’umanità tutta, troppo spesso abbruttita nell’egoismo e nell’indifferenza. Grazie del dono graditissimo!

  3. Idea virale.
    Leggo molti siti dove la trovo.
    Una bella iniziativa: si parla sempre di morti, disgrazie, sciagure, danni, distruzioni, degradi.
    Una poesia ci solleva il cuore, se siamo persone.
    Se preferiamo essere bestie è un’altro pio di maniche.

  4. Geniale e originale idea. Direi FANTASTICA.
    Ma bisogna avere un cuore grande come chi l’ha lanciata, questa idea.
    Perchè, mi domando, siamo ancora capaci di scrivere poesie?
    Abbiamo ancora sentimenti positivi verso il prossimo?
    L’odio che circola si taglia col coltello.
    La gente pensa solo ai suoi interessi.
    Di poeti non trovo neanche l’ombra intorno a me.
    Mi fa più feste il mio cane che il mio vicino di casa che a volte non salute neanche.
    Eppure ha ragione Provinciali: una poesia salverebbe il mondo dall’assenza totale di bontà e amore per il prossimo.
    Ma bisognerebbe scriverne una al giorno.
    Troppo poco a san Valentino.
    Speriamo che non abbia ragione Yuri che vede più bestie che persone.
    Oggi invece che amarsi ci si insulta, di solito.
    La gente non vede l’ora di litigare.
    Eravamo un popolo di santi, navigatori, eroi e poeti. Ora siamo un popolo allo sbando.

  5. Al prossimo San Valentino!
    Basta che chi fa promesse d’amore non commetta poi femminicidi.
    Ci vuole più sentimento vero e amore sincero nella vita.

Rispondi a Emanuela Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*