6 Comments

  1. Non mi pare di conoscere Giuseppe Bruzzone ma data la mia età, ho settant’anni, certamente ci saremo annusati per Pra’ dove ciascuno segna il territorio e lascia piccole storie del suo passaggio. Me lo ricordo bene “U Trippa”, un personaggio da porto delle nebbie e quei tavoli di marmo bianco dove, per chi voleva, c’erano il brodo sempre pronto e discorsi mai scontati. Anche la maestra Pacini mi ricordo, mamma del mio amico Mario col quale ci ha unito la frequentazione dell’Istituto Nautico, il mitico San Giorgio che raggiungevamo tutte le mattine dopo un viaggio felliniano su dei tram improbabili , prima l’1 fino a Caricamento e poi il 15 fino a Piazza Palermo. Altri tempi, altre storie. Grazie Giuseppe per questo bel ricordo.

  2. Grazie dei commenti Mio Capitano (ed Elisa), a ritroso nel giornale se interessa ci sono altri articoli “Me Ricordu”: 30/3/18 “i dui meghi da mutua – 4/12/7 “una Maestra Praina (la Maestra Pacini)- 4/8/17 ” Un Praino a New York” con mia foto cosi’ mi conosci o Mio Capitano
    Saluti Giuseppe Bruzzone

    • Buongiorno Pino Bruzzone.
      Li ho letti i suoi articoli precedenti e tutti riportano al cuore personaggi di una Pra’ che era compiuta nell’essere borgo, dove tutti conoscevano tutti. Achille Dapelo era un amico di famiglia mentre Chiusano amico di bar. Palaeu con i suoi cavalli in una via Cordanieri neanche ancora asfaltata e i corazzieri nella praese che intrecciavano le ultime “corde” prima di sparire nel capannone du “Caviggiun” … non mi guardo indietro perché la vita mi ha sempre spinto avanti … ma il ricordo non si può cancellare. Grazie per i suoi colpi di pennello su una tela antica.

  3. Stupendo ricordo. Uno spaccato di vita che ho trovato dolcissimo e un po’ struggente. Reso con la maestria delle parole che dipingono quadri, come pennelli. Il porto, la fatica del lavoro di braccia, la tripperia e i suoi odori intensi, la frugalita’ delle cose semplici e genuine di un tempo, questo Bimbo legato ai Nonni e affascinato dalle loro esperienze … ecco, non so come dire … sento profumo di bontà, di famiglia, di Paese dove tutti si conoscono, di rispetto per l’età e la conoscenza, di sacralità dei ruoli … e di molto altro che è rimasto vivo nei ricordi, nel rimpianto per una dimensione di vita certo non facile, non agiata, non ricca della “materialità” in cui viviamo oggi, ma sicuramente più umana e piena d’amore. Bravissimo, davvero. Una riflessione che ha risvegliato in me molte emozioni, grazie.

Rispondi a Pino B. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*