“16157”, Codice di Avviamento Postale di Pra’, diventa un libro/racconto

Alla seconda ristampa, il volumetto viene distribuito ad offerta libera presso alcuni esercizi commerciali di Pra'-Palmaro

Elis@Provinciali –

Nel positivo fermento che attraversa il sestiere di Palmaro, ecco che una sua giovane abitante decide di dare alle stampe questo libro, per aiutare la raccolta fondi del Comitato Palmaro ed aumentare la presa di coscienza dei cambiamenti drammatici del territorio, attraverso la lettura ed il fantastico. L’anno scorso , avevo pubblicato “Racconti surreali per gente normale”, che raccoglie storie e pensieri mediati dalla mia esperienza di blogger, che porto avanti da due anni, con una buona frequenza (15.000 persone mi seguono)…ed invece quest’estate ho avuto il desiderio di scrivere questo libriccino che ha per protagonista Nicolò, il nome di mio figlio, un pre-adolescente negli anni ’90 a Palmaro” racconta Manuela Monaco, insegnante e

Manuela con figli

mamma di un maschietto ed una bimba. Per non spoilerare del tutto la trama , diciamo solo che, in uno stile fresco ed accattivante, l’autrice narra di come il protagonista vivrà esperienze reali, il primo innamoramento, l’amicizia dei compagni ed altre più fantasiose, collegate alle drammatiche trasformazioni subite negli ultimi 40 anni dal nostro territorio. Certamente si tratta di una lettura che va a toccare tali cambiamenti, attraverso lo sguardo di un ragazzino tredicenne, e sarà certamemente adatto allo scopo di sensibilizzazione con cui è stato scritto. Vorrei lanciare un messaggio di speranza” dice   Manuela “perchè se ormai il danno è stato fatto, pur tuttavia possiamo tutti impegnarci per migliorare le cose e l’unione sarà in grado di portare ad una bella trasformazione del sestiere di Palmaro”.

Una curiosità: la foto di copertina rappresenta un graffito realmente presente nei pressi del campetto della Praese calcio , anzi l’originale era “16157 domina”. Di buon auspicio!

2 Comments

  1. Ho letto il libro…delizioso!!!
    Mi ha riportato indietro nel tempo, quando per andare al mare, spiaggia libera, bastava fare il sottopassaggio delle Sorgenti sulfuree e lo avevi tutto per te! Che nostalgia. ..delle serate passate a cenare e giocare a carte con la mia famiglia, seduti sull’asciugamano sino a che non c’era più luce ed era ora di andare a dormire.
    Bel racconto su una Palmaro che non tornerà ma forse riusciremo ad averne un’altra più vivibile e bella di quella odierna. C’è gente che si dà molto da fare per ottenere questo risultato…Anche attraverso i ricordi di Manuela!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*