A fine 2021 la nuova data per l’inizio dei lavori di copertura dell’autostrada a Pra’-Palmaro

Galleria fonica antirumore mitigazione acustica Pra-Palmaro simulazione 3d

Luciano Bozzo –

Nel corso della riunione del Gruppo di Lavoro “Bravo” del Tavolo Tecnico Pra’lmarium di martedi 20 aprile dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia hanno risposto direttamente a una richiesta di informazioni pervenuta dai cittadini di Pra’ e veicolata dalla FondAzione PRimA’vera indicando nella fine del 2021 la nuova data di inizio dei lavori per la realizzazione della galleria fonica di copertura ed insonorizzazione del tratto dell’autostrada A10 che si snoda tra le abitazioni di Pra’-Palmaro.
La copertura autostradale in questo tratto urbano è una questione pluri-annosa che va avanti ormai da decenni tra infinite discussioni, diversi progetti avanzati e continui rinvii dell’inizio dei lavori, lavori più volte annunciati e fino a qui mai avviati. Come ha efficacemente sintetizzato il Presidente del Municipio VII Ponente
Claudio Chiarotti questa è la quarta volta che Autostrade per l’Italia annuncia una data di inizio lavori e ci si augura che questa volta non si debba assistere ad ulteriori rinvii visto il grave disagio che il rumore e l’inquinamento continuano a generare a così poca distanza dalle case e che l’esasperazione degli abitanti ha ormai da  

Galleria fonica antirumore mitigazione acustica Pra-Palmaro

tempo superato ogni limite di sopportazione. Della coperura e dell’insonorizzazione di questo segmento autostradale (l’ultimo di tutto il ponente della città di Genova a non esserne mai stato dotato) si parlava già negli anni ’80 e ’90 e nel 1995 venne presentato il progetto Labò, nato su iniziativa dei residenti ma mai realizzato nonostante un accordo di programma del 2000 tra amministrazione pubblica e Autostrade. In un’assemblea pubblica tenutasi a Villa De Mari nel maggio 2014 alla presenza dell’Ing. Alberto Selleri di Autostrade e dell’allora ViceSindaco Stefano Bernini furono presentate due diverse proposte, una delle quali derivata proprio da quel progetto degli anni ’90. Due anni dopo, ad aprile 2016 in una nuova assemblea pubblica a Pra’-Palmaro venne quindi presentato quello che doveva essere il progetto definitivo con una doppia galleria fonica di insonorizzazione e un assetto complessivo più ridotto e più semplice rispetto alla soluzione “Labò”; allora si disse che c’erano ancora da rifinire alcuni dettagli del progetto e si prevedeva di poter concludere i lavori per il 2018.
Così però non è stato e nel dicembre 2018 ancora a Villa De Mari Autostrade per l’Italia ha presentato alla cittadinanza un nuovo progetto finale per la galleria fonica; secondo le tempistiche allora comunicate i lavori avrebbero dovuto iniziare nel 2019 e concludersi nel 2021 ma ad oggi non sono mai stati avviati. Il disastro del viadotto Morandi e tutti i problemi collegati alle varie attività di manutenzione in corso sulle autostradi liguri sono probabilmente tra le cause principali di questo nuovo ed inatteso rinvio ma sta di fatto che ultimamente non si sapeva più nulla sulle nuove tempistiche di realizzazione della galleria fonica a Pra’-Palmaro tanto che a dicembre 2019 il Comitato Palmaro, espressione di molti cittadini del sestiere, comunicava di aver inviato una diffida alla Società Autostrade per il rumore causato sia dalla mancata copertura del tratto autostradale che dal continuo transito di camion sul viadotto di collegamento tra autostrada e porto.
Nella riunione del Pra’lmarium dello scorso 20 aprile l’Ingegner Francesco Barra comunicando di essere subentrato da circa un mese nell’incarico di RUP (Responsabile Unico del Procedimento) per il progetto della galleria fonica a Pra’-Palmaro ha affermato che l’avvio dei lavori della galleria fonica è ora stimato per la fine di quest’anno; i lavori dovrebbero poi durare 725 giorni (quindi all’incirca 2 anni) e concludersi alla fine del 2023. Nel frattempo a rendere la situazione ancora più grave per i residenti praesi a fine 2020 sono anche state smontate le barriere antirumore nel vicino sestiere di Pra’-Borgo Foce facendo ripiombare in una situazione di pesante disagio in particolare gli abitanti di via della Torrazza, via Durante e via Finale. Il problema è comune anche ad altre zone di Genova (Pegli, Sestri Ponente, Coronata, Bolzaneto e Quezzi) e nasce dall’obbligo imposto dalla Magistratura di smontare e abbassare tutte le barriere simili a quelle che si erano precedentemente distaccate sull’autostrada A12; questo in attesa di installare barriere con migliori standard di sicurezza. A febbraio di quest’anno un gruppo di cittadini esasperati ha lanciato una raccolta firme e minacciato cause in tribunale e a inizio marzo il Consiglio Comunale di Genova ha approvato una mozione che impegna il Sindaco e la Giunta a chiedere ad Autostrade di ripristinare nel più breve tempo possibile le barriere antiurto e antirumore fornendo il cronoprogramma dettagliato delle ricollocazioni.
Nella riunione del Pra’lmarium del 20 aprile i dirigenti ed i tecnici di Autostrade hanno chiarito la situazione: più o meno a breve, non appena dal Ministero arriveranno le opportune autorizzazioni ed in via transitoria, le attuali barriere verranno parzialmente rialzate per limitare il disagio creato ai residenti mentre in seguito quelle barriere saranno poi sostituite con altre nuove e pienamente in linea con il rispetto di quegli standard di sicurezza su cui il dispositivo attivato dalla Magistratura ha posto l’attenzione. Su questo secondo passaggio, che dovrebbe anche essere quello definitivo, al momento però Autostrade non è in grado di indicare i tempi di messa in opera che dipendono dalla definizione di un opportuno protocollo da parte del Ministero competente. La presenza dell’Autorità di Sistema Portuale (AdSP) è servita anche a fare il punto sulla costruzione del nuovo viadotto di collegamento tra autostrada e porto di Pra’. AdSP intende consegnare il progetto, elaborato da Autostrade, il mese prossimo affinchè possano essere avviati i lavori che dureranno circa 2 anni e mezzo; solo al termine di essi verrà demolito il viadotto attuale che deve continuare a garantire il necessario collegamento con il porto anche per tutta la durata dei lavori. I lavori devono ora incastrarsi con le esigenze di autostrade e ferrovie visto che andranno ad interferire con la linea ferroviaria Genova-Ventimiglia che dovrà essere interrotta per almeno una decina di volte, ma solo di notte e coordinando e decidendo gli interventi con RFI. Si cercherà di creare il minor disagio possibile anche per i residenti. Il Presidente del Municipio ha sollevato l’esigenza di riavviare i contatti, gli incontri e la collaborazione tra Municipio e Autostrade per le questioni logistiche legate ai lavori della galleria fonica, per la cantierizzazione del nuovo viadotto e per il ripristino delle barriere fonoassorbenti.
Il Tavolo Tecnico Pra’lmarium continuerà a seguire l’iter di realizzazione del nuovo viadotto al fine di massimizzarne la riduzione dell’impatto ambientale sull’abitato e sui residenti, cercando di aggiungere una ulteriore barriera verde naturale costituita da alberi e piante alle barriere fonoassorbenti già previste nel progetto nonchè altri elementi di miglioramento anche estetico. I lettori di SuPra’Tutto continueranno ad essere informati sull’attività del Pra’lmarium e sui risultati positivi per i quali si sta lavorando e che via via ci si augura di raggiungere.

1 Comment

  1. La storia infinita… Riusciremo finalmente NOI a veder realizzata la galleria fonica? Io spero ardentemente di sì. Così come vorrei tanto vedere la realizzazione di tutte le opere di mitigazione e di riqualificazione previste per Pra’-Palmaro…
    Intanto grazie a tutti coloro che si stanno impegnando per portare avanti queste richieste e i progetti e grazie a chi ci tiene sempre aggiornati.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*