A proposito di banchine elettrificate…

Periscopio

Alimentazione da terra portacontenitori CMA CGM Libra

Velocifero –

Mentre a Genova passano gli anni e di banchine elettrificate si sono avvertiti solo fiumi di parole, buoni propositi, annunci, conferenze stampa, e nulla di fatto, mentre a Pra’ i cittadini continuano a beccarsi il rumore e i gas di scarico dei motori delle navi che continuano a rimanere in moto giorno e notte durante la sosta al Bacino Portuale di Pra’, in molti porti del mondo le navi portacontenitori non emettono più fumi e rumori, alimentate dall’energia elettrica ricevuta da terra, spesso e volentieri prodotta da fonti rinnovabili. Ciò accade sia per l’attenzione alla salute dei cittadini delle autorità competenti, sia per le innovative soluzioni sviluppate dall’industria navalmeccanica, che ha realizzato interessanti moduli containerizzati per l’alimentazione elettrica da terra. Sono dei semplici container, dotati di avvolgicavi, quadri elettrici ed eventuali trasformatori, che vengono posti in posizioni opportune in coperta, nei normali impilaggi di carico, solitamente a poppa estrema in prossimità della murata lato banchina, collegati all’impianto elettrico della nave e che consentono una semplice e rapida connessione con prese di corrente in banchina. Con tale soluzione una nave portacontenitori può mettersi in condizione di connettersi con la rete di terra in modo rapido, semplice e senza interruzioni dell’operatività. Centinaia di navi portacontenitori risultano già equipaggiate di contenitori modulari per l’alimentazione da terra, tra cui alcune delle compagnie che scalano al Porto di Pra’. 

Alimentazione da terra portacontenitori Dallas Express

 L’elettrificazione delle banchine del Bacino Portuale di Pra’ (attenzione, da con confondersi con le recenti e lodevoli iniziative di elettrificazione dei mezzi operativi a terra del terminal PSA di Pra’, che seppur riducendo l’inquinamento atmosferico sono minimali rispetto ai grandi volumi di gas di scarico, senza dimenticare il rumore battente notturno, emessi dalle navi) è l’unico modo disponibile per risolvere allo stesso tempo sia il problema dell’inquinamento atmosferico, sia quello del rumore: non ce ne sono altri. Si spera che l’Autorità Portuale, responsabile della costruzione del porto a Pra’ e dell’inquinamento che produce, smetta di “parlare parole” e realizzi finalmente e con sollecitudine l’elettrificazione delle banchine di Pra’, sviluppando contestualmente in collaborazione con la Capitaneria di Porto opportuni regolamenti e incentivi economici che facciano sì che le navi siano obbligate o trovino conveniente spegnere i motori e collegarsi alle prese di terra. Ulteriore tempo perso in passaggi burocratici, discorsi o tentennamenti renderà palesemente responsabili dette autorità, quanto meno dal punto di vista morale, del pregiudizio e dei danni alla salute subiti dai cittadini di Pra’ e zone limitrofe, quali Pegli e Voltri.

Modulo containerizzato per l’alimentazione da terra

7 Comments

  1. Informazione importantissima questa dei container di alimentazione ora speriamo che questa autorità portuale si svegli e finalmente porti la corrente alle navi a Pra’. Non è mai troppo tardi.

  2. E’ scandaloso che in altri paesi le autorità curino la salute dei cittadini e qui da noi se ne infischino come si legge dall’articolo le soluzioni tecniche ci sono eccome che le facciano sul serio a Pra e anche alla svelta sono decine di anni che ce le promettono e che le aspettiamo.

  3. Una Vergogna!!!
    Signorini dove sei???
    Lo sai che a prà le soglie di Ozono sono state superate (fonte Legambiente) per 103 gg in luogo dei 18 previsti??
    Ci vuoi far morire tutti di tumore???
    Eddai

  4. Informazione eccellente.
    I responsabili dello scempio della nostra zona DEVONO adeguarsi alla civiltà degli altri paesi.

  5. Tempestiva ed utile informazione: allora, non vi sono più scuse, l’esistenza di questi connettori che possono agevolmente erogare energia alle navi in sosta, è l’uovo di Colombo, ormai tutto e portatile, tascabile, spostabile, chi ha realizzato questi tecnologici moduli, offre la soluzione per la nostra vivibilità, si tratta semplicemente di metter mano al portafoglio e dotarsi di tali congegni, elettrificando le banchine, sull’esempio dei porti mondiali più attenti ed avanzati: del resto, erano previsti svariati milioni per adeguamenti tecnologici ed acquisti…come le recenti gru di piazzale low-impact.
    Come sempre BASTA VOLERE e le cose si possono fare!

  6. Alla luce di quanto è contenuto in questo articolo, Signorini non ha più nessun alibi e deve assolutamente completare al più presto l’ellettrificazione della banchina del porto di Pra’. I soldi ci sono, sono stati stanziati da lungo tempo. ..e allora per questo ritardo? Possibile che nessuno abbia l’autorità e la forza di “costringere” Autorità Portuale a fare il suo dovere? Nessuno che difenda la salute dei cittadini?

  7. Solo una task Force composta da Sindaco, Regione, Sanità ….può ragionevolmente imporre questa innovazione.con lo stimolo anche di Stato ed Europa magari.
    Non lasciamo nulla di intentato, ormai il RE È NUDO!!!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*